Il circolo degli scrittori. - Pagina 8

Pagina 8 di 13 PrimaPrima ... 678910 ... UltimaUltima
Risultati da 141 a 160 di 244

Discussione: Il circolo degli scrittori.

  1. #141
    Chiù pilu pi tutti! L'avatar di gmork
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Ovunquente.
    Messaggi
    3.974

    Re: Il circolo degli scrittori.

    a chi ha bisogno di perfezionarsi direi di frequentare attivamente il forum di writers magazine. puo' scrivere, avere pareri, consigli, farsi pubblicare in alcune loro iniziative e tutto senza spendere soldi, ma, anzi, anche guadagnandone se è bravo. (almeno fino a quando lo frequentavo, mo' non loggo da un po'). consiglio spassionato.

  2. #142
    Eterno 2° al FantaTGM L'avatar di Artyus
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Castle Rock
    Messaggi
    1.173
    Gamer IDs

    Steam ID: fgweb

    Re: Il circolo degli scrittori.

    imho se hai bisogno di un corso di scrittura per sapere se potresti essere un bravo scrittore oppure no sei fallito in partenza

    ma seriamente qualcuno qui dentro vorrebbe farlo di mestiere?
    "The man in black fled across the desert and the gunslinger followed."
    Stephen King - The Gunslinger


    Since 12-07-2002 +4.719 messaggi

  3. #143

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Citazione Originariamente Scritto da Odradek Visualizza Messaggio
    Quello che non mi convince è che nessun grande autore ha mai fatto corsi di scrittura. Si può insegnare il talento?
    fatto nel senso di frequentato o di tenuto?

    e comunque no, il talento non si può insegnare, ma per tornare al paragone precedente, un Ligabue (non Luciano, quell'altro) può essere considerato un grande pittore pur senza aver mai frequentato nessun tipo di accademia d'arte, ma probabilmente non sarebbe mai diventato un grande narratore perché scrivere prevede qualche competenza tecnica in più che tenere in mano un pennello, mescolare un pennello e spargere i colori sulla tela disegnando belle forme e riempiendola di bei colori.

    ci sono forme d'arte per cui il talento è sufficiente ed altre che presuppogono la presenza alle spalle di una forma di disciplina, che non necessariamente viene da una scuola, ma che probabilmente si trova più facilmente lì che altrove.

  4. #144
    Senior Member L'avatar di Odradek
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    747

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Fatto nel senso di frequentato

  5. #145
    Senior Member L'avatar di Matsetes
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    3.654

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Citazione Originariamente Scritto da Artyus Visualizza Messaggio
    imho se hai bisogno di un corso di scrittura per sapere se potresti essere un bravo scrittore oppure no sei fallito in partenza

    ma seriamente qualcuno qui dentro vorrebbe farlo di mestiere?
    This

  6. #146
    Senior Member L'avatar di franksinasce
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    113

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Citazione Originariamente Scritto da Artyus Visualizza Messaggio
    imho se hai bisogno di un corso di scrittura per sapere se potresti essere un bravo scrittore oppure no sei fallito in partenza

    ma seriamente qualcuno qui dentro vorrebbe farlo di mestiere?
    Ma è un discorso completamente privo di senso. Nascere con del talento non significa non aver bisogno di imparare nulla. A meno che uno non sia un genio.

  7. #147
    Eterno 2° al FantaTGM L'avatar di Artyus
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Castle Rock
    Messaggi
    1.173
    Gamer IDs

    Steam ID: fgweb

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Citazione Originariamente Scritto da franksinasce Visualizza Messaggio
    Nascere con del talento non significa non aver bisogno di imparare nulla.
    non intendevo questo, è ovvio che non si finisce mai di imparare
    per me è il fatto che uno dica "ok, faccio un corso di scrittura per vedere se sono bravo" che non ha senso, perchè uscirai da quel corso convinto di essere bravissimo anche se sei un cane

    parlo per esperienza (in)diretta, ho frequentato e assistito a diversi corsi (purtroppo, aggiungo)

    non posso fare nomi, ma se volete vi posto qualche riga in qua e là di persone che so per certo essere uscite dalla scuola Holden, per esempio, giusto per farci due risate
    Ultima modifica di Artyus; 23-03-16 alle 16:19
    "The man in black fled across the desert and the gunslinger followed."
    Stephen King - The Gunslinger


    Since 12-07-2002 +4.719 messaggi

  8. #148
    Senior Member L'avatar di franksinasce
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    113

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Beh su questo sono d'accordo, ma ognuno ha poi le sue motivazioni. Chi si sente già un fenomeno è impermeabile a qualunque critica e difficilmente è in grado di crescere, corso o non corso.

  9. #149
    Chiù pilu pi tutti! L'avatar di gmork
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Ovunquente.
    Messaggi
    3.974

    Re: Il circolo degli scrittori.


