L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

Pagina 1 di 8 123 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 143

Discussione: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

  1. #1
    koba44
    Guest

    L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Nessuno ci sta pensando, nonostante gli annunci tipo "vieteremo i mezzi a motore termico entro l'anno 20XX".

    Leggendo qui: http://allarovescia.blogspot.it/2017...riche.html?m=1

    "Il Regno Unito investirà circa 100 milioni di sterline per creare una rete di colonnine di ricarica.”
    Segretario di Stato per l'Ambiente inglese Michael Gove mentre inneggiava allo stop di benza e gasolio entro 15 anni. Come vedremo con quella cifra non ci fai quelle necessarie per un caseggiato


    Una Tesla da 120 kWh (400 km nominali di percorrenza) ricaricata a casa con un impianto da 6 kW ci metterebbe almeno 20 ore per una carica completa.

    La rete attuale non reggerebbe nemmeno un 2% di parco circolante elettrico, dice il blogger.

    ---
    Tutto vero, ma il tizio non considera gli sviluppi sulla rete elettrica intelligente, che risolverebbero i problemi di picchi concentrati di consumo.

    L'auto elettrica è nonostante tutto ancora tanta fuffa.

  2. #2
    Senior Member L'avatar di Necrotemus
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Lothian
    Messaggi
    1.503
    Gamer IDs

    Steam ID: 76561197970991015

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    In Uk si sta investendo in questa fetta di mercato, che vede circa 100000 macchine elettriche registrate finora. Solo guardando la mia zona (Edinburgh e dintorni), ci sono al momento abbastanza punti di ricarica (https://www.zap-map.com/live/), uno e' presente anche nel parcheggio aziendale.

    Credo che questi punti siano da utilizzare piu' come temporanei top up (alla stregua di quando ricarichi il cellulare sul treno o sull'autobus) da sfruttare nel tempo di sosta che come punti di rifornimento come i distributori di benzina. Alla fine a lavoro la macchina la si lascia ferma per almeno 6 ore.

    Per quando riguarda la distribuzione, sara' spinta sempre piu' dalla richiesta di mercato, cosa che mi fa ridere, pensando a quante case qui hanno il riscaldamento elettrico.
    L'auto elettrica sara' per anni uno status simbol per pochi che possono permettersela (costi all around inclusi), forse ci sara' piu' una spinta sulle ibride, ma il mercato degli idrocarburi e' ben lungi dall'essere fermato, coinvolge troppi posti di lavoro, indotto e tasse.


  3. #3
    koba44
    Guest

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    In uk le forniture casalinghe hanno 15-20 kW disponibili, contro i nostri 3 kW.

    Con 3 kW si ricarica una Tesla in più di 40 ore.

  4. #4
    Senior Member L'avatar di Necrotemus
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Lothian
    Messaggi
    1.503
    Gamer IDs

    Steam ID: 76561197970991015

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Citazione Originariamente Scritto da koba44 Visualizza Messaggio
    In uk le forniture casalinghe hanno 15-20 kW disponibili, contro i nostri 3 kW.

    Con 3 kW si ricarica una Tesla in più di 40 ore.
    Spiace dirlo, ma non credo che l'Italia sia al momento un possibile mercato, considerando anche quanta energia viene importata.

    Credo che prima si investira' e studieranno i casi in nazioni come Norvegia, USA, China e poi il resto quando ci sara' bisogno di espansione


  5. #5

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Qui a Trieste inziano a vedersi sempre più spesso Tesla model S con targa straniera, e anche coloninne di ricarica iniziano ad essere sempre più presenti, io abito in un paesino in provincia e ne ho almeno 2 nel raggio di 5km da casa, 1 nel parcheggio di una Coop e l'altra in un parcheggio pubblico gratuito

    Inviato dal mio ALE-L21 utilizzando Tapatalk

  6. #6
    Moggi idolo!
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Melbourne
    Messaggi
    8.077
    Gamer IDs

    PSN ID: ilbelbecchino Steam ID: 76561198018696825

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    È bello che pensiate che i proclami di cambiamenti futuri si facciano basandosi su tecnologie in uso ora.

    Inviato dal mio SM-G935F utilizzando Tapatalk

  7. #7
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    161

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Il powerwall risolve il problema a ben vedere.
    Basterebbe un modulo wifi o 3g per connetterlo alla rete e coordinare le attività di ricarica in modo da rispettare i limiti della rete elettrica.

