TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora - Pagina 597

Pagina 597 di 845 PrimaPrima ... 97497547587595596597598599607647697 ... UltimaUltima
Risultati da 11.921 a 11.940 di 16882

Discussione: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

  1. #11921
    Senior Member L'avatar di Marlborough's
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Brescia
    Messaggi
    2.892

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Beh, in questo caso possono attaccarsi al penzolone nel pantalone

  2. #11922
    Senior Member L'avatar di Edward Green
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.839

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    non è che siccome una o più volte non funzionavano al meglio le volevo buttar via.
    Non tieni conto della logica "tanto peggio, tanto meglio" e di tutte le variabili che ci sono dietro
    In nome dell'Equilibrium...

  3. #11923
    Il Drago Dormiente L'avatar di Zhuge
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    26.305
    Gamer IDs

    PSN ID: Zhuge1988 Steam ID: zhuge88

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    bellino batman telltale

    https://www.worldoftrucks.com/en/onl...e.php?id=92274
    Corsair Carbide 200R - Asrock Z97 Extreme4 - Intel Core i7 4790 3.60GHz Quad Core - Arctic Cooling Freezer 13 - 2X Corsair Vengeance 8GB 1600MHz - Samsung 840 EVO 250GB MZ-7TE250BW - Seagate Barracuda 2TB ST2000DM001 - Gigabyte G1 Gaming GTX 1070 8GB - Corsair CS650M 650W - Windows 8.1 64bit DSP OEI

  4. #11924
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Edward Green Visualizza Messaggio
    Non tieni conto della logica "tanto peggio, tanto meglio"
    Sembra più muoia Sansone con tutti i Filistei...

    Non mi piace fare il vecchio che parla male dei giovani, ma secondo me a forza di individualismo si è lacerato forse irreparabilmente il tessuto sociale.
    Le nuove generazioni hanno mezzi comunicativi di straordinaria potenza, ma sono sole con la loro disperazione.
    Le pensioni non sono più quelle dei loro nonni, i posti di lavoro non sono più quelli dei loro padri, lo stato non è più quello che ha dato loro istruzione, sanità, strade, l'Europa non è più quella che ha messo fine alle guerre e ha permesso di viaggiare e vedere il mondo. Perfino gli Usa non sono più il paese della libertà.
    Un mondo di estranei visti come parassiti solo perché si sono guadagnati il loro posto con qualche anno di anticipo.
    Una crisi che è prima di tutto della famiglia, i cui legami nell'epoca del figlio unico, dei neet, dei dink si dissolvono. Così la società si infragilisce come il terreno senza più radici degli alberi, e frana al primo temporale che passa.
    Ok la smetto ma la faccenda è seria
    Ultima modifica di Ronin; 29-09-17 alle 20:20

  5. #11925
    Senior Member L'avatar di Edward Green
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.839

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    Sembra più muoia Sansone con tutti i Filistei...
    Questa è la versione pessimista

    Diciamo che ti potrei elencare tante di quelle variabili...
    In nome dell'Equilibrium...

  6. #11926
    Senior Member L'avatar di caesarx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Nel Villaggio dell'Emiro, con la speranza di scappare
    Messaggi
    3.900

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    Sembra più muoia Sansone con tutti i Filistei...

    Non mi piace fare il vecchio che parla male dei giovani, ma secondo me a forza di individualismo si è lacerato forse irreparabilmente il tessuto sociale.
    Le nuove generazioni hanno mezzi comunicativi di straordinaria potenza, ma sono sole con la loro disperazione.
    Le pensioni non sono più quelle dei loro nonni, i posti di lavoro non sono più quelli dei loro padri, lo stato non è più quello che ha dato loro istruzione, sanità, strade, l'Europa non è più quella che ha messo fine alle guerre e ha permesso di viaggiare e vedere il mondo. Perfino gli Usa non sono più il paese della libertà.
    Un mondo di estranei visti come parassiti solo perché si sono guadagnati il loro posto con qualche anno di anticipo.
    Una crisi che è prima di tutto della famiglia, i cui legami nell'epoca del figlio unico, dei neet, dei dink si dissolvono. Così la società si infragilisce come il terreno senza più radici degli alberi, e frana al primo temporale che passa.
    Ok la smetto ma la faccenda è seria
    Ma tu non eri quello del si sta meglio ora che prima?
    ...there's no need to say thank you, the best way to say it is beeing here and fight with us. - Skip