  10. #150
    Senior Member L'avatar di franksinasce
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    113

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Già hanno rovinato gli scacchi :(

  11. #151
    alberace
    Guest

    Re: Il circolo degli scrittori.

    a 'sto punto vi suggerisco questo


  12. #152
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    520

    Re: Il circolo degli scrittori.

    altro massacro incoming. Un altro piccolo racconto che avevo scritto quasi lo stesso giorno del precedente. Anche questo molto breve e senza seguito previsto. Giusto per allenare le dita e la mente con ambientazioni horror


    Quella notte di fine inverno fu più rigida del solito ma Jack, il custode del cimitero, doveva comunque svolgere il suo lavoro. Ben coperto, con addosso un pesante giaccone di pelle, sciarpa, cappello e guanti, prese la torcia e uscì dalla sua piccola baracca posta vicino l'entrata del campo santo. Il luogo sorgeva sulla base di una piccola collina e molto spesso capitava che l'umidità e il freddo intenso facessero calare una coltre di nebbia alquanto densa. A Jack non importava, non era superstizioso o fifone - altri suoi colleghi avevano preferito richiedere il turno di giorno all'amministrazione comunale, anche con paghe ridotte - era il freddo che lo infastidiva, ma così bardato, e con un goccetto di Whisky in corpo, era senza dubbio più sopportabile. Jack era un onesto lavoratore, di 50 anni, suo padre era un becchino, uno scavafosse, come osava chiamarlo quello stupido di Bill, suo fratello, che li aveva abbandonati dopo la morte della mamma per andare in una grande città a "giocare coi numeri", come diceva suo padre, divenne un agente di borsa. Ogni tanto mandava loro dei soldi per aiutare le spese, ma da qualche anno aveva smesso. Jack iniziò a covare rancore per suo fratello, la situazione non era delle migliori, e dovettero fare molti sacrifici per tirare avanti. Fortunatamente riuscì a farsi assumere come custode del cimitero anche grazie alle conoscenze di suo padre, un lavoro semplice e ben pagato.

    Pochi anni fa anche suo padre lo lasciò, un attacco di cuore improvviso, dissero i medici, non c'erano speranze. E stavolta la mente di Jack rimase silente, non odiava suo padre ma neanche lo adorava, ma la solitudine in cui si ritrovò all'improvviso a neanche quarant'anni, lo trasformò gradualmente. Smise di frequentare il suo bar preferito, rimase tappato in casa, tagliò i ponti con le sue poche amicizie, divenne intrattabile e scontroso.

    Quella notte, varcò il cancello del cimitero, i cardini cigolarono rumorosamente, era sempre così, per quanto olio spendesse per sistemarli non c'era verso, era come se il metallo cantasse una triste cantilena funebre. Agitando e sbattendo la torcia nelle mani, riuscì finalmente a accenderla e iniziò il suo giro. Il silenzio nel cimitero era totale, anche i corvi e le civette stavano alla larga da quel luogo. Il suo lavoro era semplice e faticoso allo stesso tempo: camminare avanti e indietro, controllare le serrature e i catenacci, evitare di morire di freddo. Questa routine durava da moltissimo tempo, ogni notte, ormai agiva in maniera completamente automatica, senza pensieri. E anche quella notte era come le altre, per questo faticò a reagire quando in lontananza li vide, tre figure in piedi alla fine del viale ciottolato. Jack chiamò per allertarli, per dir loro che non potevano stare lì così a tarda notte. Si avvicinò per condurli fuori dal cimitero, non era raro per molti visitatori perdere la cognizione del tempo e attardarsi di fronte alle tombe dei propri cari. A lenti passi ma decisi, l'infastidito custode continuava a chiamare gli intrusi ma quelli gli davano le spalle, erano intenti a pregare davanti a una lapide. Quando fu a pochi passi la torcia riprese a fare le bizze, accendendosi e spegnendosi, per poi smettere di funzionare del tutto. Sempre più nervoso e irato, Jack continuò ad agitarla e sbatterla sul palmo della mano ma gli sfuggì e cadde a terra. Si chinò per raccoglierla e quando si rialzò il sangue gli si gelò nelle vene. Gli intrusi si erano voltati per osservarlo, ma... Appena li vide il suo cuore si arrestò per un istante dal terrore: anche al buio poteva scorgere i loro volti innaturali, senza occhi, senza palpebre, un naso appena pronunciato e una bocca talmente sottile da essere appena distinguibile dalle guance esangui. Si sentiva il loro sguardo addosso, ma come potevano vederlo con quei volti? "Forse è solo uno scherzo dei miei compaesani, forse sono delle maschere..."
    Il filo dei suoi pensieri fu interrotto da un gesto del più alto delle tre figure che indicò una lapide sul muro, in cui si scorgevano poche semplici ma spaventose parole: << Qui giace Jack Rolance, seppellito insieme ai suoi cari >> Seguiva la data di quel giorno.
    E infine udì quella voce, una voce che non sentiva da anni: "Siamo tornati, figliolo, non ti lasceremo più solo."
    L'urlo di puro terrore di Jack fu l'unico rumore che spezzò il silenzio della notte.



