Evacuazione felice - Pagina 4

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 61 a 63 di 63

Discussione: Evacuazione felice

  1. #61
    Goldmember L'avatar di Baddo
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4.155

    Re: Evacuazione felice

    Proprio ora sto cagando!

    Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk

  2. #62
    Senior Member L'avatar di TeoN
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Amstelveen
    Messaggi
    4.635
    Gamer IDs

    Steam ID: teon72

    Re: Evacuazione felice

    Citazione Originariamente Scritto da Baddo Visualizza Messaggio
    Proprio ora sto cagando!

    Inviato dal mio PRA-LX1 utilizzando Tapatalk
    Presto ! Leggi qua !!!


    "Voglio la pelle nera" ovvero di come Black Panther sia un film importantissimo.

    Dicono che Laurence Fishburne saltasse agitato sulla poltrona del cinema esclamando colorite espressioni di giubilo. Gli incassi sono alle stelle e fioccano consensi di critica e pubblico. Cerchiamo di capire il perché analizzando l'importanza del film in diversi ambiti.

    1. Per la comunità afroamericana, per la società tutta

    Esistono un sacco di opere nella storia del Cinema che parlano della schiavitù nera nella società americana. Film di denuncia sociale, di analisi storica, divulgativi. Tutti film molto interessanti, rilevanti dal punto di vista artistico, spesso facili vincitori di premi e riconoscimenti. Grazie a racconti, ricostruzioni e testimonianze è inevitabile provare empatia e trovare ripugnanti le sofferenze che intere generazioni hanno dovuto subire per il solo colore della pelle. Tuttavia ad ognuno di quei film mancava una cosa fondamentale: riuscire a catturare realisticamente un sentimento preciso, quella sofferenza propria di una schiavitù non solo fisica ma anche soprattutto mentale. L'ultimo ad averci provato è stato Tarantino con il suo Django Unchained, un ottimo film che riesce quasi a raggiungere il suo scopo prima che la vena eccessivamente pulp del regista offuschi tutto il resto.
    Mi sono sempre chiesto cosa significasse vivere in una società composta da gente che fino a qualche decennio prima schiavizzava impunemente i tuoi familiari. Mi è stata descritta efficacemente la rabbia, la frustrazione, la rassegnazione. Mai però in maniera tale da farmela sentire sottopelle, nell'animo. Finalmente, grazie a Black Panther, ci sono riusciti. Si tratta di inquietudine (irrisolvibile, opprimente, fastidiosa) e il film te la fa aderire addosso come un costume di Vibranio. Il più grande pregio della pellicola è proprio questo: dare finalmente espressione a sentimenti prima inesprimibili, incomprensibili per un uomo bianco occidentale del ventunesimo secolo. Un film perciò importantissimo per la comunità afroamericana perché diventa un mezzo di contatto diretto con il resto della società, per esprimere un disagio vivo e reale. E' evidente che se nel 2018 la comunità afroamericana senta l'esigenza di produrre un film del genere allora significa che i problemi di integrazione e disparità continuano ad esistere e ad essere ancora irrisolti. Questo sta mettendo sul tavolo Ryan Coogler (sceneggiatore e regista) attraverso un linguaggio semplice, diretto ed efficace. L'idea di sfruttare l'occasione per un eroe completamente africano da inserire nel grande universo cinematografico Marvel è un modo per dire al mondo "ricordatevi di noi, di ciò che è veramente importante". Lo vediamo dalla cronaca: le grandi minacce del nostro tempo non provengono da ipotetici invasori alieni o dominatori interdimensionali ma dalla non accettazione del prossimo, dalla paura che genera intolleranza ed odio e dalle persone senza scrupoli che dividono ed imperano. La persona saggia, di questi tempi, costruisce ponti mentre lo stupido costruisce muri. Black Panther è un ponte importantissimo. Ora due ragazzini appassionati di cinema e fumetti possono parlare lo stesso linguaggio e ammirare lo stesso tipo di eroismo che sia americano od africano. E insieme, un domani, trovare soluzioni, come dei veri supereroi.

