Torniamo a un mio vecchio cavallo di battaglia

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Torniamo a un mio vecchio cavallo di battaglia

  1. #1
    Bannato
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    9.001

    Torniamo a un mio vecchio cavallo di battaglia


  2. #2
    Senior Member L'avatar di manuè
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    18.812

    Re: Torniamo a un mio vecchio cavallo di battaglia

    Inoltre, sarò morto
    Meehan Crist

    Dopo che l'uragano Sandy ha colpito nel 2012, ho aiutato un amico di Brooklyn a rimuovere la batteria della sua auto, l'ho messa in uno zaino e l'ho portata a Wall Street. Le metropolitane furono allagate, quindi prendemmo un traghetto attraverso l'East River fino al centro di Manhattan, dove una linea di galleggiamento grigia e fangosa tagliava le pareti e le finestre del piano terra. L'oceano era arrivato e se n'era andato e le strade diroccate erano deserte. L'aria odorava di marciume e l'unico suono era il ronzio industriale di generatori che pompavano l'acqua da scantinati allagati. Il tubo a fisarmonica arancione serpeggiava dentro e fuori da edifici impregnati d'acqua. Entrammo nell'ingresso di un condominio dove i residenti vagavano in uno stato di confusione e un uomo esausto in uniforme stava preparando un piatto di frutta fresca, presumibilmente acquistato da qualche parte lontano, dove la gente aveva ancora potere e acqua corrente e l'improvvisa assurdità di brunch Un amico paraplegico al piano superiore aveva bisogno della batteria dell'auto per alimentare il suo ventilatore. Gli ascensori erano fuori uso, così abbiamo camminato su venti rampe di scale, illuminandoci al buio con le torce. All'interno dell'appartamento, l'amico e il suo compagno di stanza, anch'essi paraplegici, avevano abbandonato le loro sedie a rotelle motorizzate e si erano sdraiati nei loro letti in una luminosa sala sul davanti, ridendo e chiacchierando. Non era chiaro quando il potere sarebbe tornato, ma quando le cose sono tornate alla normalità avevano pianificato di organizzare una festa. Non penso che nessuno in quella stanza fosse pienamente consapevole, quindi, che l'oceano sarebbe tornato per rimanere.

    L'aumento del livello del mare globale è difficile da prevedere per gli scienziati, ma la tendenza è chiara. Le massicce calotte glaciali in Groenlandia e nell'Antartico hanno iniziato a collassare, in un fenomeno noto come "instabilità dei ghiacciai marini", che i precedenti modelli di innalzamento del livello del mare globale non tenevano conto. Quando l'Accordo di Parigi fu redatto poco più di due anni fa, si basava su rapporti secondo cui le calotte di ghiaccio sarebbero rimaste stabili e partendo dal presupposto che i livelli del mare potevano salire fino a tre piedi e due pollici entro la fine del secolo. Nel 2015, la Nasa ha stimato un minimo di tre piedi. Nel 2017, un rapporto della National Oceanic and Atmospheric Association (NOAA), la preminente agenzia di scienze del clima negli Stati Uniti, ha rivisto le stime in modo drammatico, affermando che entro il 2100 i livelli del mare potevano salire di oltre otto metri. L'anno scorso, uno studio ha stimato che se le emissioni di carbonio continuassero ai livelli attuali, entro il 2100 i livelli del mare saranno aumentati di ben 11 piedi. L'innalzamento del livello del mare comporta picchi di tempesta più alti, come l'ondata di nove piedi che ha inondato Lower Manhattan e i quartieri gravemente colpiti di Long Island e New Jersey, ma anche le zone costiere basse, dal Bangladesh ad Amsterdam, saranno sott'acqua in meno di un cento anni. Vale la pena ricordare che due terzi delle città del mondo siedono sulle coste. In uno scenario ad alte emissioni, le alte maree medie a New York potrebbero essere superiori ai livelli osservati durante Sandy. Un aumento del livello del mare globale di 11 piedi sommergerebbe completamente città come Mumbai e gran parte del Bangladesh. La domanda non è più se - ma quanto in alto, e quanto velocemente.

