5 righe 5 [condividiamo sentimenti] 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

Risultati da 1 a 19 di 19

Discussione: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

  1. #1
    Senior Member L'avatar di david
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    866

    5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    A me piaceva l'idea di un contenitore dove postare le frasi/citazioni che ci colpiscono durante la lettura.
    Quindi lo ripropongo
    Questo perché in realtà volevo postare una citazione da un libro che sto leggendo
    Sava poi se vuoi ovviamente rendilo più "ufficiale"

    La strada gli aveva insegnato che l'uomo, dopo i trent'anni, è solo come un lupo. Unicamente i fortunati trovano una lupa.
    Orhan Pamuk - La stranezza che ho nella testa

  2. #2
    Chiù pilu pi tutti! L'avatar di gmork
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Ovunquente.
    Messaggi
    9.230

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    "Pork sausage. You think I'm some sort of savage?" - Ramsay

  3. #3
    Mr.Cilindro
    Guest

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    Citazione Originariamente Scritto da david Visualizza Messaggio

    La strada gli aveva insegnato che l'uomo, dopo i trent'anni, è solo come un lupo. Unicamente i fortunati trovano una lupa.

    Orhan Pamuk - La stranezza che ho nella testa
    Ah non sapevo che qualcuno avesse messo giù una realtà tale.

  4. #4
    Kallor
    Guest

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    'Vivo è colui che si alza e affronta. Voltati solo per pisciare.'
    Alain Damasio - L'orda del vento

  5. #5
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    "Quando anche i baristi perdono il loro romanticismo, è davvero giunto il tempo di cambiare il mondo. O, almeno, di cambiare bar. Così me ne andai in cerca del giornale locale e del bar più vicino."

    "Casa è quel posto in cui vai a farti passare la sbronza".


    James Crumley - L'Ultimo Vero Bacio

  6. #6
    Senior Member L'avatar di Raven77
    Data Registrazione
    Feb 2016
    Località
    Provincia di Cuneo, tra vino e bagnacauda!
    Messaggi
    436

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    Sognatore è un uomo con i piedi fortemente appoggiati sulle nuvole.
    La situazione politica in Italia è grave ma non è seria.
    Ha una tale sfiducia nel futuro che fa i suoi progetti per il passato.
    Io credo soltanto nella parola. La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.
    Ennio Flaiano.

  7. #7
    Le regole son quelle. L'avatar di Conte Zero
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4.806

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    "Le regole son quelle"

    Irvine Welsh



  8. #8
    Senior Member L'avatar di Odradek
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    767

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    Da Cervelli di Gottfried Benn, uno scrittore tedesco un po' matto che da Nietzsche ha preso tanto il nichilismo quanto il gusto per l'aforisma fulminante

    Per colui che si sforza di dare espressione al proprio interno, l’arte non è qualcosa di pertinente alle scelte umane, ma qualcosa di fisico come le impronte digitali.
    Chi ama le strofe ama anche le cata-strofi; chi è per le statue deve essere anche per le macerie.

  9. #9
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    "Qualche tempo fa ho letto sul giornale che certi insegnanti avevano ritrovato un sondaggio inviato negli anni Trenta a un certo numero di scuole di tutto il paese. Era stato fatto un questionario sui problemi dell’insegnamento nelle scuole. E loro hanno ritrovato i moduli compilati e spediti da ogni parte del paese, con le risposte alle domande. E i problemi più gravi che venivano fuori erano tipo che gli alunni parlavano in classe e correvano nei corridoi. O masticavano la gomma. O copiavano i compiti. Roba così. E allora avevano preso uno di quei moduli rimasto in bianco, ne avevano stampate un po’ di copie e le avevano mandate alle stesse scuole. Dopo quarant’anni. Be’, ecco le risposte. Stupri, incendi, assassini. Droga. Suicidi. E io ci penso a queste cose. Perchè il più delle volte, quando dico che il mondo sta andando alla malora, e di corsa, la gente mi fa un mezzo sorriso e mi dice che sono io che sto invecchiando. E che quello è uno dei sintomi. Ma per come la vedo io uno che non sa capire la differenza fra stuprare e ammazzare la gente e masticare la gomma in classe è messo molto peggio di me. E quarant’anni non sono mica così tanti. Magari fra altri quaranta la gente avrà aperto gli occhi. Sempre che non sia troppo tardi."