  8. #8
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.818

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Citazione Originariamente Scritto da koba44 Visualizza Messaggio
    La rete attuale non reggerebbe nemmeno un 2% di parco circolante elettrico, dice il blogger.
    il blogger è del tutto disinformato oppure totalmente digiuno di matematica elementare, a vostra scelta.
    oggi ci sono in italia 45.000 stazioni di servizio e nessuno di noi pensa che siano poche. con una media di 4 stalli a stazione di servizio, 500 km di autonomia, 14 kWh elettrici da caricare in batteria ogni 100 km, rendimento del 95% e 15 min per una ricarica completa, le future stazioni di servizio elettriche possono essere alimentate tutte contemporaneamente con:
    45*4*5*14*4/0,95/1000=13 GW di potenza.
    la potenza termoelettrica installata in italia è 54 GW (quella complessiva supera i 120), quella mediamente disponibile è 69 GW, il record storico assoluto dei consumi 59 GW (il 16 luglio 2015, per la cronaca).
    come si vede, la rete può sostanzialmente già farcela, con tutti gli stalli necessari contemporaneamente in ricarica a massima velocità.

    se poi vogliamo considerare 20 milioni di autovetture elettriche, con percorrenza media di 60 km/giorno che si ricaricano tutte quante contemporaneamente nelle 8 ore notturne di fascia F3 (dove il consumo scende sotto i 40 GW), con sempre le efficienze di cui sopra ci serve una potenza di 20*60/100*14/8=21 GW che è già disponibile (di notte). il powerwall risolve un problema che non c'è (quello di accumulare il FV di giorno per riemetterlo di notte: problema che ai ritmi attuali di sviluppo non avremo ancora per molto, molto tempo).

    le auto immatricolate in italia sono 48 milioni, quindi fino al 40/50% di mobilità elettrica la rete di distribuzione va bene così com'è (a parte che ci servono alcune migliaia di trasformatori da installare nelle nuove stazioni di servizio).

    PS: le fonti sono terna per i dati elettrici e unione petrolifera per quelli sulle stazioni; l'efficienza è quella della nissan leaf, l'autonomia quella della tesla 3 versione potenziata.

    Citazione Originariamente Scritto da koba44 Visualizza Messaggio
    L'auto elettrica è nonostante tutto ancora tanta fuffa.
    questo è vero. il problema di base è il costo dell'autonomia, che è abbordabile su vetture di fascia medio/alta o alta, ma impedisce ed impedirà ancora a lungo la diffusione nel mercato di massa. infatti se guardate gli annunci sono tutti "100% elettrico a partire dall'anno XX" dove XX è lontanissimo nel tempo.
    un annuncio serio, dietro cui ci sia un piano di sviluppo o almeno una ricerca industriale, direbbe "5% elettrico al 2020" o "20% elettrico al 2030". invece si passa direttamente al 100% sperando che nei decenni che stanno in mezzo si scopra una tecnologia per le batterie con densità energetica, costo e rigenerabilità migliori dei combustibili.

    tecnicamente il problema lo risolve il quadriciclo (vettura di dimensioni e peso ridotte per il solo uso urbano), che però non è "cool" e quindi non scatena il transfert del pirla medio al volante che il marketing è così bravo a sfruttare per vendere le auto.
    non a caso la mobilità elettrica di massa nel prossimo decennio è prevista diffondersi maggiormente non in UE nè in USA, ma in cina, india e altre zone dell'asia, con elettricità prodotta dal carbone (of course) e scatolette microscopiche con livelli di batteria richiesti molto inferiori: per fare concorrenza ai risciò, non ai SUV.
    Ultima modifica di Ronin; 02-08-17 alle 17:19

  9. #9
    Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    1.135

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Citazione Originariamente Scritto da dinofly Visualizza Messaggio
    Il powerwall risolve il problema a ben vedere.
    Basterebbe un modulo wifi o 3g per connetterlo alla rete e coordinare le attività di ricarica in modo da rispettare i limiti della rete elettrica.
    Dipende da quanto tempo impieghi a ricaricarlo, alla fine è una batteria come ne vendono pure LG o altri marchi.
    Se ti affidi al fotovoltaico stai fresco, il Powerwall è da 14 kwh e da maggio a settembre li gestisci con 3kw di pannelli. Da ottobre ad aprile te ne servono almeno 6kw (per dire, a casa mia il mio impianto da 3 kw nel periodo primavera/estate genera dai 15 ai 18 kwh in base anche alle temperature, in gennaio/febbraio con giornate soleggiate non arrivo agli 8kwh...). Fermo restando che una batteria simile la acquisterei più per uso casalingo che per altro, capirai che per ricaricare da zero gli 75 kwh di batteria della Model S base te ne servono almeno 4 e sarebbero 26k euri di spesa...

    Diciamo che Tesla sta sfruttando il marketing delle auto elettriche proponendo non solo le batterie ma anche interi impianti fotovoltaici visto che vende addirittura le tegole fotovoltaiche per i tetti "Solar Roof" ad un prezzo che è meglio lasciar stare

  10. #10
    koba44
    Guest

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Il quadriciclo che si guida da solo, stile microbus, potrebbe essere la killer app per la diffusione della trazione elettrica in ambito urbano.

    Del trasporto pesante invece non se ne parla proprio: a livello di emissioni quella categoria dovrebbe produrre un bel tot %.

    Immagino i proclami "solo elettrico dall'anno X" riguardi solo le autovetture e/o solo le zone urbane delle città maggiori.
    Ultima modifica di koba44; 03-08-17 alle 13:39

  11. #11
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.818

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    sì naturalmente. il trasporto medio e pesante andrebbe trasferito sul metano liquido, sarebbe un taglio di emissioni comunque sensibile e l'azzeramento sostanziale delle polveri sottili.

