Kronos The Magazine - Elogio alla Follia - Pagina 18

Pagina 18 di 22 PrimaPrima ... 81617181920 ... UltimaUltima
Risultati da 341 a 360 di 422

Discussione: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

  1. #341
    Mr.Cilindro
    Guest

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    guardali

    tutti a fare i moralisti poi appena si parla di argomenti biciosi o di zoofilia tutti a prenderselo in mano

  2. #342
    Senior Member L'avatar di Nico
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.119

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Ma siete attirati dai feromoni femminili? Cosa vi prende?

  3. #343
    Senior Member L'avatar di manuè
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    18.733

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Nico Visualizza Messaggio
    Ma siete attirati dai feromoni femminili?
    no, dalla figa.


    ... a prescindere...

  4. #344
    Bannato
    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3.921

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    rinominate il topic "elogio della figa"

  5. #345
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Su non rovinate il topic sennò faccio scender articoli con voi protagonisti

    Ultima modifica di Kronos The Mad; 10-07-17 alle 19:35

  6. #346
    Senior Member L'avatar di caesarx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Nel Villaggio dell'Emiro, con la speranza di scappare
    Messaggi
    3.896

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Kronos The Mad Visualizza Messaggio
    Su non rovinate il topic sennò faccio scender articoli con voi protagonisti

    Quoto con violenza...
    ...there's no need to say thank you, the best way to say it is beeing here and fight with us. - Skip

  7. #347
    Cheeki Breeki! L'avatar di Rot Teufel
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    + 34.978
    Messaggi
    10.736

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia


  8. #348
    koba44
    Guest

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Emadion, hai qualcosa tipo UFOPORNO?

  9. #349
    Bannato
    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3.921

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Voglio la scheda su padre pio gigolò

  10. #350
    Junior Member
    Data Registrazione
    Jun 2017
    Messaggi
    17

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da ZIROBRAC Visualizza Messaggio
    Voglio la scheda su padre pio gigolò
    Prima di tutto fammi dire che sono davvero lusingata dal fatto che di notte non riesci a dormire pensando a me.
    Trovo anche carinissimo il fatto che chiami i tuoi amici per darti man forte per fare il tifo per me e le mie storie. E a proposito di storie, sono davvero colpita dal fatto che tu conosca la storia di Padre Pio gigolo!
    La posto comunque per gli altri che non la conoscessero.

    Padre Pio era un gigolo?

    Questa è una storia poco conosciuta e, addirittura, troppo spesso viene insabbiata. Ma veniamo al dunque.
    Tutti conoscono Padre Pio (tecnicamente ora è San Pio) come un uomo di fede, un povero fraticello con le stigmate che è riuscito a conquistare i cuori dei fedeli.
    La sua storia però presenta non poche ombre su cui ora cercherò di fare luce.

    L'infanzia di Padre Pio
    Il suo vero nome è Francesco Forgione e nasce in una famiglia molto religiosa che influenza non poco le sue future scelte.
    Decide di dedicarsi alla religione alla tenera età di 12 anni e a 14 fa domanda per entrare in convento. Lì inizierà a studiare con altri fraticelli che gli faranno scoprire le gioie delle foto osé di procaci ragazzotte.
    Francesco, inspiegabilmente, dopo essere venuto a conoscenza di tali fotografie, si ammala agli occhi. Inizia qui una malattia che lo debilita e così fa ritorno a Pietrelcina, il suo paese natale.

    Padre Pio gigolo
    Ed è qui che la Chiesa vuole censurare la storia di San Pio. Il frate rimarrà in paese dal 1911 al 1916.
    Proprio nel suo paese natale il frate inizierà una doppia vita, fatta di vizi e immoralità. Alcune foto d'epoca, come quella che potete trovare qui sotto, dimostrano la veridicità di quello che sto per raccontarvi.
    Padre Pio, l'uomo raffigurato sulle icone presenti nelle case di moltissimi italiani, inizia a fare il gigolò per pagare i suoi piccoli vizi.
    Inizialmente va tutto bene, persino i suoi problemi di vista migliorano inspiegabilmente. Ha tutto: è giovane, è circondato da donne ed è pieno di soldi.
    Satana però è sempre dietro l'angolo

    Padre Pio e le stigmate
    Quelle che la chiesa vuole far passare come stigmate sono in realtà le ferite provocate dai mariti gelosi. Le loro donne, già frigide nel talamo, erano diventate ancora più algide.
    Il motivo non tardò a venire a galla: ogni sera, invece di riunirsi per dire il rosario, si riunivano a contemplare le grazie del giovane Pio, sfogando con lui le loro voglie animalesche.
    I mariti, furiosi, cercano di parlare con Pio in modo civilizzato, ma questi risponde sempre insolentemente.
    Niente che qualche martellata sulle mani non potesse risolvere, comunque.

    Il declino di Padre Pio
    Dopo le mazzate, Pio decide di tornare alla vita monastica finendo i suoi giorni in preghiera e concedendo il suo corpo e la sua anima esclusivamente a Dio.

    Qui sotto trovate l'unica foto d'epoca rimasta.


    Ultima modifica di Emadion; 11-07-17 alle 22:58

  11. #351
    Senior Member L'avatar di gnappinox1
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4.761

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia


  12. #352
    koba44
    Guest

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da Emadion Visualizza Messaggio
    le gioie delle foto osé di procaci ragazzotte.
    Francesco, inspiegabilmente, dopo essere venuto a conoscenza di tali fotografie, si ammala agli occhi.
    "inspiegabilmente..."

