Kronos The Magazine - Elogio alla Follia - Pagina 3

Pagina 3 di 22 PrimaPrima 1234513 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 60 di 423

Discussione: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

  1. #41
    Senior Member L'avatar di GenghisKhan
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5.527

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Minchia le foto delle bambole sono fottutamente inquietanti

  2. #42
    Mr.Cilindro
    Guest

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    grazie kronos quando voglio avere gli incubi so sempre chi scegliere

  3. #43
    koba44
    Guest

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Kronos non riesco a dormire, dov'è la tua favoletta della sera?

  4. #44
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.630

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    La storia dell'omicidio di Grigorij Elfomovič Rasputin, meglio noto come Rasputin, è tanto assurda quanto misteriosa.
    Mistico russo, divenuto famoso prima per i suoi presunti poteri curativi, e in seguito per i rapporti che lo legarono alla famiglia dello zar e in particolare alla zarina Alessandra, Rasputin godeva di parecchi privilegi e aveva una grandissima influenza presso la corte russa grazie all'incredibile potere di seduzione che esercitava su uomini e donne. Pur essendo un uomo di fede però, Rasputin si dedicava con passione a qualsiasi tipo di vizio: si ubriacava, rubava e correva dietro alle donne che intratteneva anche a gruppi (Rasputin è il soprannome che si guadagnò proprio in quegli anni e, in russo, significa depravato).
    Il suo potere e la sua vita scellerata gli attirarono il disprezzo della nobiltà russa che organizzò un complicato omicidio per eliminarlo.
    Nel 1916, in una fredda notte di dicembre, il principe Felix Jusupov lo invitò a cena nel suo palazzo con la scusa di fargli incontrare la moglie Irina, una delle donne più belle del suo tempo. Rasputin accettò ovviamente con entusiasmo dato che Irina era una delle poche donne che ancora non aveva intrattenuto. Il gruppo formatosi per portare a termine l’operazione comprendeva, oltre a Felix, il cugino dello Zar Gran Duca Dimitrij Pavlovič Romanov, Vladimir Mitrofanovič Puriškevič, il luogotenente Sukotin e il dottor Lazavert. Il piano era semplice: l’avrebbero avvelenato. Per essere sicuro del risultato Felix aggiunse cianuro ai dolci, al tè e al vino (il madera che il monaco adorava). Rasputin arrivò verso le undici e si tuffò sull’alcol e sul cibo, ingurgitando abbastanza veleno da uccidere sei uomini. Felix mentì dicendo che Irina sarebbe arrivata molto presto e attese accanto a lui che il cianuro facesse effetto, mentre i suoi complici aspettavano al piano di sopra. Alle due del mattino però, il monaco non mostrava alcun segno di avvelenamento, ma solo un evidente stato di ubriachezza. Sgomento, Felix salì al piano di sopra dove trovò i complici terrorizzati di trovarsi di fronte a un essere soprannaturale capace di cenare a base di veleno e accusare poi un semplice bruciore di stomaco. Si decise di sparare a Rasputin. Sceso nuovamente insieme a Dimitri, Felix sparò colpendo Rasputin nel petto tra lo stomaco ed il fegato per poi risalire al piano di sopra pensando che il monaco sarebbe morto presto dissanguato. Un’ora dopo Felix scese a controllare. Effettivamente Rasputin sembrava morto, ma quando tentò di muoverlo il monaco aprì gli occhi per poi avventarsi contro Jusopov cercando di scappare dal giardino. Rasputin era stato avvelenato, trafitto da una pallottola, lasciato a dissanguarsi per un’ora, eppure il suo cuore continuava a battere.
    Allarmato dal rumore, Purishkevich scese al piano inferiore e sparò di nuovo a Rasputin: uno dei proiettili penetrò il rene destro e si conficcò vicino alla spina dorsale, mentre un secondo proiettile lo colpì alla testa. Eppure il monaco ancora strisciava verso il cancello.
    Esasperati, i congiurati presero a colpire il monaco con calci e pugni in uno stato di parossismo totale finché questi non smise di muoversi. Fu avvolto in una coperta pesante, legato con una corda e quindi gettato in uno dei pochi punti non congelati del fiume Malaya Nevka.
    Il suo cadavere riemerse alcuni giorni dopo e dall'autopsia emersero nuovi sconvolgenti dettagli: nel corpo del monaco non c'era traccia di veleno, ma venne trovata acqua nei polmoni, segno che era ancora vivo quando venne gettato nel fiume.

