Kronos The Magazine - Elogio alla Follia - Pagina 15

Pagina 15 di 22 PrimaPrima ... 51314151617 ... UltimaUltima
Risultati da 281 a 300 di 422

Discussione: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

  1. #281
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    17

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Kronos The Mad Visualizza Messaggio


    Ormai i ragazzi non dormono tranquilli senza una storiella ogni tanto
    Ne sto preparando una che piacerà sicuramente.

    P.S. non mi ero mai resa conto di quanto mi mancassero le faccine dei forum e di MSN (rip).

  2. #282
    Senior Member L'avatar di freddye78
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    bergamo
    Messaggi
    10.098

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Emadion Visualizza Messaggio
    Salve a tutti, mi stavo autostalkerando su Google e ho visto molti dei miei articoli postati su questo forum. Volevo solo dirvi che mi fa piacere che li troviate interessanti!

  3. #283
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Emadion Visualizza Messaggio
    Ne sto preparando una che piacerà sicuramente.

    P.S. non mi ero mai resa conto di quanto mi mancassero le faccine dei forum e di MSN (rip).
    Hype
    Per festeggiare questa special guest inaspettata, storiella pre-nanna sempre da Emadion

    P.s. non fare caso siamo tutti particolarmente matti qui

  4. #284
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    La tortura e l’omicidio di Sylvia Likens



    Sylvia Likens era una ragazza di 16 che venne torturata e uccisa da Gertrude Baniszewski, presso la quale viveva. Ad aiutarla nelle torture c’erano anche alcuni dei suoi sette figli e due ragazzi del vicinato.

    Sylvia era figlia di due giostrai, spesso in giro per il Paese. Era nata fra due coppie di gemelli e spesso, a causa del lavoro dei genitori, lei e la sorella minore Jenny, malata di poliomielite, venivano date in custodia a dei parenti per non far loro perdere la scuola.

    Il matrimonio fra i suoi genitori non funziona e i due si lasciano. Poco dopo la separazione la madre di Sylvia viene arrestata per furto e il padre decide di mandare lei e Jenny a vivere con Gertrude Baniszewski, madre di una loro amica conosciuta da poco, pagandole 20$ la settimana.

    La famiglia di Gertrude, con sette figli, è povera ma il padre di Sylvia dirà di non averlo saputo perchè non aveva voluto ficcanasare nella loro vita.

    Incoraggiò inoltre Gertrude a “raddrizzare” le due bambine.

    Gertrude, descritta come una donna emaciata, sottopeso, asmatica e depressa a causa dei molti matrimoni falliti, cominciò a picchiare le due bambinea causa del ritardo nel pagamento del loro mantenimento.

    Ben presto però concentrò la sua rabbia solo su Sylvia dopo averla accusata di avere rubato delle caramelle.

    Anche una delle figlie di Gertrude, Paula che in quel momento era incinta, picchiava Sylvia e un giorno la prese a calci nei genitali accusandola ingiustamente di essere incinta.

    La ragazza venne anche accusata, sempre ingiustamente, di avere messo in giro delle voci su Paula e sua sorella Stephanie. Secondo le accuse avrebbe sparso la voce a scuola che le due sorelle erano delle prostitute.

    Questo provocò la rabbia del fidanzato di Stephanie, Coy Hubbard, che cominciò a picchiarla.

    Gertrude non solo non lo fermò ma anzi incoraggiò lui, gli altri suoi figli e alcuni ragazzi del vicinato a picchiare e torturare Sylvia.

    Alcune delle torture consistevano in spegnerle sigarette sulla pelle, picchiarla mentre era appesa con delle corde al soffitto, scottarla con acqua bollente, farle mangiare cose che la facevano vomitare e obbligarla a togliersi i vestirti.

    In almeno due occasioni le inserirono nella vagina una bottiglia di vetro di Coca-Cola. Paula una volta la colpì in faccia con tanta violenza da rompersi un polso.

    Le due sorelle cercarono allora di mettersi in contatto con la loro famiglia e riuscirono a mandare delle lettere alla loro sorella maggiore, Diana, che al tempo aveva 18 anni. Diana si recò alla casa dei Baniszewski ma non allertò la polizia e lasciò lì le sue sorelle. Neanche i genitori fecero nulla.

    Presto Gertrude impedì a Sylvia di andare a scuola e di uscire di casa, tenendola legata al letto. Dopo che Sylvia, impossibilitata a muoversi, bagnò il letto Gertrude la rinchiuse in cantina.

    Veniva privata di cibo e acqua, tanto che Jenny disse che la sorella non produceva più lacrime a causa della disidratazione.

    Veniva inoltre obbligata a mangiare le proprie feci e quelle del figlio minore di Gertrude, di un anno, e a bere urina.

