Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!! - Pagina 12

Pagina 12 di 15 PrimaPrima ... 21011121314 ... UltimaUltima
Risultati da 221 a 240 di 291

Discussione: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

  1. #221
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    116

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Sarpedon Visualizza Messaggio
    Non vedo il problema. C'è da recuperare Juventus-Atalanta, basta mettere anche le altre nella stessa data ( credo sia il 14/03).
    E l'atalanta la fai giocare 2 volte lo stesso giorno?

  2. #222
    Mostro della Palude L'avatar di Tavea
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    prov. di Padova
    Messaggi
    5.094
    Gamer IDs

    Steam ID: marcomatt92

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da kaiman76 Visualizza Messaggio
    E l'atalanta la fai giocare 2 volte lo stesso giorno?
    Derby e Atalant-udinese verrebbero rinviate ulteriormente.
    Si pensava anche di spostare la giornata al 9 maggio, facendo slittare la finale di Coppa

  3. #223
    Shogun Assoluto L'avatar di Ethan81
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Treviglio(BG)
    Messaggi
    1.614

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Probabilmente per il derby aspetteranno di vedere come va con l'arsenal.
    spostare la finale di coppa italia forse è l'unica opzione al momento.
    | Il Gallianodromo 2.0!
    Fondatore del Movimento "Monetizzare"

  4. #224
    Senior Member L'avatar di Camus
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    corte sconta detta arcana
    Messaggi
    5.276

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Frykky Visualizza Messaggio
    Io ero al sestriere a sciare.
    È vero che magari in quanto tifoso della Fiorentina la notizia mi può toccare particolarmente, ma da quando l'abbiamo letto abbiamo smesso di sciare.
    Semplicemente non avevamo più voglia.

    Se fossi stato un cliente pagante non avrei avuto nessuna voglia di guardare la partita.

    Per voi è così fondamentale la domenica col calcio?
    e avete fatto bene, perchè è una vostra scelta e siete particolarmente legati, pensi che ai tifosi delle altre squadre importi ugualmente ? pensi che sia giusto imporre tale decisione anche a loro ?

    pensi che sia giusto imporre tale visione di lutto a tutti ?

    Citazione Originariamente Scritto da Zeta81 Visualizza Messaggio
    Camus non ti facevo così coglione. l'ABC del qualunquismo.
    A volte credo che Bar Sport sia la tana delle tigri dei mongoloidi

    Inviato da un pinguino spanato
    grazie

    imho ripeto, state ingigantendo la cosa.

    un conto è che non giochino fiorentina e cagliari, un altro tutta la serie a e la serie b, un altro ancora farlo passare come normale e come una cosa doverosa che capita a tutti.

    E no, personalmente non mi ritengo particolarmente mongoloide, ritengo solo che fermare tutto per lutto non sia la cosa migliore per onorare la morte di una persona.

    Sono italiano ed ad esempio tra i funerali italiani al nord, dove si rimane da soli, e quelli meridionali dove la famiglia si riunisce preferisco i funerali di giù, ma comunque ho avuto modo di partecipare ad un funerale negli usa e l'ho preferito di gran lunga perchè se la vivono meglio.

    La morte di una persona non va festeggiata necessariamente fermando tutto, stando chiusi in casa a piangere, si può anche vivere una giornata secondo i valori che lo hanno caratterizzato

    Citazione Originariamente Scritto da Frykky Visualizza Messaggio
    Camus la migliore risposta te l'hanno data i tifosi del Genoa con il loro applauso
    No, Frikky la risposta migliore sul lutto me la dà la tua tifoseria ogni volta che giochiamo contro, non ti preoccupare

  5. #225
    Mostro della Palude L'avatar di Tavea
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    prov. di Padova
    Messaggi
    5.094
    Gamer IDs