  7. #11927
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Sì, dal punto di vista della realtà media (il che è innegabile).
    Appunto che quel che accade nella testa Delle categorie che invece si sentono penalizzate è particolarmente importante.
    I giovani sono sempre stati svantaggiati rispetto agli adulti; le novità dirompenti di questo decennio sono che vedono padri e nonni come parassiti e zavorra (invece che come obiettivo da raggiungere e superare, come è sempre stato), e che sono fatti a pezzetti da giovani di altri paesi con più "fame" (ambizioni, non appetito).
    Se della seconda si può dire che è l'esito dei continui tagli all'istruzione pubblica, rottura dell'alleanza genitori insegnanti e del degrado progressivo del nepotismo universitario, è la spiegazione della prima che mi sfugge completamente (ok, non sono più giovane da un pezzo, quindi è normale che mi sembri un pensiero alieno; ma vorrei comunque capirne lo sviluppo, per cercare antidoti sulla generazione dei miei figli, su cui siamo ancora in tempo a correggere gli errori)

  8. #11928
    Senior Member L'avatar di caesarx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Nel Villaggio dell'Emiro, con la speranza di scappare
    Messaggi
    3.900

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Perché i cittadini del mondo sono cresciuti con il mantra del "vai benissimo così come sei", perché i genitori hanno permesso loro qualsiasi cosa nel nome del "devono vivere meglio di come sono vissuto io", perché vengono considerati ragazzi quando alla metà della loro età negli altri paesi son già fuori di casa, perché, banalmente, i soldi da soli non fanno la felicità.
    ...there's no need to say thank you, the best way to say it is beeing here and fight with us. - Skip

  9. #11929
    Senior Member L'avatar di NOXx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Toscana
    Messaggi
    11.589
    Gamer IDs

    Gamertag: m4lfuri0n PSN ID: m4lfuri0n_86 Steam ID: m4lfuri0n

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Ese, i soldi non fanno la felicità

    Inviato dal mio LG-D855

    Steam: m4lfuri0n; Origin: m4lfuri0n; Battle.net: m4lfuri0n#2885; GOG: m4lfuri0n; XBox Live: m4lfuri0n; PSN: m4lfuri0n_86
    Twitch: m4lfuri0n; Hitbox: m4lfuri0n; Youtube: m4Lfuri0n

  10. #11930
    Mad Scientist for fun L'avatar di wesgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4.730

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    Sì, dal punto di vista della realtà media (il che è innegabile).
    Appunto che quel che accade nella testa Delle categorie che invece si sentono penalizzate è particolarmente importante.
    I giovani sono sempre stati svantaggiati rispetto agli adulti; le novità dirompenti di questo decennio sono che vedono padri e nonni come parassiti e zavorra (invece che come obiettivo da raggiungere e superare, come è sempre stato), e che sono fatti a pezzetti da giovani di altri paesi con più "fame" (ambizioni, non appetito).
    Se della seconda si può dire che è l'esito dei continui tagli all'istruzione pubblica, rottura dell'alleanza genitori insegnanti e del degrado progressivo del nepotismo universitario, è la spiegazione della prima che mi sfugge completamente (ok, non sono più giovane da un pezzo, quindi è normale che mi sembri un pensiero alieno; ma vorrei comunque capirne lo sviluppo, per cercare antidoti sulla generazione dei miei figli, su cui siamo ancora in tempo a correggere gli errori)
    CIoe' non sono certo io che ho deciso di crescere in una societa che mi ha fatto capire chiaramente che era disposta a sottomettermi ad ogni tipo di vessazione pur di mantere lo status quo.