    Poco prima della morte della ragazza Gertrude cominciò a marchiarle a fuoco sullo stomaco, con uno spillone incandescente, le parole

    “sono una prostituta e sono fiera di esserlo!”

    ma il lavoro venne finito da Richard Hobbs, uno dei ragazzi del vicinato. Richard, insieme alla figlia undicenne di Gertrude, cercò anche di marchiare a fuoco la lettera S sul petto di Sylvia (anche se poi risultò sembrare un 3).




    Il 25 ottobre 1965, il giorno prima della sua morte, Sylvia tenta di scappare dopo aver sentito Gertrude parlare di un piano per liberarsi di lei ma viene catturata proprio mentre sta per raggiungere la porta principale.

    Viene quindi relegata di nuovo in cantina e il giorno seguente, dopo botte, bruciature e scottature con acqua bollente, Sylvia muore di emorragia cerebrale, shock e malnutrizione.

    Gertrude chiama la polizia e consegna loro una lettera che aveva fatto scrivere a Sylvia qualche giorno prima.

    Nella lettera, indirizzata ai genitori, Sylvia raccontava di come aveva accettato delle prestazioni sessuali di alcuni ragazzi in cambio di denaro e di come poi questi l’avessero sequestrata e torturata.

    Jenny però si avvicinò ad un poliziotto e gli sussurrò:

    “Portatemi via di qui e vi dirò tutto.”


    Durante il processo, che ebbe molta attenzione mediatica, Gertrude disse di non essere responsabile perchè mentalmente inferma. Aveva troppo da fare con la sua malattia per poter controllare i suoi figli.

    Gli avvocati dei suoi figli, tutti minorenni, insistevano invece sul fatto che erano stati spinti proprio da Gertrude a commettere le torture.

    Quando fu chiamata a testimoniare la figlia undicenne di Gertrude, confessò che la madre l’aveva obbligata a scaldare l’ago con cui erano state incise le frasi su Sylvia e che aveva visto la madre picchiare la ragazza e spingerla in cantina.

    Nel 1966 Gertrude venne condannata per omicidio di primo grado salvandosi però dalla pena capitale e venendo condannata all’ergastolo.




    Anche sua figlia Paula venne condannata all’ergastolo mentre Richard Hobbs, Coy Hubbard e John Baniszewski vennero condannati a pene dai 2 ai 21 anni.

    I due ragazzi scontarono solo due anni, Paula dopo essere stata sottoposto ad un altro processo ed essersi dichiarata colpevole, fece due anni di galera e poi venne rilasciata. Gertrude venne di nuovo condannata all’ergastolo ma dopo 19 anni venne messa in liberà condizionata.

    Cinque anni dopo la sua liberazione Gertrude morì di cancro ai polmoni. Stessa sorte toccò a Richard, di soli 21 anni, 4 anni dopo essere uscito di prigione.

    John morì nel 2005 a 52 anni dopo avere a lungo sofferto di diabete. Coy entrò e uscì di prigione varie volte e morì di attaco cardiaco nel 2007.

    Paula cambiò nome e lavorò come consulente scolastico per 14 anni prima di essere scoperta e licenziata nel 2012.

    Sulla vicenda sono stati scritti libri e girati due film: “An American crime” e “La ragazza della porta accanto”entrambi del 2007.



    http://emadion.it
    Ultima modifica di Kronos The Mad; 21-06-17 alle 22:46

  5. #285
    Je suis pippotto L'avatar di Pakokasal
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    2.665
    Gamer IDs

    Steam ID: 76561197971579500

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Old.


    Carino ma old.

  6. #286
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Pakokasal Visualizza Messaggio
    Old.


    Carino ma old.
    Wut?
    Ovvio che sia old, sono tutti articoli di eventi passati che prendo a "ispirazione" dalle varie fonti

  7. #287
    Senior Member L'avatar di GenghisKhan
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5.487

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Emadion Visualizza Messaggio
    Ne sto preparando una che piacerà sicuramente.

    P.S. non mi ero mai resa conto di quanto mi mancassero le faccine dei forum e di MSN (rip).
    Complimenti, davvero ben scritte

    Ora foto con scarpa in testa !

  8. #288
    Je suis pippotto L'avatar di Pakokasal
    Data Registrazione
    Jan 2017
    Messaggi
    2.665
    Gamer IDs

    Steam ID: 76561197971579500

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Kronos The Mad Visualizza Messaggio
    Wut?
    Ovvio che sia old, sono tutti articoli di eventi passati che prendo a "ispirazione" dalle varie fonti

    Cia raggione, spesso scrivo le esatte parole che mi passano per il cranio senza decodificarle per il prossimo.
    L'idea alla base del topic è olda, qualcuno ne creò uno simile eoni fa, ma hai il mio interesse.