    Nella prima foto potete vedere l'aspetto assolutamente singolare di Rasputin: alto 1,93 m, capelli scuri, barba lunga e incolta, occhi azzurrissimi, ma penetranti come quelli di un folle. Elementi che sicuramente lo aiutavano a distinguersi.
    Nella seconda invece, il cadavere congelato di Rasputin adagiato su una slitta dopo il suo ritrovamento.






    Fonte le fotografie che hanno fatto la storia

  5. #45
    Amico di tutti L'avatar di Sinex/
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.071

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    mi gusti kronos

    mi gustissimi

  6. #46
    Senior Member L'avatar di manuè
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    18.776

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Felix sparò colpendo Rasputin nel petto tra lo stomaco ed il fegato
    non è che intendevano l'addome?


    ... a prescindere...

  7. #47
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.630

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da manuè Visualizza Messaggio
    non è che intendevano l'addome?
    mh

    forse intendevano che colpendolo al petto il proiettile è passato poi attraverso li?



    Summoniamo qualche medico

  8. #48
    Senior Member L'avatar di freddye78
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    bergamo
    Messaggi
    10.126

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    ma nel 1916 erano già in grado di fare l'esame del sangue e stabilire se uno era stato avvelenato? ho i miei dubbi

  9. #49
    Senior Member L'avatar di manuè
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    18.776

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da freddye78 Visualizza Messaggio
    ma nel 1916 erano già in grado di fare l'esame del sangue e stabilire se uno era stato avvelenato? ho i miei dubbi
    la dottoressa Julia Ogden lo faceva ben da prima


    ... a prescindere...

  10. #50
    B1-66ER ¥€$ L'avatar di KymyA
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    PUTIGNANO (BA)
    Messaggi
    8.777
    Gamer IDs

    Gamertag: KymyA PSN ID: KymyA Steam ID: KymyA

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da freddye78 Visualizza Messaggio
    ma nel 1916 erano già in grado di fare l'esame del sangue e stabilire se uno era stato avvelenato? ho i miei dubbi
    Erano esami semplici.
    Praticamente venivano eseguiti assaggiando il sangue e constatando se l'esaminatore moriva a breve o no.
    DISCLAIMER: Questo post non invita a commettere reati ne tantomeno ad infrangere la legge. Quanto scritto può essere parzialmente o totalmente falso o frutto della fantasia (malata) dell'autore. L'autore non si assume responsabilità per quanto scritto o sottointeso da questo post.



  11. #51
    Cheeki Breeki! L'avatar di Rot Teufel
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    + 34.978
    Messaggi
    10.740

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Tutto molto fiquo anche se conoscevo già la vicenda di Rasputin.

  12. #52
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.630

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    La casa delle bambole umane di Anatoly Moskvin




    Anatoly Moskvin era uno storico molto conosciuto nel suo paese Niznhy Novgorod, in Russia. Uomo molto intelligente era esperto di cimiteri e parlava ben 13 lingue.

    Nel 2001 si scoprì che questo genio aveva anche un altro hobby: riesumava bambine morte da poco, le mummificava, le vestiva e le teneva in casa come fossero bambole.

    L’uomo, oggi 48 enne, venne scoperto quando la polizia si presentò a casa sua per fargli delle domande su alcuni disturbi nel cimitero locale. Quello che videro fu raccapricciante e Anatoly venne arrestato.

    In casa sua vennero ritrovati i corpi mummificati di 29 bambine, dai 3 ai 12 anni. Anatoly riesumava le bambine, le mummificava e le trasformava in bambole seguendo scrupolosamente una guida che lui stesso aveva stampato.



    Poi le vestiva come bambole e le teneva in casa, dando loro nomi e celebrando per ognuna la festa di compleanno.
    In alcune aveva persino messo delle scatole musicali all’interno della cassa toracica.

    Alcune avevano il viso ricoperto di cera e truccato, mentre altre erano ricoperte di tessuto.
    Nella casa degli orrori vennero ritrovate anche delle registrazioni in cui l’uomo celebrava delle feste di compleanno per le sue bambole e in uno di questi, mentre fa uno zoom sul viso di una mummia, confessa che le bambole sono fatte a partire da resti umani.