    Cormac McCarthy - Non è Un Paese Per Vecchi

  10. #10
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    Condivido con voi una frase molto semplice, ma che mi ha colpito immediatamente:

    "Non sapeva più, e in realtà non aveva mai saputo, se la sua vita gli piacesse sul serio o se gli piacesse perché era così che doveva essere."


    Americanah - Chimamanda Ngozi Adichie

  11. #11
    Senior Member L'avatar di MaxDembo
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.858

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    - Sei l'unica persona di mia conoscenza che sia abbastanza istruita da potermi dare la risposta che cerco.
    - La risposta a che cosa?
    - La gente era così scema, prima della televisione?


    Don DeLillo, "Rumore bianco"

  12. #12
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    volevo aprire un topic in cui segnarmi le citazione ma visto che c'è già recupero questo

    Il Ritratto di Dorian Gray

    "Narborough non era perfetto."
    "Se lo fosse stato non l'avrebbe amato" fu la replica.
    "Le donne ci amano per i nostri difetti. Se ne abbiamo un buon numero, ci perdonano tutto, anche la nostra intelligenza. Ora che le ho detto questo, non mi inviterà mai più a cena, Lady Narborough; ma è verissimo."
    "Certo: ciò è vero, Lord Henry. Se noi donne non vi amassimo per i vostri difetti, che ne sarebbe di voi? Nessuno di voi si sposerebbe. Sareste una folla di disgraziati scapoli. Questo non vi cambierebbe molto. Oggi tutti gli uomini sposati vivono da scapoli, e gli scapoli da ammogliati."


    /


    "Mio caro ragazzo," disse Henry sorridendo "chiunque può essere buono in campagna. Non ci sono tentazioni. Ed è per questo che le persone che non vivono in città sono così profondamente barbare. La civiltà non è certo una cosa facilmente raggiungibile. Ci si può arrivare in due modi. Essendo colto, o essendo corrotto. La gente di campagna non ha modo di essere né l'uno né l'altro, e così impigrisce."


    Le Strade di Laredo

    "Fai troppi viaggi in treno" osservò Call in modo bonario.
    "Parlavamo della mia memoria arrugginita, che c'entrano i viaggi in treno?"
    "A forza di viaggiare in treno la memoria s'indebolisce" disse Call. "Se viaggi a cavallo ti devi ricordare dove sono le sorgenti, ma se vai in treno te lo dimentichi, perchè i treni non bevono."
    Goodnight ci ragionò su per qualche minuto.
    "Non mi sono mai perso, né di notte né di giorno" disse alla fine. "E tu?"
    "Una volta ho sbagliato strada, in Messico. Era una notte nuvolosa. Il cavallo è caduto e si è alzato puntando nella direzione opposta. Ero insonnolito e me ne sono accorto solo al mattino."
    "E quando te ne sei accorto te la sei presa col cavallo?"
    "Me la sono presa con me stesso."

    "Bé, questa conversazione è inutile". Senza aggiungere altro, montò in sella e si allontanò.

  13. #13
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    La Dimora Fantasma - Steven Erikson

    "I bambini muoiono."
    Lull annuì. "Ecco un sintetico riassunto della storia dell'umanità. Chi ha bisogno di tomi e volumi?
    I bambini muoiono. Le ingiustizie del mondo sono racchiuse in quelle tre parole. Ti basterà citarle, Duiker, e il tuo lavoro sarà bell'e fatto".




    Le Strade di Laredo - Larry McMurtry
    "La vita non è che una lama affilata. Prima o poi scivoli e ti tagli."

  14. #14
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    I giardini della Luna - Steven Erikson

    "Aggiunto, ho trascorso le ultime sette ore immerso nel sangue fino alle ginocchia. Ho scacciato corvi e gabbiani...sapete che cosa fanno qua questi uccelli? Esattamente? Strappano lembi di carne e si azzuffano; si ingozzano di bulbi oculari e di lingue, di fegati e di cuori. Spinti dalla loro avidità disseminano carne ovunque..." Tacque, si raddrizzò sulla sella cercando di riacquistare il controllo di sé. "Non sono più giovane, Aggiunto. Per quanto riguarda la presunzione, non potrebbe importarmene di meno. Non è possibile girare intorno alla verità, non qui, non ora, né mai più".





