[IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS - Pagina 6275

Pagina 6275 di 6337 PrimaPrima ... 527557756175622562656273627462756276627762856325 ... UltimaUltima
Risultati da 125.481 a 125.500 di 126728

Discussione: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

  1. #125481
    Since 13-11-01 L'avatar di Bobo
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Ravenholm
    Messaggi
    22.286

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Bene, siamo ai primi di luglio e già si tifa contro.

    Livelli sempre più alti

    Citazione Originariamente Scritto da Firestorm Visualizza Messaggio
    ecco riguardati le partite bobo che ci sono stati dei fuorigioco che definire imbarazzanti è poco, se per regolamento dici la linea deve passare qui e la seconda deve passare qua risolvi tutti i problemi.
    Ho molti dubbi che nelle regole attuali ci sia scritto "boh, tracciate le righe un po dove vi pare"

    Inviato dal mio M2101K7BNY utilizzando Tapatalk

  2. #125482
    Pensatore libero L'avatar di Angels
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    ROMA
    Messaggi
    29.145

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Molta gente già non ha fiducia nel mercato, bah, a me le prospettive sembrano buone.

  3. #125483
    Since 13-11-01 L'avatar di Bobo
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Ravenholm
    Messaggi
    22.286

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Per ora abbiamo solo perso gente e preso nessuno, quindi al momento proseguo sulla via di un cauto pessimismo anche io

    Inviato dal mio M2101K7BNY utilizzando Tapatalk

  4. #125484
    Pensatore libero L'avatar di Angels
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    ROMA
    Messaggi
    29.145

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Citazione Originariamente Scritto da Bobo Visualizza Messaggio
    Per ora abbiamo solo perso gente e preso nessuno, quindi al momento proseguo sulla via di un cauto pessimismo anche io

    Inviato dal mio M2101K7BNY utilizzando Tapatalk
    Quindi Pogba e Di Maria solo roba da giornalai?

  5. #125485
    Senior Member L'avatar di felaggiano
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    7.345

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Finché non c'è la foto con la canotta traforata sono solo voci.
    Ma poi tanto anche se dovessero arrivare non servirebbe a nulla, capirai, con Allegri come minimo si finisce in B.

  6. #125486
    Pensatore libero L'avatar di Angels
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    ROMA
    Messaggi
    29.145

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Citazione Originariamente Scritto da felaggiano Visualizza Messaggio
    Finché non c'è la foto con la canotta traforata sono solo voci.
    Ma poi tanto anche se dovessero arrivare non servirebbe a nulla, capirai, con Allegri come minimo si finisce in B.
    Addirittura dal 4 posto alla B?

  7. #125487
    Senior Member L'avatar di felaggiano
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    7.345

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Il quarto posto è stato dovuto solo ed esclusivamente all'inspiegabile suicidio di 16 squadre che normalmente giocano molto meglio della Juve. Una combinazione così favorevole non si ripeterà.

  8. #125488
    Lord Inquisitor L'avatar di Sarpedon
    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    2.722

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Citazione Originariamente Scritto da Angels Visualizza Messaggio
    Molta gente già non ha fiducia nel mercato, bah, a me le prospettive sembrano buone.
    Tranquillo Angels, il prossimo anno vinciamo tutto. Siamo talmente più forti degli altri che Allegri ha preferito rimanere in spiaggia piuttosto che andare in ritiro, tanta è la differenza di valori in campo.
    Peccato per De Ligt che se ne vuole andare, ma se pensa che il progetto della Juventus faccia pietà è sicuramente lui che non lo capisce.

  9. #125489
    Since 13-11-01 L'avatar di Bobo
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Ravenholm
    Messaggi
    22.286

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Citazione Originariamente Scritto da Angels Visualizza Messaggio
    Quindi Pogba e Di Maria solo roba da giornalai?
    Non mi risulta che al momento abbiano firmato.