    Perche io dovevo/devo lavorare di piu' dei mie colleghi in ufficio senza avere le stesse tutele/stipendio? Perche' quando sono andato in banca a chiedere un mutuo si sono messi a ridere anche se ho sempre lavorato ininterrottamente per piu' di 10 anni? Perche' non ho la pensione pur versando i contributi?

    Perche' il mio contratto veniva interrotto ogni anni per 3 giorni in modo che non diventase continuativo? Perche' quando sono andato dai sindacati mi ahnno detto che i giovani non sono stategici?

    Tu parli di coesione sociale ed io ti dico che i primi a rompere il patto sono stati quelli dai 50 in su'. E non e' solo perche i giovani fanno piu' fatica dei vecchi in generale. Qui i vecchi hanno attivamente affossato i giovani drenando tutto il possibile per tenersi loro privilegi (SENZA MOLLARNE NEANCHE UNO PER AIUTARE). Ti dico una cosa penso che abbiano fatto bene. Pero' l'egoismo funziona in due sensi.

    Direttamente da J4S un thread interessantismo sull'argomento (al netto delle stornzate tipiche della sezione) https://www.thegamesmachine.it/forum...dirigenti.html

    Riporto solo OP che firmerei con il sangue (e come puoi vedere non solo io)

    Ultimamente sento spesso un chiacchiericcio lamentoso di imprenditori e dirigenti che si dolgono perché non trovano “giovani o professionisti disposti a lavorare/sacrificarsi/fare la gavetta/crescere/prendersi responsabilità”, perché “arrivano qui e poi magari dopo 3 mesi non si trovano bene e se ne vanno e noi dobbiamo ricominciare da capo”.
    Come è possibile? Mo’ ve lo spiego come.
    Avete passato gli ultimi 10 anni ad insegnare e ripetere fino allo sfinimento a studenti, stagisti, amici, parenti, figli, che:

    il mercato è cambiato
    bisogna essere flessibili
    il posto fisso è superato
    freelance a partita IVA è bello perché sei più libero
    non ci sono certezze
    bisogna avere competenze diversificate
    bisogna essere disponibili a cambiare città o addirittura paese
    bisogna saper parlare 12 lingue
    l’esperienza è più importante dei soldi


    e daje e daje loro hanno imparato, si sono adattati, hanno trovato nuovi modi e nuove forme e adesso, quando li volete ligi, ossequiosi e obbedienti dietro ad una scrivania a spalare la vostra merda triste 12 ore al giorno per 1000 euro lordi al mese vi mandano a cagare.
    Non sviluppano nessuna affettività nei confronti dell’azienda, vi vedono solo come un bancomat che, al limite, può insegnargli una cosa nuova da vendere al prossimo giro.
    Non si sacrificano fuori orario per il bene supremo della società, per una visione che appartiene solo a chi guadagna sulle loro spalle.
    Non considerano un’opportunità dividere le responsabilità ma non i profitti, hanno altri paradigmi di professionalità (mi dici cosa vuoi, lo faccio, mi paghi, ciao) e di vita (mi piace la montagna, fanculo te e la tua reperibilità, vado 3 mesi in Nepal).
    Non comprano casa e quindi sticazzi della garanzia del mutuo (tanto magari domani parto per Glasgow a imparare come si addestrano i salmoni).
    E tutte queste cose gliele avete insegnate voi, in oltre 10 anni di crisi in cui avete mantenuto le vostre rendite di posizione sulle spalle di chi non aveva modo di “difendersi”. In 10 anni di “il tuo contratto scade tra 1 settimana e non te lo rinnoviamo, scusa il poco preavviso ma aspettavamo delle risposte dai clienti”, in 10 anni di stipendi striminziti, ingiusti e senza prospettive.
    E così è arrivata la mutazione genetica e siete voi ora quelli spiazzati, quelli con le strutture mastodontiche, ministeriali, che non solo non riescono ad accogliere le forme di lavoro “liquide” che avete fortemente contribuito a creare, ma non rappresentano più nemmeno una reale attrattiva economica e professionale perché a queste persone l’idea di stare 10 o 20 anni nella stessa azienda a sudarsi 100 euro lordi d’aumento ogni 5 (quando va bene), fa venire l’orticaria.
    Dove porterà tutto questo in termini economici e di mercato sul lungo termine di certo non so dirvelo io.
    L’unica cosa che dal profondo del cuore mi sento di dire è:
    loro hanno ragione e voi, davvero, avete rotto il cazzo.