    La madre di Anatoly, 74 anni, disse di non essersi mai accorta di nulla. Pensava che quello di creare bambole era l’hobby del figlio, ma non avrebbe mai pensato che fossero dei cadaveri.

    Anatoly ha spiegato la sua ossessione con la morte dicendo che quando aveva 12 anni stava partecipando ad un funerale e i presenti lo obbligarono a baciare il cadavere, una bambina di 11 anni.

    Nel 2011 venne arrestato e nonostante sia considerato una specie di genio non viene ritenuto in grado di poter sostenere un processo ed è da allora all’interno di un istituto psichiatrico.

    Durante l’arresto ha affermato che lo faceva per tenere le bambine al caldo perchè le loro famiglie le avevano abbandonate al freddo.

    Le testimonianze: Natalia Chardymova era la mamma della piccola Olga, brutalmente uccisa nel 2002.
    Olga aveva solo 10 anni, quando per la prima volta le venne permesso di camminare da sola da casa sua fino a quella della nonna, nell’isolato vicino.



    Un tossicodipendente però la assaltò per rubarle gli orecchini e poi la uccise colpendola con una sbarra di ferro in testa. Il corpo venne ritrovato solo 5 mesi più tardi.

    Oltre a questo dolore, per la madre si aggiunge quello di aver pregato per ben nove anni su una tomba vuota.

    Natalia racconta anche come Anatoly perseguitasse la famiglia lasciando dei bigliettini sulla tomba di Olga per ogni ricorrenza: il compleanno, l’inizio e la fine della scuola, le feste nazionali.
    Nel biglietto l’uomo si firmava come “L’angelo gentile” e si rivolgeva alla bambina come “Signorina”.

    Dopo vari messaggi e alcuni danni alla tomba, decisero di chiamare la polizia che però non poteva fare molto.

    Solo nel 2011 Anatoly viene scoperto e la polizia chiede a Natalia e a suo marito di aprire la tomba di Olga perchè in una casa sono stati scoperti 29 corpi di bambine mummificate.

    Quando recuperarono la tomba, videro un buco sulla parte superiore che era stato fatto da Anatoly per prendere il corpo. Natalia non sa darsi pace perchè quell’uomo ha vissuto con la sua bambina per nove anni, quasi quanti ne ha vissuti con lei.



    Fonte: emadion
    Ultima modifica di Kronos The Mad; 19-12-16 alle 22:13

  13. #53
    koba44
    Guest

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    A quando un servizio sulla casa di Fulviuz?

  14. #54
    Senior Member L'avatar di manuè
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    18.776

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    perlomeno anatoly non ha ammazzato nessuno.


    ... a prescindere...

  15. #55
    Cheeki Breeki! L'avatar di Rot Teufel
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    + 34.978
    Messaggi
    10.740

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da koba44 Visualizza Messaggio
    A quando un servizio sulla casa di Fulviuz?
    al massimo troviamo i resoconti di guerra delle piattole in missione segreta per trovare la porta

  16. #56
    14,545 L'avatar di Frigg
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5.227

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da manuè Visualizza Messaggio
    perlomeno anatoly non ha ammazzato nessuno.
    this

  17. #57
    Mr.Cilindro
    Guest

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da koba44 Visualizza Messaggio
    A quando un servizio sulla casa di Fulviuz?
    Attendo impaziente.

    Inviato dal mio SM-G357FZ utilizzando Tapatalk

  18. #58
    Senior Member L'avatar di manuè
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    18.776

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    kronos, che ne dici di indagare sui basament degli abituè di j4s?


    ... a prescindere...

  19. #59
    01100100 01101001 0111001 L'avatar di Kronos The Mad
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    10.630

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    Citazione Originariamente Scritto da manuè Visualizza Messaggio
    kronos, che ne dici di indagare sui basament degli abituè di j4s?
    Mh potrebbe essere interessante

  20. #60
    Senior Member L'avatar di Lurge
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    curvylandia
    Messaggi
    7.713

    Re: Kronos The Magazine - Elogio alla Follia

    e su elevulvs?

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su