    Inviato dal mio M2101K7BNY utilizzando Tapatalk

  10. #125490
    Senior Member L'avatar di Howard TD
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    18.059

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    per ora nella Juve vedo poche idee e confuse... poi se parte De Ligt sarà necessario mettere seriamente mano alla difesa...

  11. #125491
    Senior Member L'avatar di squallwii
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.985

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Bè con 40/50kk indirizzati verso zaniolo, la vedo povera mettere mano bene alla difesa

    Inviato dal mio moto g200 5G utilizzando Tapatalk

  12. #125492
    Senior Member L'avatar di Howard TD
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    18.059

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Citazione Originariamente Scritto da squallwii Visualizza Messaggio
    Bè con 40/50kk indirizzati verso zaniolo, la vedo povera mettere mano bene alla difesa

    Inviato dal mio moto g200 5G utilizzando Tapatalk
    L'unica è prendere Zaniolo con il solito prestito a x milioni e dilazionare quindi il pagamento su più anni....

    Al momento ogni reparto presenta gravi carenze di numeri e qualità...

  13. #125493
    Senior Member L'avatar di squallwii
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.985

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Sì, penso seguiranno questa strada.
    Solo che se non sbaglio ad oggi hai già i pagamenti per vlaho/Locatelli/Kean/chiesa (?), dopo i vari dilazionamenti. Per quanto a zaniolo darai solo una parte (ma poi perché dare 50kk per zaniolo io davvero boh), i soldi sono pochi. In pratica mezzo de ligt (minimo) è già stato speso

    Inviato dal mio moto g200 5G utilizzando Tapatalk

  14. #125494
    Senior Member L'avatar di -jolly-
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    11.301

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    mettere zaniolo già fisicamente precario a 22 anni nelle mani di acciuga in pratica è un suicidio assistito ,
    per il giocatore intendo

  15. #125495

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    L'Ultimo Uomo

    Quale Pogba torna alla Juventus

    L'Ultimo Uomo by Marco D'Ottavi / July 05, 2022 at 02:37PM//keep unread//hide
    Nelle chat private di Whatsapp, sui canali Telegram, nei tweet criptici degli insider l’emoticon con il polpo si è rincorsa per settimane e i tifosi della Juventus sapevano bene che voleva dire (che poi: Polpo è stata una italianizzazione del soprannome francese di Paul Pogba, La pioche, la cui traduzione letterale è “il piccone”, ma che indica anche una persona sempre pronta a scherzare, anche troppo). Come se ci fosse bisogno di ulteriori conferme, oltre quelle degli incontri tra procuratori e società, qualcuno ha raccontato di una ditta di pulizie impegnata alacremente nell’appartamento che Pogba aveva tenuto a Torino; qualcun altro ha citato amici torinesi del francese avvertiti per tempo del suo ritorno; le macchine si sono spostate tra garage di varie città, i pezzi del puzzle si sono uniti lentamente in una rincorsa che sembra simile, in qualche modo, a quella di Cristiano Ronaldo nel 2018.



    L’annuncio, si era detto, sarebbe arrivato in concomitanza della presentazione del suo documentario Pogmentary, uscito il 17 giugno. Poi c’è stato lo spavento del PSG, con Zidane promesso allenatore a concupire Pogba. Superata la paura, l’annuncio definitivo è stato rimandato di giorno in giorno, mentre le parti stanno limando dettagli sempre più piccoli. Nei giorni scorsi è arrivata anche la conferma di Arrivabene, che ha raccontato che l’idea di prendere il francese è nata «da una domanda: “Ma perché non prendiamo Pogba?”».



    Quale sarà il giorno, forse già questa settimana, solo una cosa è sicura: Paul Pogba è pronto a tornare.







    Tra i tifosi si insegue il ricordo del passato, impauriti però dal pessimismo della ragione. Pogba ha lasciato la Juventus nel 2016 in rampa di lancio per diventare uno dei migliori giocatori al mondo, pensare di avere indietro lo stesso centrocampista sarebbe miscredenza, un insulto al tempo che passa. In mezzo ci sono state sei stagioni con il Manchester United, stagioni difficili, che forse lo stesso giocatore vorrebbe cancellare (e, si può credere, la voglia di tornare alla Juventus nonostante offerte di club come City e PSG, ha proprio un senso di “rinascita” per lui).