    Praticamente si massacrava di pugnette da mane a sera...

  13. #353
    Bannato
    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3.921

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia


  14. #354
    Redhead addicted L'avatar di GioOliju
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Verde campagna milanese
    Messaggi
    2.975

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia


  15. #355
    Bannato
    Data Registrazione
    Jul 2017
    Messaggi
    3.921

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    evangelion, emadion, come ti chiami, torna a surriento!

  16. #356
    15-09-2001 L'avatar di David™
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Here and There
    Messaggi
    3.451

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Svapo, non cagare il cazzo.
    "I have noticed even people who claim everything is predestined, and that we can do nothing to change it, look before they cross the road." Stephen Hawking

  17. #357
    koba44
    Guest

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    @Emadion/Lilith


  18. #358
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    La Femina Accabadora – Nostra signora… del martello






    La Femina Accabadora, ovvero “colei che finisce”, forse dal verbo spagnolo “acabar” con il significato di “porre termine”… alla vita altrui.

    Di solito si trattava di una donna anziana, che viveva un po’ isolata dalla locale comunità, forse una sorta di levatrice “tuttofare”, la “sciamana” del villaggio.

    Di notte, quasi furtivamente entrava nella stanza dell’inconsapevole morituro, completamente vestita di nero e con il volto coperto.

    Faceva togliere dalla stanza del moribondo tutte le immagini sacre e tutti gli oggetti ai quali egli poteva essere particolarmente affezionato, in modo da rendere più semplice e meno doloroso – almeno sul piano affettivo! – il distacco dello spirito dal corpo. Poi procedeva con una sorta di assassinio rituale – con la piena consapevolezza dei parenti della vittima! – finalizzato a porre fine alle sofferenze fisiche degli anziani, dei malati più o meno “terminali”.

    La povera e inconsapevole vittima poteva venire semplicemente soffocata con un cuscino oppure – più di frequente – colpendola… sulla fronte o sulla nuca con un particolare, pesante mazzuolo di legno d’ulivo, denominato ovviamente “su mazzolu”.

    Una curiosa variante – meno cruenta ma non per questo più piacevole – poteva essere quella di strangolarlo ponendo il suo collo tra le gambe dell’impietosa “Accabadora”.

    “Su mazzolu” era ricavato da un solido pezzo di albero di ulivo (la testa del martello), da cui si diramava un ramo secondario, più piccolo, che opportunamente tagliato diventava il manico dell’inconsueta arma letale.



    Ma il rituale di questa inconsueta “eutanasia” – che a dispetto del nome “dolce” non lo era affatto – prevedeva anche di porre sotto il cuscino del “morituro”, per almeno tre giorni consecutivi, anche un piccolo giogo che aveva il compito di richiamare alla vita il moribondo dedito per un’intera esistenza al lavoro dei campi, alla conduzione dei buoi “aggiogati”che trainavano l’aratro.



    Il malato, l’anziano, non rispondeva positivamente a questo tentativo di cura? Niente paura (almeno per i parenti).

    L’Accabadora, insieme ai parenti della “vittima”, procedeva con l’Ammentu, ovvero sussurrava all’orecchio del malcapitato tutti i suoi peccati, affinché egli potesse pentirsi in articulo mortis. Questo rituale poteva farlo passare immediatamente a miglior vita, a causa del peso psicologico di quanto gli veniva ricordato oppure… farlo riprendere per la paura di finire al più presto tra le fiamme dell’Inferno.

    Se l’Accabadora non percepiva segni di miglioramento, procedeva senza indugi con una terapia d’urto avvolgendo l’infermo in un lenzuolo imbibito d’acqua gelata e rinchiudendolo in una botte, ufficialmente per abbassare la temperatura corporea nel caso in cui la “vittima” fosse in preda ad attacchi febbrili.

    Ma una bella polmonite fulminate era sempre in agguato per risolvere brillantemente il problema.

    I “legni” del mestiere di Nostra Signora del Martello

    La figura della Nostra Signora del Martello, dell’Accabadora era diffusa anche nella penisola salentina. L’antropologo ottocentesco Saverio La Sorsa, su pubblicazioni relative a pratiche oserei dire “sciamane” dei primi decenni del Novecento in Puglia, ebbe a scrivere che

    […] è stentata l’agonia di chi in vita abbia violato un termine o bruciato un giogo […] per alleviarla è d’uopo mettere sotto il capezzale del morente una pietra o un giogo nuovo, una chiave ovvero una scure. In certi paesi di Sardegna, quando il moribondo tarda ad esalare l’ultimo respiro i parenti avvicinano alla sua testa o al collo un pettine o un giogo per alleviargli le sofferenze.[…].


    Oggi per chi volesse esaminare de visu un poco rassicurante “su mazzolu” di dimensioni e peso non trascurabili oltre a moltissimi oggetti legati alle tradizioni rurali della Sardegna di un tempo che fu, potrebbe fare un’interessante visita al “Museo Galluras”, in via Nazionale a Luras (Oristano), dove due simpatici galluresi hanno conservato oggetti, storia, memorie delle tradizioni e della vita quotidiana del luogo.

    Compresi naturalmente i “ferri” del mestiere di qualche Accabadora esercitante fino a non molto tempo fa l’altruistica professione.




    Emadion.it
    Ultima modifica di Kronos The Mad; 01-10-17 alle 13:16

  19. #359
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.606

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    In serata sistemo i font e impaginazione

  20. #360
    Cheeki Breeki! L'avatar di Rot Teufel
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    + 34.978
    Messaggi
    10.736

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia


Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su