    Steam ID: marcomatt92

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Tragedia Astori: malore per Diego Lopez, in Spagna Sanchez si accascia in lacrime
    La morte di Davide Astori ha sconvolto tutti, in particolar modo chi nel corso della propria carriera ha avuto modo di condividere battaglie dentro e fuori dal campo. Come nel caso di Diego Lopez, attuale tecnico del Cagliari e in passato compagno del difensore della Fiorentina, che dopo aver appreso la brutta notizia ha accusato un malore negli spogliatoi del “Luigi Ferraris” dove era in programma la gara con il Genoa, puntualmente annullata. In Spagna, fa lo stesso Carlos Sanchez: il centrocampista colombiano, trasferitosi in prestito all’Espanyol durante il mercato invernale, al termine dell’incontro con il Levante si è accasciato a terra scoppiando in lacrime per la perdita del suo vecchio capitano.

  6. #226
    since 07-10-01 L'avatar di Frykky
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Firenze
    Messaggi
    5.631

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Tavea Visualizza Messaggio
    Tragedia Astori: malore per Diego Lopez, in Spagna Sanchez si accascia in lacrime
    La morte di Davide Astori ha sconvolto tutti, in particolar modo chi nel corso della propria carriera ha avuto modo di condividere battaglie dentro e fuori dal campo. Come nel caso di Diego Lopez, attuale tecnico del Cagliari e in passato compagno del difensore della Fiorentina, che dopo aver appreso la brutta notizia ha accusato un malore negli spogliatoi del “Luigi Ferraris” dove era in programma la gara con il Genoa, puntualmente annullata. In Spagna, fa lo stesso Carlos Sanchez: il centrocampista colombiano, trasferitosi in prestito all’Espanyol durante il mercato invernale, al termine dell’incontro con il Levante si è accasciato a terra scoppiando in lacrime per la perdita del suo vecchio capitano.
    Eh ma show must go on, potere al popolo, nessuno pensa ai bambini?


  7. #227
    Geppe Brillo
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    8.052

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Ma a Camus hanno hackerato l'account?

    Ribalto la questione: ai tifosi che fanno chilometri magari per andare a vedere il derby di Milano, é giusto offrire lo spettacolo di una partita che nessuno, ripeto nessuno, ha giustamente voglia di giocare?
    Poi non capisco il ragionamento di non fare giocare solo fiorentina e Cagliari (senza contare che Astori é cresciuto nel Milan, quindi perché il derby no?solo perché non ci ha giocato da professionista?), i loro tifosi non sono andati in trasferta? Non devono giocare perché hanno qualche grado di separazione in meno?

    A me, che di solito sono un cinico senzacuore, vedendo la foto di Sanchez, che gioca in Spagna, quando gli hanno comunicato la notizia a fine partita mi é preso un magone assurdo

  8. #228
    Nato stanco L'avatar di Vitor
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    6.582

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Sarpedon Visualizza Messaggio
    Fondamentale per cosa? I soldi?
    Guarda che i soldi che da anni vi tengono ai piani alti della classifica sono le plusvalenze di Cavani, Lavezzi e Higuain, non i soldi della Champion's League.
    Nel topic Napoli si parla della questione fatturato citando i dati di Deloitte, che rivelano
    Il Napoli di Aurelio De Laurentiis sale 11 posti fino al 19° grazie ai proventi dell’ultima Champions League, che hanno contribuito a un aumento del 51% dei ricavi da diritti tv.
    Quindi nì.

  9. #229
    Senior Member L'avatar di Kivan
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Meleè Island
    Messaggi
    1.018

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    "Camus stile juve"
    Tipo la coppa campioni col Liverpool

  10. #230
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    1.392

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    m'è bastato leggere 2-3 post per decidere di non leggere tutto il topic

  11. #231
    Senior Member L'avatar di Camus
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    corte sconta detta arcana
    Messaggi
    5.276

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Sbonk Visualizza Messaggio
    Ma a Camus hanno hackerato l'account?