    Tra Pogba e lo United non ha mai davvero funzionato, almeno al livello che si pensava potesse raggiungere il francese, e non è mai sembrato che nessuna delle due parti volesse sforzarsi di trovare una soluzione a riguardo. Arrivato come calciatore più costoso della storia, a Manchester Pogba ha attraversato tutti i possibili bassi: dai litigi con Mourinho, che lo ha definito “un virus”, agli infortuni sempre più frequenti; dalle incomprensioni tattiche alle accuse di scarso impegno, dalle richieste di cessione all’indifferenza dei tifosi verso il suo mancato rinnovo.






    Certo ci sono stati anche gli alti: la vittoria dell’Europa League, una stagione da 16 gol, un feeling con Solskjaer che sembrava promettente, alcune partite in cui è sembrato semplicemente troppo forte anche nel campionato più competitivo del mondo ma, alla fine dei conti, il saldo è largamente negativo. Nel crollo tecnico e societario dello United attuale Pogba più che risultare un appiglio nella tempesta è stato lo specchio del momento negativo.



    Che Pogba è il Pogba del 2022

    Senza stare troppo a scavare nel passato e indagare le ragioni profonde di questo fallimento, è interessante provare a capire a che punto è il Pogba attuale, un calciatore di 29 anni, non vecchio quindi, ma con otto diversi infortuni negli ultimi tre anni che gli hanno fatto perdere quasi 80 partite. In questa stagione il francese è sceso in campo 27 volte, per un totale di 1782 minuti (è partito titolare nel 45% delle partite, giocando il 42% dei minuti disponibili), saltando 20 partite per due infortuni principali, entrambi muscolari: uno alla coscia (recidivo) e uno al polpaccio, che l’ha costretto a uscire dopo 10 minuti della sfida contro il Liverpool, poi persa 4-0, l’ultima partita del francese in maglia United.



    In un’annata storta per lo United, che non è riuscito a confermare quanto di buono visto nella scorsa stagione, anzi facendo un deciso passo indietro sia nei risultati che nella crescita dei giovani, Pogba ha faticato a mantenere il suo posto da titolare. Con Solskjaer, esonerato a fine novembre, ha giocato principalmente come esterno sinistro in un 4-2-3-1, con Rangnick ha un po’ vagato per il campo, giocando davanti alla difesa, ma anche un paio di volte come trequartista (in assenza di Bruno Fernandes) e addirittura una partita come falso nove, in una sconfitta 4-1 contro il City. Anche in quest’ultima versione allo United, Pogba è rimasto incastrato tra le due anime che hanno accompagnato la sua esperienza inglese: la qualità con cui può gestire il possesso e le sue doti difensive lo spingevano più basso sul campo, posizione che occupa di solito anche con la Francia, ma in maniera diversa; la creatività e la capacità di essere incisivo negli ultimi metri di campo più in alto.






    Pogba era partito anche bene: alla prima giornata di Premier, in un 5-1 contro il Leeds, ha servito quattro assist. Dopo quattro giornate gli assist erano diventati sette. Poi però è appassito come tutto il Manchester United. A fine stagione gli assist sono diventati nove (da 3.8 xA) a cui ha aggiunto appena un gol (da 2.5 xG), numeri lontani dalle sue migliori stagioni (nel 2018/19 16 gol e 10 assist). Le statistiche raccontano di un centrocampista che tira molto meno che in passato (1.73 tiri per 90’, con una percentuale di appena il 26,5% in porta), che ha ridotto l’influenza sul possesso della squadra (75.7 tocchi ogni 90’ minuti, 20 in meno di quelli della prima stagione allo United), ma che è ancora al top per dribbling (2.6 riusciti per 90’ in Premier, l’ottavo migliore del campionato) e passaggi nell’ultimo quarto di campo (è oltre il 90esimo percentile tra i centrocampisti per passaggi nella trequarti avversaria, passaggi in area di rigore e assist). Anche a livello difensivo le sue statistiche sono in calando rispetto alle migliori stagioni e basta vederlo giocare per capire come la capacità di strappare il pallone agli avversari usando la lunghezza delle sue gambe è molto diminuita, così come in generale la sua elasticità, che gli permetteva di essere agile e sfuggente anche con un fisico imponente.