    "L'imperatore intendeva governare per sempre, Topper. Questo sospetto di Laseen è semplicemente ridicolo e persiste solo perché giustifica la sua paranoia".
    "Capitano", ribattè Topper in tono pacato, "uomini più importanti di te sono morti per molto meno. L'imperatrice si aspetta obbedienza dai suoi servi ed esige fedeltà".
    "Un regnante ragionevole nutrirebbe aspettative di fedeltà ed esigerebbe obbedienza".

  15. #15
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    La dimora fantasma - Steven Erikson

    Cosa vedete nella macchia all'orizzonte
    Che non possa essere cancellato
    Dalla vostra mano alzata?

    Gli Arsori di Ponti

    "Non basta augurare ai figli un mondo migliore. Non è sufficiente avvolgerli nella comodità e nel benessere. Lostara Yil, se non siamo disposte a sacrificare le nostre comodità e il nostro benessere per fare del mondo un posto migliore, è come gettare una maledizione sui nostri figli. Lasciamo loro in eredità una miseria che non meritano, e una quantità di lezioni incomprese."


    Una cosa è dare l'esempio con mezza dozzina di soldati alle spalle; tutt'altra cosa con diecimila.
    Vita di Dassem Ultor
    Duiker

  16. #16
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    Il Diritto dei Lupi - De Bellis & Fiorillo

    "Ecco, vedi cosa intendo, Cicerone? Tu parli di giustizia e questi giovani ridono come degli sciocchi. Allora ti chiedo di nuovo: credi davvero nella giustizia? Nonostante tutto?"
    "Senza dubbio, mia signora",
    - rispose pronto Cicerone. - "se non ci credessi, non crederei in Roma."


    "Roma ha iniziato a conoscerti. E tu stai capendo che razza di puttana sia questa città."


    "Dopo aver soddisfatto le verghe di Roma per una vita, ha incontrato la morte in una selva di cazzi",
    - Crasso rise. - Non male come epitaffio, no? - Sublime.

  17. #17
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    L'apprendista Assassino - Robin Hobb

    "Si tratta di assassinio, più o meno. Uccidere la gente. La nobile arte dell'assassinio diplomatico. O di accecare, o assordare. O indebolire le membra, o causare paralisi o una tosse debilitante o l'impotenza. O la senilità precoce, o la follia o...Ma non importa. Questo è stato il mio mestiere. E sarà il tuo, se accetti. Sappi solo, fin dall'inizio, che io ti insegnerò a uccidere. Per il tuo re. Non nella maniera vistosa che ti sta insegnando Poiana, non sul campo di battagliadove gli altri ti vedono e ti incitano a gran voce. No. Io ti insegnerò le maniere crudeli, furtive, educate di uccidere. Ci farai l'abitudine, oppure no. Quello non tocca a me. Ma io farò in modo che tu sappia come si fa. E mi occuperò anche di un altra cosa, dato che questo è l'accordo che ho stipulato con re Sagace: che tu sappia ciò che stai imparando, come non accadde a me quando avevo la tua età. Dunque. Dovro insegnarti a diventare un assassino. Ti va bene, ragazzo?".



    La Folla - Ray Bradbury (racconto)

    Il signor Spallner si copri il viso con le mani.
    C’era la sensazione di muoversi nello spazio, l’urlo incredibile della tortura, l’impatto e il rotolare dell’auto sul muro, attraverso il muro, oltre e di sotto come un giocattolo e lui che veniva lanciato fuori. Poi… silenzio.
    La folla arrivò correndo. Là dove giaceva, lui la sentì venire. Avrebbe potuto dire le loro età e le dimensioni dal rumore dei numerosi passi sull’erba estiva, sul terreno e sull’asfalto della strada; dal calpestio sui mattoni sparsi fino al punto in cui l’auto era mezzo sospesa nel cielo della notte, le ruote che continuavano a girare con un’assurda forza centrifuga.