    Qui si parla di mercato del lavoro e di aziende, ma ormai tutto l'apparato statale/sociale viene visto come l'oppressore. E si devo ammetere che l'idea del pensionato che mi ride in faccia perdere tutti i privilegi e diventare come me un po' mi fa' godere.

    Ultima nota non e' che cmq siamo dei pazzi. Tutte le statistiche e un sacco di studi hanno evidenziato coem la nostra generazione sara' la prima che sara' piu' povera della precedente dopo la 2nd guerra mondiale.
    Ultima modifica di wesgard; 30-09-17 alle 09:25

  11. #11931
    Senior Member L'avatar di abaper
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Pavia, provincia di
    Messaggi
    4.190

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da wesgard Visualizza Messaggio
    CIoe' non sono certo io che ho deciso di crescere in una societa che mi ha fatto capire chiaramente che era disposta a sottomettermi ad ogni tipo di vessazione pur di mantere lo status quo.

    Perche io dovevo/devo lavorare di piu' dei mie colleghi in ufficio senza avere le stesse tutele/stipendio? Perche' quando sono andato in banca a chiedere un mutuo si sono messi a ridere anche se ho sempre lavorato ininterrottamente per piu' di 10 anni? Perche' non ho la pensione pur versando i contributi?

    Perche' il mio contratto veniva interrotto ogni anni per 3 giorni in modo che non diventase continuativo? Perche' quando sono andato dai sindacati mi ahnno detto che i giovani non sono stategici?

    Tu parli di coesione sociale ed io ti dico che i primi a rompere il patto sono stati quelli dai 50 in su'. E non e' solo perche i giovani fanno piu' fatica dei vecchi in generale. Qui i vecchi hanno attivamente affossato i giovani drenando tutto il possibile per tenersi loro privilegi (SENZA MOLLARNE NEANCHE UNO PER AIUTARE). Ti dico una cosa penso che abbiano fatto bene. Pero' l'egoismo funziona in due sensi.

    Direttamente da J4S un thread interessantismo sull'argomento (al netto delle stornzate tipiche della sezione) https://www.thegamesmachine.it/forum...dirigenti.html

    Riporto solo OP che firmerei con il sangue (e come puoi vedere non solo io)

    Ultimamente sento spesso un chiacchiericcio lamentoso di imprenditori e dirigenti che si dolgono perché non trovano “giovani o professionisti disposti a lavorare/sacrificarsi/fare la gavetta/crescere/prendersi responsabilità”, perché “arrivano qui e poi magari dopo 3 mesi non si trovano bene e se ne vanno e noi dobbiamo ricominciare da capo”.
    Come è possibile? Mo’ ve lo spiego come.
    Avete passato gli ultimi 10 anni ad insegnare e ripetere fino allo sfinimento a studenti, stagisti, amici, parenti, figli, che:

    il mercato è cambiato
    bisogna essere flessibili
    il posto fisso è superato
    freelance a partita IVA è bello perché sei più libero
    non ci sono certezze
    bisogna avere competenze diversificate
    bisogna essere disponibili a cambiare città o addirittura paese
    bisogna saper parlare 12 lingue
    l’esperienza è più importante dei soldi


    e daje e daje loro hanno imparato, si sono adattati, hanno trovato nuovi modi e nuove forme e adesso, quando li volete ligi, ossequiosi e obbedienti dietro ad una scrivania a spalare la vostra merda triste 12 ore al giorno per 1000 euro lordi al mese vi mandano a cagare.
    Non sviluppano nessuna affettività nei confronti dell’azienda, vi vedono solo come un bancomat che, al limite, può insegnargli una cosa nuova da vendere al prossimo giro.
    Non si sacrificano fuori orario per il bene supremo della società, per una visione che appartiene solo a chi guadagna sulle loro spalle.
    Non considerano un’opportunità dividere le responsabilità ma non i profitti, hanno altri paradigmi di professionalità (mi dici cosa vuoi, lo faccio, mi paghi, ciao) e di vita (mi piace la montagna, fanculo te e la tua reperibilità, vado 3 mesi in Nepal).
    Non comprano casa e quindi sticazzi della garanzia del mutuo (tanto magari domani parto per Glasgow a imparare come si addestrano i salmoni).
    E tutte queste cose gliele avete insegnate voi, in oltre 10 anni di crisi in cui avete mantenuto le vostre rendite di posizione sulle spalle di chi non aveva modo di “difendersi”. In 10 anni di “il tuo contratto scade tra 1 settimana e non te lo rinnoviamo, scusa il poco preavviso ma aspettavamo delle risposte dai clienti”, in 10 anni di stipendi striminziti, ingiusti e senza prospettive.
    E così è arrivata la mutazione genetica e siete voi ora quelli spiazzati, quelli con le strutture mastodontiche, ministeriali, che non solo non riescono ad accogliere le forme di lavoro “liquide” che avete fortemente contribuito a creare, ma non rappresentano più nemmeno una reale attrattiva economica e professionale perché a queste persone l’idea di stare 10 o 20 anni nella stessa azienda a sudarsi 100 euro lordi d’aumento ogni 5 (quando va bene), fa venire l’orticaria.
    Dove porterà tutto questo in termini economici e di mercato sul lungo termine di certo non so dirvelo io.
    L’unica cosa che dal profondo del cuore mi sento di dire è:
    loro hanno ragione e voi, davvero, avete rotto il cazzo.



    Qui si parla di mercato del lavoro e di aziende, ma ormai tutto l'apparato statale/sociale viene visto come l'oppressore. E si devo ammetere che l'idea del pensionato che mi ride in faccia perdere tutti i privilegi e diventare come me un po' mi fa' godere.

    Ultima nota non e' che cmq siamo dei pazzi. Tutte le statistiche e un sacco di studi hanno evidenziato coem la nostra generazione sara' la prima che sara' piu' povera della precedente dopo la 2nd guerra mondiale.
    Chiaro, limpido e cristallino.
    L'ultima cosa da aggiungere è che anche gli over 40 iniziano a pensarla così. Fanculo la ditta per cui (non) si lavora e fanculo la sede in cui si fa consulenza che invece di assumerti ti prende in prestito.
    Il futuro? Si sfrutta il buono che c'è ( tipo la scuola, per quanto possa reggere ancora), si fanno studiare i figli e non si vede l'ora che diventino cervelli in fuga.
    Io ormai sono fottuto. Devo resistere ancora una 20ina d'anni, fare più soldi possibili e andare in pensione in qualche posto con il costo della vita bassissimo.
    L'Italia avrà un futuro di merda e risorse boldriniane che sfrutteranno i rimasugli che saranno rimasti e poi emigreranno verso nuovi lidi. Sempre che li facciano entrare.

    Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk

  12. #11932
    Senior Member L'avatar di Marlborough's
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Brescia
    Messaggi
    2.892

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Culandroni(), una curiosità: come funzionano le VGA integrate nelle CPU Intel recenti?
    Recenti per i miei standard insomma.
    Lavorano di concerto con la "VGA grossa()" oppure vengono disattivate non appena il sistema ne rileva una?

  13. #11933
    Senior Member L'avatar di balmung
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Χαλκίς
    Messaggi
    3.949

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Il problema è stato il venir meno della tutela statale. La barbarie sociale non è frutto di una sopravvenienza imprevedibile, ma il naturale epilogo di scelte sia interne sia delle istituzioni sovranazionali.

    L'apertura verso paesi che dello sfruttamento della manodopera hanno fatto il loro punto di forza, non poteva che portare a delocalizzazioni massive. Il consentire l'ingresso e la commercializzazione di prodotti, il cui basso costo è riconducibile ad una politica industriale portata avanti in spregio alla tutela ambientale, ha reso meno produttive talune attività economiche.

    La questione migrazioni non l'affronto nemmeno, visto che se ne è parlato migliaia di volte. Anche perchè è palese come l'arrivo di gente, disperata e ricattabile, abbia reso difficoltosa la ricerca di un lavoro a chi non intende andare a vivere in un fiat ducato.

    Un ulteriore tema rilevante è, poi, costituito dalle relazioni intrattenute con paesi il cui regime fiscale è ambiguo. E' ridicolo consentire ad un'azienda di operare prevalentemente in Italia e pagare le imposte altrove. L'apertura del mercato a Nazioni che praticano una concorrenza fiscale sleale nei confronti dei grandi paesi manifatturieri, ha avuto quale risultato un indebito arricchimento dei grandi operatori economici che di tale fiscalità hanno approfittato.

    Le problematiche di cui sopra sono state scaricate sui giovani

    La proliferazione normativa, che ha connotato non solo il diritto del lavoro, era finalizzata ad abbattere non il costo del lavoro ma dei lavoratori. Ciò cui si è mirato sin dall'inizio è stata la riduzione delle tutele ed il massacro del potere contrattuale, onde acquisire o recuperare competitività.

    La reazione dello stato, inteso come apparato burocratico, è stata orientata a scaricare sugli altri quelle difficoltà che se avessero investito tutti, sarebbero state meno gravose per i singoli.

    Anche Ceausescu si era reso conto dei problemi nascenti dall'esposizione debitoria verso l'estero. E' per tale ragione che avviò una politica di contenimento del debito, di modo che, nel 1989, la Romania lo aveva finalmente azzerato.

    un capolavoro

    Ed è così che, in Italia, si è venuta a creare la situazione del lavoratore laureato e formato, ma a P.iva o con un contratto ridicolo. La cui carenza di tutele è compensata dalla presenza di un gravame fiscale devastante.
    Dall'altro hai il tizio con la licenza media, o il diplomino, che ha vinto il concorsino e ha un contratto stabile da qui all'eternità. Con FEstivo, PRE-festivo e SUPER-festivo. O del pensionato, o del lavoratore a tempo indeterminato, il cui unico merito è l'essere nato prima.

    Ed eccovi lo scontro generazionale
    Ultima modifica di balmung; 30-09-17 alle 11:42 Motivo: si mangia le parole :/°

  14. #11934
    Il Drago Dormiente L'avatar di Zhuge
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    26.305
    Gamer IDs

    PSN ID: Zhuge1988 Steam ID: zhuge88

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    scontro generazionale è eccessivo, non mi sembra che noi giovani facciamo altro che andarcene all'esetro o tacere; in tempi più semplici oggi vedremmo penzolare pensionati e dipendenti pubblici dai pali della luce appesi per il collo

    https://www.worldoftrucks.com/en/onl...e.php?id=92274
    Corsair Carbide 200R - Asrock Z97 Extreme4 - Intel Core i7 4790 3.60GHz Quad Core - Arctic Cooling Freezer 13 - 2X Corsair Vengeance 8GB 1600MHz - Samsung 840 EVO 250GB MZ-7TE250BW - Seagate Barracuda 2TB ST2000DM001 - Gigabyte G1 Gaming GTX 1070 8GB - Corsair CS650M 650W - Windows 8.1 64bit DSP OEI