    Non proprio una giocata del Pogba che ricordiamo.



    Per chi ha nella memoria il Pogba della Juventus il confronto può essere avvilente: la differenza maggiore tra le due versioni non è solo nella fisicità dirompente, nella velocità delle sue corse palla al piede o nella forza dei suoi tiri, quanto piuttosto nell’atteggiamento mostrato in campo. Nel ricordo dei tifosi Pogba era un’espressione di gioia, in campo poteva essere sopra le righe, anche all’eccesso alcune volte, ma solo con la sua presenza il centrocampista francese poteva accendere una partita, non c’era niente di banale nelle sue giocate. Oggi Pogba sembra invece svuotato da questo spirito, almeno quando indossa la maglia dello United. Non che abbia totalmente cambiato il suo modo di giocare – anzi, c’è sempre la voglia di prendersi rischi, di tentare cose difficili – ma è l’atteggiamento che tiene in campo, un certo tipo di indifferenza, che può essere anche la conseguenza di un rapporto con i tifosi e la stampa inglese difficile dal primo giorno.



    Pogba è apparso fin da subito molto restio ad aprirsi con il pubblico inglese, con i giornali sempre pronti a criticare ogni singolo inciampo di un calciatore costato 105 milioni di euro. Rapidamente il rapporto tra il calciatore e l’ambiente si è deteriorato, come si può notare in alcuni passaggi del documentario appena uscito per Amazon (altro segno che Pogba preferisce “raccontarsi da sé”, e non è andata benissimo, visto che la serie che si è classificata all’ultimo posto su IMDb secondo le valutazioni degli utenti). Il francese è sempre stato molto onesto a riguardo la sua necessità di sentirsi bene per giocare bene. È un argomento su cui è tornato anche pochi giorni fa, in un’intervista a Uninterrupted: «Se sono in sintonia prima di tutto con la squadra, con i tifosi, con il club che ti conosce e ti ama, io come tutti i giocatori posso dare il meglio» ha detto, lasciando intuire come a Manchester la situazione fosse un po’ diversa. «Se sei libero mentalmente e ti diverti, performi. Devi essere a tuo agio dove giochi e con le persone con cui giochi. È la cosa più importante», una frase che sembra un messaggio ad Allegri, alla società e ai tifosi della Juventus.



    Che Pogba vedremo a Torino?

    Tutto nella volontà di riprendere Pogba va proprio verso questa direzione, un tentativo di mettere il più a suo agio possibile il francese. Se tornare al 2016 è impossibile, si può cercare di ricostruire le stesse sensazioni. L’amore dei tifosi, che ha invaso i social, non sembra cambiato di una virgola nonostante l’addio rumoroso e difficile da mandare giù della prima volta; anche la presenza di Allegri è una garanzia. Se arrivare a dire che Pogba è una creatura dell’allenatore livornese è esagerato (è stato lanciato da Conte, ma insomma non è uno di quei giovani che dovevano essere plasmati da qualcuno), è indubbio che tra i due esistesse una forte alchimia, come raccontato bene dai social della Juventus con due video rimasti storici, uno in cui si sfidano a segnare in delle porticine e un altro in cui si sfidano a basket. Inoltre Pogba arriverebbe in una squadra con pochi leader, in cui può svolgere quel ruolo di trascinatore a cui ha sempre ambito e che ha funzionato bene con la maglia della Francia ma molto meno a Manchester.