    2. Per la Marvel, per il cinema tutto.
    Sappiamo tutti che gli americani non sono un popolo (inteso come senso di appartenenza) ma mera popolazione. Coloni, schiavi liberati e immigrazione economica sono la composizione originaria della società di oggi, un coacervo di culture e mentalità impossibile da catturare in una visione univoca. Un paese in eterno fermento (proprio per questo così prolifico per il cinema). La cosiddetta società multirazziale è in realtà multirazzista e ogni tensione finisce sempre per arrivare allo scontro sul piano etnico. Pochi sono i punti di convergenza dove si può lavorare per risolvere la tensione e sconfiggere vecchi retaggi. Da una parte vi sono i pregiudizi tipici di chi è stato oppressore e si vede deposto e derubato della propria supremazia. Dall'altra il risentimento e il senso di impotenza dell'oppresso che viene sempre colpevolizzato per aver sovvertito l'ordine delle cose. Tutto questo annienta qualsiasi possibilità di dialogo e situazioni simili si ripetono in maniera apparentemente irrisolvibile in molte altre parti del mondo. Tuttavia ci si può (e ci si deve) provare attraverso qualsiasi mezzo. L'arte spesso può farsi carico di contenuti e il Cinema è il mezzo ideale. Qualcuno alla Marvel ha capito che era ora di cominciare ad occuparsi del reale e che il supereroe, per adempiere pienamente alla sua funzione ed essere tale, deve diventare soprattutto ispirazione. Black Panther è il primo risultato veramente compiuto in tal senso. Nei fumetti la Marvel è sempre stata un faro per quanto riguarda le battaglie civili e la riflessione morale. Nel cinema ha compiuto un lavoro più graduale cominciando timidamente e inserendo via via sempre più riferimenti a problematiche reali fino alla completa adesione alla realtà di quest'ultimo film. In verità che si fosse intrapresa questa direzione era piuttosto evidente nel penultimo film, Spiderman Homecoming. Lì la nemesi era l'Avvoltoio (uno strepitoso Michael Keaton),in verità un padre di famiglia lavoratore svilito e privato della dignità. Con questa decisa virata la Marvel si assume un'importante responsabilità inserendo pesanti tematiche sociali in prodotti destinati soprattutto a ragazzi e famiglie. Una scelta editoriale coraggiosa e illuminata, segno di maturità del genere e definitivo sdoganamento del proprio marchio, non più solo sinonimo di intrattenimento leggero. Una netta presa di posizione nell'era Trump che mi sarei aspettato piuttosto dalla vecchia Hollywood che invece non ha brillato per coraggio. Un esempio di coerenza perché perfettamente aderente al messaggio che costituisce il cuore del film: i mostri che attanagliano la nostra società e che ci hanno messi uno contro l'altro sono frutto del nostro "voltarsi dall'altra parte" quand'era il momento di soccorrere un fratello che soffre. Non è più il tempo di metafore, di astrazioni. E' tempo di condividere risorse, capacità, talenti, conoscenze, aiuto. Perché è più quel che ci unisce che quel che ci divide. Ribadire questo concetto in un film importantissimo per la platea universale è una chiara presa di posizione politica. Chi mai si sarebbe aspettato che il film più politico dell'anno sarebbe stato un film Marvel!

    3. Per chi abbandona, per chi accoglie.
    Il senso di solitudine e abbandono di chi è stato privato delle proprie radici è rappresentato in maniera potente nel personaggio di un ragazzino e di suo padre nella Los Angeles della rivolta del 1992. E' il sentimento profondo e sconvolgente che investe lo spettatore e a cui facevamo riferimento prima. Non esisterebbe però un dolore così forte senza un amore ed un richiamo potente verso le proprie radici. L'intuito più geniale del film è stato quello di far diventare Wakanda, mirabolante città stato, la patria mitica di ogni esule cosicché anche lo spettatore meno empatico potesse immaginare cosa significasse essere strappati dalla propria casa. Wakanda infatti non è solo una città meravigliosa e un atto d'amore per l'Africa, Wakanda è l'Africa stessa. Quella terra, lo sappiamo tutti, potrebbe essere la più ricca del mondo grazie alle proprie risorse naturali. Come potrebbe essere una città stato africana del ventunesimo secolo che avesse potuto godere di tutte le risorse riuscendo al contempo a mantenere una propria fortissima identità culturale tradizionale? Wakanda è la risposta e questa risposta è un coltello al cuore. La madre di tutte le terre rappresenta il dolore che prova ogni afroamericano, quando magari è solo un ragazzo orfano nella Los Angeles del 1992, nel credere a una favola, la terra mitologica da cui provengono gli avi. La terra meravigliosa che sarebbe potuta essere se tutti gli schiavi fossero potuti crescere nella loro terra libera invece di costruire sottomessi la ricchezza di un paese che li opprime. Fieri, liberi, forti. Riflettete su questo quando incrociate qualcuno che viene da lontano e ha lo sguardo perso e triste. C'è qualcuno che lo aspetta e che lo avrebbe amato da qualche altra parte.

