Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

Risultati da 1 a 10 di 10

Discussione: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

  1. #1
    Senior Member L'avatar di Cesarino
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.491

    Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    L’Italia tecnologica, più che su Internet, andrebbe osservata dentro il centro TIM dietro casa mia. Immagino che lo stesso accada dentro i negozi Tre, Vodafone o Wind. I luoghi nei quali si acquistano telefoni, computer, servizi Internet ed altri gadget tecnologici (e quindi anche le grandi catene dell’informatica di consumo) sono oggi la principale frontiera sociologica del Paese digitale.

    Il negozio che conosco io è gestito da due signori sorridenti e gentilissimi, prodighi di consigli ed informazioni: spesso la fila per parlare con loro, acquistare abbonamenti o cellulari, arriva fuori dal piccolo negozio.

    Quando è il suo turno la signora anziana davanti a me chiede come mai il suo cellulare nuovo non abbia dentro Facebook. Il giovane uomo qui accanto nel frattempo sta chiedendo all’altro commesso quanto del suo bundle mensile di dati per Internet (1 Giga) vada sprecato per “scaricare un film”.

    Tocca venire da queste parti per farsi un’idea meno imprecisa della complessità della tecnologia, di come aspetti che noi normalmente consideriamo banali non lo siano per nulla. Il commesso paziente indica alla signora come si scarica la app di Facebook (la signora è concentrata ma non mi pare abbia capito) poi le spiega che comunque per creare un account serve un indirizzo email. Un indirizzo email? Io non ho un indirizzo email – gli risponde la donna – io vorrei solo Facebook per vedere le foto delle mie nipotine.

    Stare sulla frontiera tecnologica non è semplice, serve molta pazienza e tanta gentilezza. È un lavoro che ha qualcosa del buon samaritano e qualcosa del cinico arrampicatore: come tutti i lavori si può fare bene o malissimo. Si può educare faticosamente alla tecnologia i propri clienti o utilizzare la tecnologia per prenderli in giro e guadagnarci dei soldi.




    Circola molto in questi giorni questa foto scattata in un negozio Mediaworld: elenca i costi delle prestazioni di assistenza alla clientela per eseguire procedure che a noi forse sembrano intuitive e semplicissime. Di fronte a questa immagine gli sciocchi su Internet si indignano tout court per l’esosità delle richieste (ma di nuovo si tratta di una faccenda di prospettive, molte di simili prestazioni sono semplici solo per quelli che le sanno fare) quelli dotati di senso pratico capiscono al volo che il tempo lavorativo dei commessi ha un costo e non può essere interamente assorbito dagli aiutini alla vasta clientela che non sa.

    Nel negozio dietro casa mia a un certo punto hanno dovuto prendere provvedimenti: se tu vieni a chiedermi di eseguire una lunga procedura al call center dell’operatore telefonico, un’operazione che potresti fare da solo ma che non sai o non hai voglia di fare, io posso anche farla per te ma sarò costretto a chiederti una cifra per il servizio. Nessuno ti obbliga a richiedere a Mediaworld di applicarti la pellicola protettiva sul cellulare nuovo ma se ti venisse in mente di chiederlo sappi che il costo è 2,99. È ridicolo? È troppo? Certo, ma se la domanda è ridicola perché il prezzo non può esserlo?

    Il confine fra cura del cliente e servizio aggiuntivo è labilissimo: dentro la cura del cliente sta anche il prezioso lavoro di alfabetizzazione informatica che un semplice addetto di un grande magazzino potrà fare verso la massa di persone che si avvicinano a Internet – attraverso di lui – senza nemmeno i più basilari rudimenti. Non sarebbe male se lo Stato detentore del peggior digital divide d’Europa immaginasse qualche maniera per presidiare una simile frontiera. Magari non sostituendosi a chi oggi aggiunge la pellicola al cellulare nuovo per 2.99 euro, magari inventandosi qualcosa di nuovo ed inedito, magari immaginando un’assistenza antidigital divide negli uffici comunali o nelle scuole. Si potrebbe insegnare moltissimo alla signora che vuole vedere le nipotine su Facebook o al giovane incolto digitale che utilizza il traffico dati di un mese per scaricare un film.

    Magari iniziando dalle basi. Configurare uno smartphone, un tablet o un notebook per navigare in rete è solo apparentemente una faccenda semplice e alla portata di tutti. Anche come lo si farà, quali app verrano scaricate e quali siti web suggeriti, avrà un ruolo importante. Dentro quella misconosciuta complessità risiedono alcuni dei freni peggiori allo sviluppo di questo Paese. Forse sarebbe il caso di cominciare a metterci le mani.

  2. #2
    Get Galfed ™ L'avatar di Galf
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    ▀█▀▐▌▀█▀ ▄█▀
    Messaggi
    8.999
    Gamer IDs

    Steam ID: galf506

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    Ma ti pare che leggo questo pippone? Con quell'immagine poi, che è una roba giustissima?

  3. #3
    Senior Member L'avatar di Ciome
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    6.092

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    oltre a esserci un wot che anche no, è old.
    riassunto topic pirateria domestica:

    Citazione Originariamente Scritto da darkeden82 Visualizza Messaggio
    Tu non lavori nell'it ma per il sociale



    l'apice di svapo:


    Citazione Originariamente Scritto da Milella Visualizza Messaggio
    *
    Ultima modifica di golem101; Oggi alle 17:33 Motivo: bestemmie e pornografia
    Ultima modifica di salgari; Oggi alle 17:35 Motivo: qua comando io, chi è questo golem101


  4. #4
    opo louco L'avatar di Opossum
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    2.879

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    Citazione Originariamente Scritto da Galf Visualizza Messaggio
    Ma ti pare che leggo questo pippone? Con quell'immagine poi, che è una roba giustissima?
    Rassumendo, il pippone dice che quell'immagine è una roba giustissima.

    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati

    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no

    desolazioni - urbex in valtenesi e dintorni

  5. #5
    Senior Member L'avatar di Dr. Evil
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.178

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    Bel wottino

  6. #6
    Il Drago Dormiente L'avatar di Zhuge
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    20.869
    Gamer IDs

    Steam ID: zhuge88

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    sei un po' old Cesarino, tipo i clienti del mediauorl

    https://www.worldoftrucks.com/en/onl...e.php?id=92274
    Corsair Carbide 200R - Asrock Z97 Extreme4 - Intel Core i7 4790 3.60GHz Quad Core - Arctic Cooling Freezer 13 - Corsair Vengeance 8GB 1600MHz - Samsung 840 EVO 250GB MZ-7TE250BW - Seagate Barracuda 2TB ST2000DM001 - Gigabyte G1 Gaming GTX 1070 8GB - Corsair CS650M 650W - Windows 8.1 64bit DSP OEI

  7. #7
    Senior Member L'avatar di Tene
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Mantova
    Messaggi
    3.381
    Gamer IDs

    Steam ID: Il_Tene

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    Citazione Originariamente Scritto da Zhuge Visualizza Messaggio
    sei un po' old Cesarino, tipo i clienti del mediauorl
    Da quando è laureato non è più il Cesarino di una volta. Ultimamente sta cercando di tornare in sella, ma fa fatica.

  8. #8
    Senior Member L'avatar di GenghisKhan
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4.015

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    La verità è che fondamentalmente fregancazzo

  9. #9

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    Help
    Ho una Q


  10. #10
    Early Access L'avatar di Orologio
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    5.281

    Re: Apologia di RAIST e del MEDIAUOORD

    Ma secondo voi ora la TAV la finiscono in un annetto?

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su