    Certo, nel calcio niente arriva da solo. Allegri dovrà trovare il modo per mettere a suo agio Pogba tatticamente, anche a costo di rompere gli equilibri visti nell’ultima stagione. Nel 4-4-2/3-5-2 con cui la Juventus si è disegnata nel corso della stagione, il francese dovrebbe idealmente prendere il posto del compagno di Nazionale Adrien Rabiot, che veniva usato come una specie di elastico tra l’esterno del campo e il centro. È un ruolo che richiede un lavoro principalmente senza palla e un grande dispendio di energie. Se Rabiot non è Pogba, i suoi 0 gol e 2 assist in quasi 3000 minuti giocati raccontano di una posizione di campo da dove è difficile essere incisivi. Affidare gli stessi compiti a Pogba sarebbe come spararsi su un piede.



    Nello stesso sistema, in alternativa, Pogba potrebbe fare il centrocampista che rimaneva più bloccato davanti alla difesa, dove nella scorsa stagione si è visto principalmente Locatelli. Anche in questa posizione, però, avrebbe compiti più difensivi che non creativi, aiutando certamente la risalita del possesso, che però la Juventus non usa con costanza, preferendo appoggiarsi rapidamente sulle punte.




    Un’altra possibilità è che Allegri torni al 4-2-3-1 visto nei momenti migliori della prima esperienza a Torino. In questo caso Pogba potrebbe essere schierato tra i tre trequartisti dietro la punta; sia a sinistra come già visto al Manchester United – magari in attesa del ritorno di Chiesa in piena forma – che al centro. Messo sul lato Pogba finirebbe per stringere molto dentro al campo, accentuando i problemi nel creare ampiezza a sinistra evidenziati nella scorsa stagione (a meno che non dovesse arrivare un terzino molto più a suo agio nello spingere rispetto all’ultimo Alex Sandro). Anche al centro, dovendo ricevere in spazi stretti, spesso spalle alla porta, sembrerebbe un po’ sacrificato rispetto alla versione che può guardare la porta con tempo e spazio per la giocata decisiva in rifinitura.





    Permettere a Pogba di guardare la porta dalla trequarti può risolvere alcuni dei problemi creativi della Juventus, anche grazie alle caratteristiche di Vlahovic.



    Come detto, però, il suo ruolo ideale è quello di mezzala sinistra in un centrocampo bilanciato per permettergli di non occuparsi troppo della fase difensiva. Può funzionare bene in un 3-5-2, con un centrale e l’esterno a tutta fascia pronti a coprirlo o anche in un 4-3-3, il modulo più probabile con cui vedremo la Juventus nella prossima stagione visto l’arrivo in concomitanza di Angel Di Maria, che è ancora più difficile da immaginare in un modulo diverso. Con accanto due centrocampisti più attenti a dare equilibrio (che potrebbero essere Locatelli e Zakaria, o chi porterà il mercato), Pogba partendo da sinistra avrebbe la libertà di toccare tanti palloni, almeno in relazione al possesso della Juventus.



    Se nell’ultima stagione in bianconero Pogba era una forza della natura nel connettere la fase difensiva a quella offensiva con le sue corse sul lato sinistro del campo, per poi essere fondamentale nella rifinitura (15 assist) e nella finalizzazione (10 gol), in questa nuova versione c’è da aspettarsi corse palla al piede meno trascinanti, ma non necessariamente una minore influenza nella fase offensiva della squadra. Sulla carta il talento offensivo della Juventus è altissimo e Pogba è proprio il giocatore ideale per unire tutti i punti: con la qualità del suo palleggio in spazi stretti può connettersi sul lato sinistro del campo con Chiesa; con la visione di gioco può servire i continui tagli di Vlahovic alle spalle delle difese avversarie; con i suoi inserimenti può essere uno dei ricevitori dei passaggi di Di Maria quando col sinistro entra dentro al campo.





    Indubbiamente – al di là dell’aspetto romantico del ritorno o del ricordo di quello che in bianconero era diventato uno dei migliori centrocampisti al mondo – Pogba alla Juventus è un grande colpo: quante squadre in Serie A possono schierare un calciatore decisivo per la vittoria della Coppa del Mondo della propria squadra?