    Ribalto la questione: ai tifosi che fanno chilometri magari per andare a vedere il derby di Milano, é giusto offrire lo spettacolo di una partita che nessuno, ripeto nessuno, ha giustamente voglia di giocare?
    Poi non capisco il ragionamento di non fare giocare solo fiorentina e Cagliari (senza contare che Astori é cresciuto nel Milan, quindi perché il derby no?solo perché non ci ha giocato da professionista?), i loro tifosi non sono andati in trasferta? Non devono giocare perché hanno qualche grado di separazione in meno?

    A me, che di solito sono un cinico senzacuore, vedendo la foto di Sanchez, che gioca in Spagna, quando gli hanno comunicato la notizia a fine partita mi é preso un magone assurdo
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk

  12. #232
    Senior Member L'avatar di freddye78
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    bergamo
    Messaggi
    10.086

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Kivan Visualizza Messaggio
    "Camus stile juve"
    Tipo la coppa campioni col Liverpool
    Sei riuscito a scrivere un commento più idiota del suo, non era facile, complimenti

  13. #233
    Senior Member L'avatar di Kivan
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Meleè Island
    Messaggi
    1.018

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da freddye78 Visualizza Messaggio
    Sei riuscito a scrivere un commento più idiota del suo, non era facile, complimenti
    Detto da te....
    Me ne sbatto

  14. #234
    Geppe Brillo
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    8.052

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Guarda, io sono talmente ateo che se entro in una chiesa prende fuoco l'altare, ma non capisco cosa c'entri la visione "non cattolica" della morte con il rimandare una giornata di un campionato di calcio per evidente insussistenza delle condizioni per giocare. Fra l'altro seguendo il filo logico del tuo ragionamento Fiorentina e Cagliari avrebbero dovuto giocare ancora più delle altre.

    E, se mi posso permettere, credo che ai familiari di Astori al momento di quel che succede in serie a importi zero di zero.

  15. #235
    Senior Member L'avatar di Camus
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    corte sconta detta arcana
    Messaggi
    5.276

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Kivan Visualizza Messaggio
    "Camus stile juve"
    Tipo la coppa campioni col Liverpool
    1/10

    Citazione Originariamente Scritto da Volo Visualizza Messaggio
    m'è bastato leggere 2-3 post per decidere di non leggere tutto il topic

    0/10


    Citazione Originariamente Scritto da Sbonk Visualizza Messaggio
    Guarda, io sono talmente ateo che se entro in una chiesa prende fuoco l'altare, ma non capisco cosa c'entri la visione "non cattolica" della morte con il rimandare una giornata di un campionato di calcio per evidente insussistenza delle condizioni per giocare. Fra l'altro seguendo il filo logico del tuo ragionamento Fiorentina e Cagliari avrebbero dovuto giocare ancora più delle altre.

    E, se mi posso permettere, credo che ai familiari di Astori al momento di quel che succede in serie a importi zero di zero.
    Semplicemente non me la sento di imporre la mia visione personale a persone strettamente connesse ad Astori e sono convinto che invece ai giocatori delle altre squadre gli dispiaccia e nulla più.

    Per un Sanchez che rimane colpito sono convinto che ci siano almeno altri 10 giocatori che avrebbero potuto giocare tranquillamente e quindi tra giocare ricordando e non giocare sbattendosene ritengo più utile per tutti giocare ricordando.

    Inviato dal mio SM-T705 utilizzando Tapatalk

  16. #236
    Alpaca L'avatar di MrWashington
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Firenze
    Messaggi
    8.450
    Gamer IDs

    PSN ID: hante1989 Steam ID: MrWashington

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Ognuno la pensa come vuole.

    Troppo difficile pensare cosi

    Inviato dal mio HUAWEI GRA-L09 utilizzando Tapatalk

    Battletag: MrWashington#21181

  17. #237
    since 07-10-01 L'avatar di Frykky
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Firenze
    Messaggi
    5.631

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    È il "sbattendosene" il punto fallace del tuo discorso.


  18. #238
    Euro Trucker L'avatar di Picard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Firenze
    Messaggi
    1.668

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Kivan Visualizza Messaggio
    "Camus stile juve"
    Tipo la coppa campioni col Liverpool
    Evita per cortesia, non sei simpatico e sei fuori luogo quanto lui se non peggio.