    4. Per lo spettatore pagante
    Come al solito, il film Marvel vale pienamente il prezzo del biglietto ed è uno spettacolo per gli occhi. Non solo Wakanda e i meravigliosi paesaggi africani dominano il film. Anche i gli effetti speciali ed i combattimenti sono spettacolari, ben superiori allo standard del genere. Tanto amore per l'Africa anche nelle musiche e, lasciatemelo dire, non c'è niente di più esaltante dei ritmi tribali durante un combattimento, grazie per avermi fatto scoprire anche questo Black Panther.
    Una schiera di talenti si è messa al servizio di tanta polpa: Chadwick Boseman come re T'Challa, la Pantera Nera, regale attore oxfordiano (la produzione ha voluto solo lui, perfetto); Michael B. Jordan come il cattivo Killmonger, strepitoso qui come lo è stato In Creed insieme a Stallone; la bellissima Lupita Nyong'o; Daniel Kaluuya, già protagonista di Get Out, altro film sul tema del razzismo, candidato agli Oscar di quest'anno; Danai Gurira, la combattiva e celebre Michonne della serie The Walking Dead.
    Completano il cast Forest Whitaker, ormai relegato a ruoli di santone, la regina Angela Bassett e due strepitose aggiunte: Martin Freeman (il Bilbo de "Lo Hobbit" e il Dottor Watson nella moderna serie tv "Sherlock") e Andy Serkis, il re della motion capture, qui finalmente su schermo in carne ed ossa. I due avranno anche il modo di confrontarsi, quasi come Bilbo e Gollum, in una gustosissima scena faccia a faccia.
    Un ottimo film da guardare con la famiglia perché è proprio della famiglia che parla oltre alle responsabilità dei propri padri (eroi spesso difettati) e di responsabilità individuali.

    Black Panther è un film importantissimo e ora abbiamo capito perché.

    WAKANDA!




    Un Uomo non educato dal dolore rimane sempre bambino
    Thomas Mann

  3. #63
    sticazzi imperiale +9370 L'avatar di maxx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.043

    Re: Evacuazione felice

    e subito dopo:
    "gli albini africani sono oggetto di derisione, aggressione verbale e discriminazione sociale e sono considerati dalla famiglia come una punizione divina. Spesso il padre abbandona la moglie quando questa abbia partorito un bambino affetto da albinismo; altre volte è la madre stessa che, spinta dalla paura di portare disonore e disgrazia alla famiglia, abbandona o uccide il proprio figlio. Ulteriori credenze portano il padre a sospettare che il figlio albino sia nato dall'unione della madre con un uomo bianco. Come conseguenza, in alcuni villaggi si pensa che per curare un bambino affetto da albinismo sia opportuno lasciarlo al sole il più a lungo possibile fino a che non avrà assunto il colore adeguato.[3]

    In altri casi le donne albine possono subire violenza sessuale, violenza causata dalla convinzione che un rapporto sessuale con una donna affetta da albinismo possa curare dall'HIV e AIDS.[4].

    Anche quando un bambino affetto da albinismo venga accettato e cresciuto dalla famiglia, subisce spesso isolamento dalla vita sociale, povertà e mancato diritto all'istruzione. Gli albini africani adulti inoltre trovano molte difficoltà a essere assunti e trovare lavoro, faticando così a vivere una vita autonoma e indipendente."

    WAKANDA!

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su