  15. #11935
    Senior Member L'avatar di caesarx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Nel Villaggio dell'Emiro, con la speranza di scappare
    Messaggi
    3.900

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da NOXx Visualizza Messaggio
    Ese, i soldi non fanno la felicità

    Inviato dal mio LG-D855
    Ciò non significa che la miseria sia meglio...
    ...there's no need to say thank you, the best way to say it is beeing here and fight with us. - Skip

  16. #11936
    Utente dal 09-05-2002 L'avatar di Firestorm
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.739

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da NOXx Visualizza Messaggio
    Ese, i soldi non fanno la felicità

    Inviato dal mio LG-D855
    Tu dammene abbastanza poi ne discutiamo...va che mal vada un bel gruppo di escort è un bel po' di alcool risolvono tanti problemi...
    Non puoi insegnare la fotografia, devono imparare da soli come farla meglio che si può, guardando ottime fotografie e facendone di pessime. (Cit. Cecil Beaton)
    BattleTag F1r3st0rm#2428

    25/08/2012 - Un ultimo piccolo passo per un grande uomo, un grande ricordo per tutta l'umanità.
    Le mie foto su 500px - PER ASPERA AD IMAGINEM
    www.andreamanna.it

  17. #11937
    Utente dal 09-05-2002 L'avatar di Firestorm
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.739

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da caesarx Visualizza Messaggio
    Ciò non significa che la miseria sia meglio...
    Appunto
    Non puoi insegnare la fotografia, devono imparare da soli come farla meglio che si può, guardando ottime fotografie e facendone di pessime. (Cit. Cecil Beaton)
    BattleTag F1r3st0rm#2428

    25/08/2012 - Un ultimo piccolo passo per un grande uomo, un grande ricordo per tutta l'umanità.
    Le mie foto su 500px - PER ASPERA AD IMAGINEM
    www.andreamanna.it

  18. #11938
    Chiù pilu pi tutti! L'avatar di gmork
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Ovunquente.
    Messaggi
    5.029

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Marlborough's Visualizza Messaggio
    Culandroni(), una curiosità: come funzionano le VGA integrate nelle CPU Intel recenti?
    Recenti per i miei standard insomma.
    Lavorano di concerto con la "VGA grossa()" oppure vengono disattivate non appena il sistema ne rileva una?
    preoccupato di non riuscire a fare girare 'sta roba?


  19. #11939
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Scusatemi se continua a sfuggirmi il passaggio chiave.
    Con cautela proverò a essere più esplicito: mi parlate sempre per schemi impersonali, le statistiche, gli imprenditori, i pensionati, i dirigenti e dipendenti pubblici.
    Non avete genitori che lavorano? Nonni pensionati? Parenti che si sono ammalati o infortunati? Fratelli maggiori che vi hanno reso zii? Conoscenti e amici con figli in età scolare? Non serbate alcun ricordo di aver conosciuto maestri entusiasti, professori competenti, professionisti preparati, imprenditori capaci, anche solo impiegati gentili? Singole persone intendo. Con tutti costoro parenti inclusi avete troncato ogni rapporto dietro una spessa coltre di odio generazionale?
    Ultima modifica di Ronin; 30-09-17 alle 14:54

  20. #11940
    Senior Member L'avatar di Edward Green
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.839

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Raga, si sta sfuggendo la variabile principale.

    Ronin con il messaggio 11924 ha sfiorato il punto centrale del problema. Sfiorato...
    In nome dell'Equilibrium...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su