  12. #12

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Ma per il trasporto medio e leggero, anche qui? Da quel che vedo, l'utilizzo di furgoni e autocarri è su distanze relativamente limitate e per poche ore al giorno, diffondere l'elettrico "aziendale" per i veicoli commerciali non potrebbe essere un buon inizio? A fronte di un incentivo non sarebbe affatto male passare a furgoni elettrici, visto il tipo di utilizzo che abbiamo ora (parlo di realtà come la mia, settore industriale metallurgico/manutenzione impianti).

  13. #13
    koba44
    Guest

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    sì naturalmente. il trasporto medio e pesante andrebbe trasferito sul metano liquido, sarebbe un taglio di emissioni comunque sensibile e l'azzeramento sostanziale delle polveri sottili.
    Metano gassoso a 200 bar :( delle megabombe semoventi.

    Non so se hai presente come ammazzava la gente il tizio:



  14. #14
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.818

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    se le batterie sono per il momento troppo costose, ingombranti e a durata di vita limitata per muovere auto da 800 kg con 100 kg a bordo, nulla fa pensare che vada meglio usandole per muovere furgoni da 2-4 tonnellate con 1-2 tonnellate di carico.

    un altro grosso problema è quello delle accise, sulle vendite di gasolio e benzina lo stato si finanzia con oltre 30 miliardi l'anno di introiti, tutti convertiti a elettrico con le accise attuali gli introiti scenderebbero a circa 1-2 miliardi a seconda della percentuale ricaricata da prese domestiche, praticamente un azzeramento (mentre il costo al km per il conducente scenderebbe sì, ma molto meno, da quello attuale a circa 3 €/100 km con presa domestica). occorrerebbe quindi aumentare drasticamente le accise per mantenere il gettito, e applicarle anche sulla autoproduzione da fotovoltaico e altre rinnovabili, il che porterebbe l'elettrico a essere più costoso anche in termini di costo/km e non solo di acquisto.

    - - - Aggiornato - - -

    Citazione Originariamente Scritto da koba44 Visualizza Messaggio
    Metano gassoso a 200 bar :( delle megabombe semoventi.
    il metano compresso a 2-300 bar ha una densità energetica che va bene per le autonomie richieste da un'automobile (e anche lì è scarso), ma per le autonomie richieste dal trasporto pesante la sua densità è insufficiente. il metano liquido ha densità 600 volte maggiore. non è fantascienza, in USA già li fanno i camion a LNG (ma anche in UE: in francia, olanda, e forse altri sono già sul mercato)

  15. #15
    koba44
    Guest

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Di metano liquefatto per autotrazione è la prima volta che lo sento. Interessante. Pensavo che i costi di liquefazione fossero proibitivi.

    Il problema accise lo risolveranno con un megabollo o una black box che conti i km e trasmetta l'informazione al Fisco.

  16. #16
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.818

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Per problema accise non intendo incassarle.
    Intendo che bisognerà convincere il guidatore medio che avere un'auto che costa il doppio di acquisto e fa spendere uguale al km è un progresso...

  17. #17
    Senior Member L'avatar di iWin uLose
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.631

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Penso che a breve comincerò con la bici elettrica. Tempi di percorrenza urbani migliori di qualsiasi altro mezzo, no bollo, no assicurazione, no carburante, no ztl, no sudore in salita vestito da lavoro. Davanti all'ufficio ho una rastrelliera controllata dalle guardie e a casa la metto in cantina.

    Ne ho provate alcune, dovrò prenderla illegale perché quelle a codice vanno troppo piano per i miei gusti.

  18. #18
    koba44
    Guest

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    Per problema accise non intendo incassarle.
    Intendo che bisognerà convincere il guidatore medio che avere un'auto che costa il doppio di acquisto e fa spendere uguale al km è un progresso...
    Ma perché in Cina (e altri paesi) gli Scooter elettrici costano pochissimo (400€) e sono usatissimi, mentre da noi costano un botto?

  19. #19
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.818

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Probabilmente per costi omologativi e norme di sicurezza europee. E poi molti scooter elettrici di basso prezzo non hanno il motore sincrono a magneti permanenti calettato sulla ruota, ma l'asincrono con la trasmissione

  20. #20
    Moderatore L'avatar di Ghost
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.432

    Re: L'Auto Elettrica e i limiti dell'infrastruttura di distribuzione

    Citazione Originariamente Scritto da Tyreal Visualizza Messaggio
    Ma per il trasporto medio e leggero, anche qui? Da quel che vedo, l'utilizzo di furgoni e autocarri è su distanze relativamente limitate e per poche ore al giorno, diffondere l'elettrico "aziendale" per i veicoli commerciali non potrebbe essere un buon inizio? A fronte di un incentivo non sarebbe affatto male passare a furgoni elettrici, visto il tipo di utilizzo che abbiamo ora (parlo di realtà come la mia, settore industriale metallurgico/manutenzione impianti).
    A Roma già ne sto vedendo molti, principalmente chi lavora al centro li usa

    Inviato dal mio HUAWEI VNS-L21 utilizzando Tapatalk

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su