  19. #239
    Senior Member
    Data Registrazione
    Dec 2017
    Messaggi
    1.392

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio


    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    patetico

    hai cagato fuori dal vasino e ora tiri dentro gesù cristo e i poliziotti che prendono un milione e mezzo al mese e rischiano la vita
    Ultima modifica di Volo; 04-03-18 alle 19:37

  20. #240
    Utente Olistico L'avatar di 1/Zero
    Data Registrazione
    Aug 2017
    Località
    San Diego
    Messaggi
    2.825

    Re: Serie A - 27° giornata: Napule mille culureeeeee....è scurezz!!

    Non vi pare che il Wall of Text di Camus non sia stato quotato abbastanza per tutti gli amici che ci seguono da cellulare?
    Provo ad aiutarli

    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk

    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk

    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk

    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk
    Citazione Originariamente Scritto da Camus Visualizza Messaggio
    No, ho solo una visione personale e ponderata della morte e del lutto che semplicemente non si allinea con quella cattolica.

    E dato che siamo arrivati a darmi del mongoloide e del qualunquista preferisco spiegarmi.

    Per me tra isolarsi nel dolore e riunirsi con amici e parenti per fare festa e ricordare é meglio quest'ultima, tra piangere la scomparsa o ridere per i ricordi felici preferisco ridere, tra fermarmi facendo la persona triste e andare avanti ricordando con l'esempio chi non c'è più preferisco la seconda.

    Il lutto di una persona cara é sempre una cosa personale. Se mi muore una persona cara ci starò malissimo. Se muore una persona cara ad un mio amico, ci starò male, se muore ad un mio conoscente, lo capisco ma sicuramente la mia empatia sarà sicuramente minore. E così via. Se muore mio nonno ci sto male, se muore il nonno di uno che mi sta sul culo, mi dispiace, lo capisco ma la mia vita va avanti.

    In ogni caso se ai funerali cui ho partecipato avessimo pianto di meno e riso di più sicuramente sarebbe stato meglio per noi e probabilmente avrebbe fatto più piacere anche al morto. O almeno io preferirei che al mio funerale si facesse festa piuttosto che piangere e bon.

    OH te lo ricordi il funerale di Camus? Belin che ciucca che ci siamo presi e che festa. Molto meglio per me.

    Muore un ex giocatore di Genoa e fiorentina? Capisco che i suoi compagni di squadra non riescano a giocare e che il mio modo di vedere il lutto sia incompatibile con loro.

    Muore uno sportivo? In generale meglio un memorial che una messa e una giornata di pianti. Muore un giocatore corretto? Meglio una giornata di calcio dove i giocatori si impegnano a giocare correttamente, a non fare falli gratuiti ed a simulare che un minuto di silenzio e via come al solito.

    Muore Astori? Nelle altre partite di serie a e b meglio il solito minuto di silenzio e giocare come al solito o meglio per giocatori e tifosi una partita diversa e ricordare il giocatore nei fatti?

    Personalmente sono convinto che ai familiari di Davide farebbe più piacere una giornata in cui c'è il numero più basso di cartellini gialli e di falli fischiati che non un minuto di silenzio e bon, via come al solito.

    A me privato cittadino viene dato il diritto di fermarmi per un familiare, per gli altri devo fare una scelta usare un giorno di ferie o no. A loro che sono privilegiati viene dato un altro privilegio in un'occasione dove invece dal mio punto di vista si poteva fare molto di più per tutti.

    Perché a volte fermarsi equivale semplicemente a non fare nulla.

    E allora se questa è un'occasione sprecata volta più a tutelare la forma che la sostanza allora preferisco pensare alle persone normali che si sono spostate, che oggi saranno d'accordo col rinvio ma che a fine mese magari gli dispiacerà non aver visto la partita.

    Tutto qui.



    Inviato dal mio Z2 Plus utilizzando Tapatalk

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su