    Jeff Goodell, che ha parlato di cambiamenti climatici per anni (i suoi libri precedenti includono How to Cool the Planet: Geoengineering e Audacious Quest per sistemare il Clima e il Big Coal: The Dirty Secret dietro l'America's Energy Future), era anche a Lower Manhattan dopo l'uragano Sandy, e l'esperienza così spaventata che ha trascorso i successivi quattro anni cercando di capire come le comunità costiere dovranno affrontare l'inevitabile aumento dei livelli del mare. Goodell viaggia da Norfolk, Virginia ai parchi acquatici di Rotterdam, parlando con scienziati, politici, architetti, artisti, rifugiati e persone che vivono lungo la linea di galleggiamento, dove le inondazioni regolari sono già un dato di fatto. Si muove a piedi nudi attraverso le acque inquinate che invadono Miami Beach durante le maree del re, visita una famiglia che vive nella "baraccopoli delle acque nere" di Makoko, appena fuori Lagos, e intervista Barack Obama durante il suo storico viaggio in Alaska. Il libro salta insieme al ritmo vivace del giornalismo delle riviste - alcuni dei capitoli sono apparsi in una forma diversa in pubblicazioni come Rolling Stone - e Goodell trova persone con piani visionari, schemi discutibili e teste piantate in profondità in sabbie mobili. La maggior parte delle volte, è un osservatore piuttosto che un polemista, ma la sua profonda preoccupazione risuona ovunque, come quando chiede a Obama: "Come giudichi quanta verità può trarre l'America? Perché sai cosa sta arrivando. "Questo è un libro inzuppato e saturo. Ovunque vada Goodell, l'acqua sta sorgendo. "Per chiunque viva a Miami Beach o South Brooklyn o Boston's Back Bay o in qualsiasi altro quartiere costiero di bassa quota," scrive, "la differenza tra tre piedi di livello del mare aumenta di 2100 e sei piedi è la differenza tra un bagnato ma vivibile città e città sommersa ... La differenza tra tre piedi e sei piedi è la differenza tra una crisi costiera gestibile e un disastro dei rifugiati che dura da decenni. "

    Questa non è la prima volta nella storia umana che i livelli del mare globale sono aumentati drammaticamente in un breve periodo di tempo. Le prove archeologiche mostrano che quando i ghiacciai si sono sciolti e il livello del mare è aumentato alla fine della prima era glaciale, gli esseri umani che vivono lungo le coste hanno impacchettato le loro comunità e si sono trasferiti nell'entroterra. Ma l'infrastruttura costiera di oggi è molto meno mobile. "C'è una terribile ironia nel fatto che è proprio l'infrastruttura della Fossil Fuel Age - gli sviluppi degli alloggi e degli uffici sulle coste, le strade, le ferrovie, i tunnel, gli aeroporti - a renderci più vulnerabili", scrive Goodell. Gli aeroporti principali come JFK e San Francisco International rischiano di essere sott'acqua nell'arco di cento anni. La costa orientale del Regno Unito sarà alterata per sempre. Il reattore nucleare della Florida's Turkey Point, che si trova appollaiato su un'isola esposta nella baia di Biscayne, è un disastro in attesa di accadere. Trilioni di infrastrutture in dollari e intere economie costiere sono state costruite su terreni che presto saranno inondati, e questo senza tener conto dell'erosione della strada, dell'erosione della spiaggia e del collasso di proprietà lungo le coste, che potrebbe innescare precipiti economici più profondi del Grande Recessione. Oggi, più di 145 milioni di persone in tutto il mondo vivono a tre piedi o meno sopra il livello del mare, molte nei paesi poveri del Sud del mondo. "Con l'aumento delle acque", scrive Goodell, "milioni di queste persone saranno sfollate, molte delle quali nei paesi poveri, creando generazioni di rifugiati climatici che trasformeranno l'attuale crisi dei rifugiati in guerra siriana in una produzione teatrale di scuola superiore." non c'è più alcun dubbio sul fatto che l'innalzamento dei livelli del mare globale rimodellerà la civiltà umana.










    e poi mi sono rotto il cazzo...


    ... a prescindere...

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su