  9. #289
    Senior Member L'avatar di gnappinox1
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4.761

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da GenghisKhan Visualizza Messaggio
    Complimenti, davvero ben scritte

    Ora foto con scarpa in testa !
    Tanto non posterà più

  10. #290
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    17

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da gnappinox1 Visualizza Messaggio
    Tanto non posterà più
    Vero, sta stronza


    La storia di Nsala e Boali





    La foto che vedete qui sopra risale al 1904 e ritrae Nsala, un uomo congolese. Ma cosa sta guardando con aria così afflitta? La risposta vi lascerà di stucco. Nsala sta guardando il piede e la mano mozzati della sua figlioletta di 5 anni. Questa foto storica ha reso Nsala e Boali due nomi chiave nella triste storia del Congo, ma la cosa triste è che questo scatto è molto peggio di quello che sembra.


    Come, peggio di uomo che guarda gli arti mozzati di sua figlia?

    Sì.

    Per capire come e perché, però, facciamo un passo indietro.

    Lo Stato Libero del Congo

    Lo Stato Libero del Congo corrisponde all’attuale Repubblica Democratica del Congo ed era un regno privato del re Leopoldo II del Belgio.

    Il re lo governò dal 1885 al 1908 con un regime dittatoriale e indicibili atrocità furono commesse in suo nome.

    Il Congo era costituito per la maggior parte da territori inesplorati e non aveva una grande economia. Leopoldo II decise quindi di sfruttare al massimo il paese per generare un ritorno economico.

    Divise il paese in diverse sezioni e mise a capo di ognuna del personale europeo costituito perlopiù da mercenari. Una di queste sezioni era chiamata Domaine Privé (proprietà privata) e tutti i guadagni prodotti andavano direttamente nelle tasche di Leopoldo II.


    Il sovrano riusci ben presto a trarre profitto dallo Stato Libero del Congo, ma per lui, uno fra gli uomini più ricchi dell’epoca, non era sufficiente.

    Decise allora di tagliare lo stipendio agli ufficiali e di rimpiazzarlo con delle commissioni che variavano in base a quanto la zona di loro competenza riusciva a produrre.

    Il 35% della popolazione venne usato come forza lavoro, diventando di fatto schiavo.

    Il caucciù

    Una fra le più grandi risorse del Congo era il caucciù, che gli indigeni dovevano raccogliere. Per estrarlo incidevano le piante da cui era prodotto e poi vi si rotolavano sopra per farlo appiccicare alla propria pelle.

    Una volta seccato veniva strappato via dal corpo, con molto dolore. Un chilo di caucciù che era costato 1.35 franchi produrre, veniva rivenduto in Europa a 10 franchi.

    Dopo qualche tempo le riserve di caucciù iniziarono ad assottigliarsi e non riuscivano più a coprire le quote richieste da Leopoldo II. Ed è qui che entra in gioco la violenza (più di quella già usata).

    L’amputazione delle mani



    Per fare rispettare le quote venne istituita la Force Publique, capitanata da europei ma con la truppa costituita da indigeni.

    Questa specie di forza dell’ordine terrorizzava la popolazione, compiendo diverse atrocità e arrivando a bruciare interi villaggi. Quando qualcuno non riusciva a produrre una quantità sufficiente di caucciù veniva ucciso con un colpo di arma da fuoco.

    Gli ufficiali però temevano che le pallottole venissero usate, invece che per uccidere i locali, per cacciare e così imposero alle truppe di portare una mano mozzata del cadavere per ogni pallottola mancante.

    Le mani si convertirono ben presto in trofei da mostrare e più mani si portavano più si era lodati.

    Quando non si raggiungeva la quota di caucciù stabilita bastava integrarla con un po’ di mani mozzate e tutto si sistemava. Le mani mozzate erano talmente apprezzate dagli ufficiali, che i soldati iniziarono ad amputare le mani a persone vive, lasciandole poi a morire dissanguate.

    Alcuni, durante gli attacchi di violenza della Force Publique, si fingevano morti e rimanevano immobili anche quando venivano tagliate loro le mani, per poi cercare aiuto in un secondo momento.

    Nsala e Boali

    Ed eccoci finalmente a parlare di Nsala e Boali.

    Nsala era un uomo la cui unica colpa era stata quella di non avere raccolto abbastanza caucciù per arricchire le tasche di un re straniero che si era imposto con la forza nella sua terra.

    Come punizione, le truppe amputarono la mano e il piede di sua figlia Boali, di soli 5 anni, solo dopo la uccisero.