    Il Lago - Ray Bradbury (racconto)

    Avevo solo dodici anni. Ma sapevo quanto l'amavo. Quel tipo d'amore che arriva prima di qualunque significato di corpo o di morale. Quel tipo d'amore che non è più cattivo del vento e del mare e della sabbia sdraiati vicini per sempre. Era fatto di tutti i lunghi giorni caldi sulla spiaggia, e di tutti i silenziosi giorni bisbiglianti del ronzante insegnamento a scuola. Tutti i lunghi giorni d'autunno degli anni passati, quando io portavo i libri di Tally da scuola a casa. Tally!
    Chiamai il suo nome per l'ultima volta. Rabbrividii. Mi sentii l'acqua sulla faccia, senza capire come ci fosse arrivata. Le onde non erano schizzate tanto in alto.


    Ray nei racconti era fenomenale...

  18. #18
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    Uno Scontro di Re - George R.R. Martin

    "Alla vigilia della battaglia, certi uomini desiderano le puttane, altri gli dèi." Jon si domandò chi si sarebbe sentito meglio dopo.


    "Quando ti trovi a letto con una donna brutta, dissi una volta a Ned Stark, la cosa migliore da fare è chiudere gli occhi e concludere in fretta."



    Il Grande Gatsby - Francis Scott Fitzgerald

    "Tom sta diventando molto profondo" disse Daisy con aria malinconica e distratta, "legge libri seri con dentro i paroloni. Cos'era quella parola che..."
    "Bé, questi libri sono tutti scientifici" insistè Tom dandole un'occhiata impaziente. "Questo è uno che ci ha studiato sopra. Dipende da noi, che siamo la razza dominante, stare attenti; altrimenti queste altre razze prenderanno il controllo di tutto."
    "Dobbiamo sterminarle" mormorò Daisy, ammiccando con violenza sotto i raggi del sole caldissimo.

  19. #19
    Senior Member L'avatar di Havgard
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    872

    Re: 5 righe 5 [condividiamo sentimenti]

    Il Party - Elizabeth Day

    C'è un tipo particolare di claustrofobia che proviene dall'essere il figlio unico di una madre single. Si impara piuttosto rapidamente che nulla di quello che farai sarà mai sufficiente a colmare l'enorme bisogno di devozione filiale della tua genitrice. Quello che comincia come amore rapidamente si trasforma in una sorta di odio inevitabile, e l'odio è persino più bisognoso d'attenzione, persino più divorante di quanto lo sia l'amore. Ti risucchia tutto dall'interno.


    Sapevo che Sammy non poteva volare a causa dell'ala rotta. Nessuna via di fuga. L'occhio dell'uccello pulsava, nero: un fradicio puntino di terrore. Fissai il passero, lo presi tra le mani dal nido, e anche se provavo il vago istinto di parlargli per farlo sentire meglio, anche se sapevo che quello era quanto avrebbero fatto gli altri bambini, più normali, me ne restai in silenzio. E ricordo di aver pensato: lasciamo che soffra. Lasciamo che impari che cos'è la vita. E ricordo che, nel pensare ciò, mi sentii meno solo. Perché c'era qualcos'altro, una qualche altra cosa vivente, che stava sopportando un'esperienza peggiore della mia.
    ...
    Raccolsi un sasso di medie dimensioni e ci giocherellai, valutandone i peso. E poi sbattei con violenza la parte aguzza del sasso contro il nido. L'uccello non emise alcun rumore, ma quando ritrassi la mano vidi che il suo occhio era ancora baluginante, ancora senziente. Di nuovo lo colpii con il sasso, mettendo tutta la mia forza in quell'unica azione. Di nuovo, Di nuovo. E di nuovo, questa volta emettendo un grido per quello che sapevo sarebbe stato il colpo finale. Sentii lo schianto di ossa sottili sotto il mio pugno. Un rumore come la lenta emissione d'aria da un pneumatico che s'andava afflosciando. Quando rimossi la mano, una nocca stava sanguinando. L'uccello giaceva li, spappolato e privo di vita, il tremito dell'occhio finalmente immobile.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista
The Games Machine
Seguici su