    finale molto prevedibile, ne convengo

  13. #153

    Re: Il circolo degli scrittori.

    vabbè, fa il suo lavoro.

    opinioni: spingi sugli aggettivi d'atmosfera, son quelli che fanno l'effetto.
    "alquanto densa" non fa paura.
    "che fluttuava tra le lapidi come dita sottili che sembravano volerti scavare fin nelle ossa" molto di più.

    il capoverso centrale forse (già che si parla di cadaveri) andava al trapassato.

  14. #154
    Mr.Cilindro
    Guest

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Ho spedito al mio vecchio editore un nuovo libro sperando che mi riprendesse. Ho scordato di controllare tutti gli errori e le imperfezioni (controllato solo a vista)

    Così me lo sono giocato, adesso voglio vedere in quanti pubblicano cose in prima persona introspettive/erotiche/pulp.

  15. #155

    Re: Il circolo degli scrittori.

    wattpad.
    opinioni?
    alternative praticabili?

  16. #156
    Mr.Cilindro
    Guest

    Re: Il circolo degli scrittori.

    a lavoro mi trovo ogni tanto dei libri della mondadori (o quello che è) con la scritta "wattpad, oltre tre milioni di lettori". mai capito che cazzo fosse perchè a memoria wattpad era quell'angolo di disagio dove tutti possono mettere un romanzo. l'alternativa migliore è sempre scrivere qualcosa di sensato cercare di farsi pubblicare

    se no vuoi self pubblicare c'è youcanprint

  17. #157
    Senior Member
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    520

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Citazione Originariamente Scritto da alternat Visualizza Messaggio
    wattpad.
    opinioni?
    alternative praticabili?
    un po' popolato da bimbiminkia scrittori wannabe ma tecnicamente è fatto bene

  18. #158

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Citazione Originariamente Scritto da Shogun Visualizza Messaggio
    a lavoro mi trovo ogni tanto dei libri della mondadori (o quello che è) con la scritta "wattpad, oltre tre milioni di lettori". mai capito che cazzo fosse perchè a memoria wattpad era quell'angolo di disagio dove tutti possono mettere un romanzo. l'alternativa migliore è sempre scrivere qualcosa di sensato cercare di farsi pubblicare

    se no vuoi self pubblicare c'è youcanprint
    ah, il mito della pubblicazione.
    l'odore della carta e dell'inchiostro, il piacere di tenere in mano il frutto di tante notti insonni, l'ansia di controllare ogni settimana se sei entrato nelle classifiche dei più venduti (in Italia non è difficile, bastano una decina di copie, altrimenti non si spiegherebbe come mai ogni settimana il Piccolo Principe sia in testa), l'orgoglio di poter dire "sono uno scrittore, guarda, questo è il mio libro, me la dai?"... e se poi vai a vedere quel che c'è sotto la copertina scopri che il bimbominkia disagiato ti dà dei gran punti in termini di costruzione della frase e evoluzione dei personaggi.

    non sono (bada, non "non mi reputo", proprio "non sono") il nuovo DFW, i bimbiminkia sono lettori come gli altri, e soprattutto non ho soldi da buttare da pagare per avere carta buona per fare muffa sugli scaffali.
    Se proprio decidessi la via dell'editoria, c'è il digitale di KDP.

  19. #159
    Mr.Cilindro
    Guest

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Hai scritto una cosa che non ha senso. Proprio non so da che parte partire per dirti che non ha senso. Di sicuro nessuno paga nulla, se tu pensi che per pubblicare uno debba pagare allora non meriti la pubblicazione.

  20. #160

    Re: Il circolo degli scrittori.

    Citazione Originariamente Scritto da Shogun Visualizza Messaggio
    Hai scritto una cosa che non ha senso. Proprio non so da che parte partire per dirti che non ha senso. Di sicuro nessuno paga nulla, se tu pensi che per pubblicare uno debba pagare allora non meriti la pubblicazione.
    che ne so? sei tu che hai citato youcanprint, che è un servizio di pubblicazione a pagamento.
    tu decidi quante stampe vuoi, te le paghi, loro ti distribuiscono (nelle librerie e nei siti di vendita online, ma principalmente nei circuiti ebook, che a loro non costa un cazzo) e morta lì. Probabilmente devi pure essere tu a spedire le copie che vendi online...
    questo è pagare per essere pubblicati.

    io non solo non merito la pubblicazione, io manco la voglio.
    io mi accontento di essere letto.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su