Mario Grande:

Nel Regno Unito, hanno fatto ancora una volta cultura con il Commodore, all'8 bit Symphony di Hull. Sono state quasi due ore musica classica sublime, ma ho una rimostranza sull'unico pezzo al quale non è stata resa giustizia: Ghost 'n' Goblins di Cooksey. La traccia originale di Ayako Mori era un banale ragtime sulla falsa riga della serie Yoshi Nintendo, diventato famoso per il franchisee di capcom che lo infilava ovunque, anche come cameo di altri giochi. Il tema scritto per il C64 invece era un incredibile mash-up dell'opera 28 di Chopin e un pezzo del re dell'hammond, Wunderlich. Un po' quello che più tardi fece Shaiman con la colonna del film, la Famiglia Addams, cambiando totalmente registro dall'originale di Mizzy. Elite licenziataria del titolo per gli home computer fece un mezzo miracolo nella conversione per la fedeltà grafica all'arcade. ma ancora più sorprendente fu il modo in cui riuscirono a risparmiare sui diritti di Mori, affidando la riscrittura del pezzo a un allora teen ager come Cooksey che ottenne un successo internazionale nell'86 e venne accolto come una star dalla fanbase degli 8 bit. La versione di Cooksey merita di essere annoverata come un classico e di questo ringrazio gli amici di C64 audio che l'hanno riconosciuto finalmente inserendola in questa edizione estiva della Hull. Io credo però si debba fare di più. Mentre ci sono dei pezzi orchestrati benissimo come Forbidden Forrest, Aztech Challenge, accanto all'immancabile Monty che è talmente arrangiato da Dio suonerebbe bene anche con il Marranzano... questa di Ghost'n'Goblins è l'unica stonata. Cooksey è un musicista come Hubbard, ma non è completo come Hubbard che sa fare anche l'orchestrazione. Il tema principale da Dangerous Dreams, che io mi aspettavo un tripudio di archi, viene trasformato in un accompagnamento di fiati iniziale conclude con le percussioni. Non sono un musicista, ma spero venga ri-orchestrato meglio. Per il resto, grande esperienza