    Se la carriera a livello di club non è decollata come ci potevamo aspettare, Pogba è comunque diventato una stella di primo livello grazie alla Francia e alla capacità di crearsi un personaggio in relazione con il suo talento. In una Serie A sempre più povera di grandi nomi, il suo arrivo non può che essere una buona notizia: potrà non piacere a tutti, ma il francese è un calciatore genuino, con un modo di giocare a calcio appagante e peculiare. La Juventus si ritrova tra le mani il centrocampista che gli mancava, con caratteristiche diverse dagli altri che ha in rosa. Quanto però questo secondo matrimonio sarà felice dipenderà dalle due parti in causa. Pogba vuole riprendere da dove aveva lasciato? E la Juventus è ancora la stessa squadra? Rispondere di sì a queste due domande ora è difficile, ma non è detto che le cose possono cambiare: Pogba e la Juventus vogliono ritornare a quei momenti, quando tutto sembrava più facile. Ritrovarsi è il primo modo per farlo succedere.

  16. #125496
    Senior Member L'avatar di -jolly-
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    11.301

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    anche pogba nelle ultime 3 stagioni ha avuto più infortuni che io in 42 anni di vita,
    boh! fiducia sottozero
    chiesa che non si sa come torna se torna lo stesso di prima e quali tempistiche, pogbà con una cartella clinica recente da mani nei capelli, un vecchio che per 5 stagioni è stato in vacanza nella ville lumiere, un 22 enne con tanta classe con entrambe le ginocchia saltate e soggetto ad infortuni ripetuti con prognosi brevi e non,
    il tutto nelle mani di un team atletico che nr infortuni è primo in tutte le classifiche europee

    che poi sono tutti giocatori più o meno offensivi , a che duopo visto l'andazzo di come giochiamo?
    Ultima modifica di -jolly-; 05-07-22 alle 14:47

  17. #125497
    Lord Inquisitor L'avatar di Sarpedon
    Data Registrazione
    Jun 2016
    Messaggi
    2.722

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Citazione Originariamente Scritto da Howard TD Visualizza Messaggio
    L'unica è prendere Zaniolo con il solito prestito a x milioni e dilazionare quindi il pagamento su più anni....

    Al momento ogni reparto presenta gravi carenze di numeri e qualità...
    Le rate sono una cosa meravigliosa. Fino al giorno in cui ti svegli e scopri che tutto il tuo budget se lo mangiano le rate relative ai contratti stipulati negli anni precedenti.

  18. #125498
    Senior Member L'avatar di felaggiano
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    7.345

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Citazione Originariamente Scritto da -jolly- Visualizza Messaggio
    che poi sono tutti giocatori più o meno offensivi , a che duopo visto l'andazzo di come giochiamo?
    Magari con altri giocatori (leggi: gente in grado di fare due passaggi di fila) si proverà a fare qualcosa di diverso dal saltare il centrocampo per andare immediatamente su Vlahovic.

  19. #125499
    Senior Member L'avatar di -jolly-
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    11.301

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Citazione Originariamente Scritto da felaggiano Visualizza Messaggio
    Magari con altri giocatori (leggi: gente in grado di fare due passaggi di fila) si proverà a fare qualcosa di diverso dal saltare il centrocampo per andare immediatamente su Vlahovic.
    non lo facevamo con khedira e pjanic dybala al suo meglio fisico, sandro prima che lo rovinasse fisicamente, quadrado al suo meglio arruffone ma tecnicamente e velocisticamente dotato e mi scordo qualcun altro e lo faremo con gente injury prone pur tecnicamente buona?

    Ultima modifica di -jolly-; 05-07-22 alle 16:49

  20. #125500
    Senior Member L'avatar di Howard TD
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    18.059

    Re: [IL CLUB MINNESOTA] - JUVENTUS

    Dybufala intanto "scaricato" da Marotta... andrà veramente al Monza

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista
The Games Machine
Seguici su