    Ma, non contenti, uccisero anche la moglie di Nsala.

    Forse però nemmeno questo sembrava una punizione appropriata, quindi cannibalizzarono i corpi della moglie e della figlia di Nsala, portando all’uomo i resti della figlioletta.

    La foto storica è stata scattata da Alice Seeley Harris, una missionaria che ha fotografato e denunciato gli abusi in Congo.

    Nel 1908, finalmente, grazie alla pressione dell’opinione pubblica, e alla scoperta delle atrocità, il Congo venne annesso al Belgio, prendendo il nome di Congo Belga e mettendo fine alle torture.

    Fonte: Emadion

  11. #291
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    :O



    Grazie fantastico :prosto:

  12. #292
    Senior Member L'avatar di Arnald
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Cicagna
    Messaggi
    1.365

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia


  13. #293
    Senior Member L'avatar di GenghisKhan
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5.487

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Minchia


    Emadion, dopo aver guardato nell'abisso, cosa provi quando l'abisso guarda dentro di te ?

  14. #294
    Cheeki Breeki! L'avatar di Rot Teufel
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    + 34.978
    Messaggi
    10.736

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Kronos The Mad Visualizza Messaggio
    :O



    Grazie fantastico :prosto:

    This
    Barbablu

  15. #295
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    17

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da GenghisKhan Visualizza Messaggio
    Minchia


    Emadion, dopo aver guardato nell'abisso, cosa provi quando l'abisso guarda dentro di te ?
    Io niente, ma l'abisso dopo un po' distoglie lo sguardo.

  16. #296
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Emadion Visualizza Messaggio
    Io niente, ma l'abisso dopo un po' distoglie lo sguardo.
    Asdasd

    In quanti siete nello staff? Curiosità sisi

  17. #297
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    17

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Kronos The Mad Visualizza Messaggio
    Asdasd

    In quanti siete nello staff? Curiosità sisi
    Principalmente io. Nella pagina collaboratori ce ne sono un paio, alcuni attivi un po' di tempo fa, altri che postano raramente. Ricevo spesso proposte, ma sono troppo esigente

  18. #298
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Emadion Visualizza Messaggio
    Principalmente io. Nella pagina collaboratori ce ne sono un paio, alcuni attivi un po' di tempo fa, altri che postano raramente. Ricevo spesso proposte, ma sono troppo esigente
    E fai bene

    Posta pure quanto e quando vuoi qui, come avrei notato aggiorno sempre l'op

  19. #299
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Per la serie a volte ritornano, rotfl

  20. #300
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Canada, uccise e mangiò il compagno: assassino cannibale sposa in carcere un rapinatore seriale

    Nessuno pensava, nel giugno 2015, che quell'annuncio matrimoniale pubblicato su un sito di incontri sarebbe mai stato raccolto da qualcuno. Chi mai avrebbe voluto sposare uno come Luka Magnotta, il 34enne killer "cannibale" canadese condannato all'ergastolo per aver ucciso nel 2012 il suo fidanzato, lo studente cinese Jun Li, averlo smembrato, aver mangiato parti del cadavere e averne spedite altre per posta in giro per il Canada a scuole e uomini politici? A due anni di distanza, invece, quella che sembrava una facile previsione è stata smentita in pieno: Luka, che ha anche un passato da pornodivo, ha trovato l'anima gemella, il 36enne rapinatore seriale Anthony Jolin, anche lui condannato all'ergastolo nel 2003 per aver ucciso a coltellate un detenuto in carcere.*

    Come riporta il Montreal Gazette, i due, che si sono conosciuti sul sito d'incontri per detenuti Canadian Inmates Connect Inc., si sposeranno il 26 giugno nella prigione di Port-Cartier: la madre di Luka, Anna Yourkin, farà da testimone. Le nozze non finiranno con una torta o un piccolo party, né tantomeno con un bacio celebrativo: come hanno ricordato le autorità, i detenuti possono sposarsi, ma non consumare l'unione, visto che non è consentita loro alcuna forma di attività sessuale.*

    Luka spera comunque di poter uscire dal penitenziario di Archambault nel 2037: la sua condanna all'ergastolo, infatti, prevede la possibilità di una libertà condizionale dopo 25 anni. Nell'annuncio pubblicato due anni fa si dichiarava interessato a trovare un partner maschio bianco e in forma tra i 23 e i 38 anni. «Cerco un uomo fedele - scriveva - preferibilmente educato, finanziariamente ed emotivamente stabile per un rapporto a lungo termine. Chi pensa di poter essere il mio principe azzurro mandi una lettera dettagliata con almeno due foto. Risponderò solo a chi riterrò compatibile».


    Il messaggero

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su