Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate - Pagina 3

Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 41 a 60 di 86

Discussione: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

  1. #41
    o feio
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    5.021

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Non sapevo di un FPS per Tandy sapevo però di esperimenti tipo questo per Atari 2600, che credo sia l'hardware più basico su cui si posa tentare qualcosa del genere (anche se manca la parte "shooter").
    (E a proposito della Tandy, era citata come una delle compagnie malvagie in Escape from HBCC 3D, storico First Person "Running" per Apple II (qui, attorno ai 50 secondi) )
    EOF

  2. #42
    o feio
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    5.021

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Vangers, titolo russo del 1998.

    Mi ha sempre affascinato, ho provato pure a giocarci ma mi son bastati cinque minuti per capire che era un amore non corrisposto. Le opinioni che si trovano in giro sono un po' divisive, ma sono sicuro che è un gioco che ha un sacco da dire.

    EOF

  3. #43

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Sempre stato una mia fissa, anche se pure io in quei cinque minuti di vent'anni fa non è che.

    Sent from my CPH1951 using Tapatalk
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  4. #44

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Pocky & Rocky, conosciuto in Giappone con il titolo KiKi KaiKai: Nazo no kuro manto (奇々怪界 -謎の黒マント-? lett. "Lo strano mondo dei mostri - Il misterioso mantello nero"), è un videogioco sparatutto a scorrimento con elementi tipici dei videogiochi d'azione, dato in licenza dalla Taito alla Natsume, che sviluppò e pubblicò il videogioco in Giappone nel 1992 e nel resto del mondo nel 1993.

    Si tratta del sequel del videogioco del 1986 Kiki KaiKai (conosciuto in America del nord con il titolo non ufficiale Knight Boy) e segue le avventure di una giovane sacerdotessa miko che si chiama Pocky (Sayo-chan (小夜ちゃん?) in Giappone) e del suo compagno, Rocky il tanuki, (Manuke (魔奴化?) in Giappone).
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  5. #45

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Due arcade non conosciutissimi che mi attraggono al momento. Questo J. J. Squawkers, struttura ghostsngoblinesca ma controllando un simpatico pennuto, il tutto è vivacissimo e ultracolorato. L'altro è Exvania, in pratica un Bomberman in salsa fantasy medievaleggiante che non so se sia mai uscito dal Giappone [edit: credo di sì, c'è anche la versione "internazionale"] e che trovo abb. irresistibile nonostante non mi sia mai sufficientemente cacato il sottosottogenere in questione.



    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 03-11-20 alle 11:59
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  6. #46

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Un po' di DOS. Moraff's Entrap è uno sconosciuto gioco (non mi sbilancio per ora sul genere di appartenenza: un minimo si deve pensare, comunque) messo in giro una trentina d'anni fa. Dovrei approfondire per garantirne la bontà che alcuni sembrano dichiarare, ma, date le sembianze psichedeliche e stralunate, non potevo intanto non segnalarlo.



    Rally-Sport è un titolo di corse realizzato in pieno '96 da un finlandese. Da solo. Quando già c'erano squadroni della muerte dietro praticamente a qualsiasi titolo, anche il più sempliciottesco dei platform 2D. Nonostante questo, è opinione diffusa che fosse sorprendentemente buono per essere un titolo indie dell'epoca (secondo me è parecchio godibile ancora oggi, ma chiaramente mi rendo conto che questo parere possa non essere molto popolare dato l'impatto grafico con definizione non proprio da PS5, ognuno ha le sue perversioni). Notare l'indifferenza con la quale i tifosi a bordo pista si lasciano arrotare e un certo, impacciato tentativo di umorismo diffuso per esempio nelle opzioni.

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  7. #47

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Bara Burū non è tanto "dal passato" essendo del 2016, comunque è un divertente e ben congegnato platform per SEGA Master System descritto (forse con un pizzico di fantasia e di ottimismo) come un incrocio tra Bubble Bobble e Shinobi.

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  8. #48

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Ant Colony è uno dei titoli sviluppati nell'83 dalla Funware per TI-99/4A. A differenza di altri, però, questo non fu mai pubblicato. Nonostante alcune indifendibili lacune dovute alla sua natura di incompiuto, il gioco si rivela sorprendentemente irresistibile e basato su un'ambientazione e dinamiche abbastanza inconsuete.

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  9. #49
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Un po' di DOS. Moraff's Entrap è uno sconosciuto gioco (non mi sbilancio per ora sul genere di appartenenza: un minimo si deve pensare, comunque) messo in giro una trentina d'anni fa. Dovrei approfondire per garantirne la bontà che alcuni sembrano dichiarare, ma, date le sembianze psichedeliche e stralunate, non potevo intanto non segnalarlo.
    Ah, ho capito chi è l'autore, mi ero imbattuto in schermate del suo Dungeons of the Unforgiven. Il lisergico è il suo dio d'amore, diciamo

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Rally-Sport è un titolo di corse realizzato in pieno '96 da un finlandese. Da solo. Quando già c'erano squadroni della muerte dietro praticamente a qualsiasi titolo, anche il più sempliciottesco dei platform 2D. Nonostante questo, è opinione diffusa che fosse sorprendentemente buono per essere un titolo indie dell'epoca (secondo me è parecchio godibile ancora oggi, ma chiaramente mi rendo conto che questo parere possa non essere molto popolare dato l'impatto grafico con definizione non proprio da PS5, ognuno ha le sue perversioni). Notare l'indifferenza con la quale i tifosi a bordo pista si lasciano arrotare e un certo, impacciato tentativo di umorismo diffuso per esempio nelle opzioni.
    Va beh, questo è graficamente spettacolare e chi dice di no non capisce un cazzo (la fluidità delle macchine poi è pazzesca). Oltretutto ha un vibe alla Skidmarks che non si può ignorare.

  10. #50

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Dispersio è un ottimo retroplatform pubblicato nel 2016 (acquistabile su Steam per l'esorbitante cifra di 39 centesimi, in offerta, mentre normalmente ne costa 79). Il feeling è quello dell'epoca, ma è studiato per non essere frustrante data la presenza dei checkpoint. Inevitabilmente promossi anche i controlli.

    https://store.steampowered.com/app/563180/Dispersio/

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  11. #51

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Interessante questo Ultima Ratio per Amstrad CPC, sparacchiante budget uscito anche per ZX Spectrum, ma quella versione pare più tristerella. Il look alla Star Force è notevole.

    Sent from my CPH1951 using Tapatalk
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  12. #52
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Non è poi questa perla di gran prezzo, ma questo bizzarro ed ALTAMENTE non-etico Killer Games -homebrew uscito dalla Svezia nel 2001 per C64- può regalare minuti di ilarità, soprattutto in compagnia:



    Il Games del titolo è un preciso riferimento ai vari World Games, Olympic Games, Summer games, eccetera. Cinque "discipline" in cui si dovrà dare il massimo nel cercare di spargere sangue:
    - Asylum anarchy: si corre per i corridoi di un allegro (err...) manicomio tranciando vecchine per la via e tentando di evitare -saltando o accucciandosi- gli infermieri che provano a fermarci.
    - Schoolyard fun: bimbiminchia che saltellano allegri come leprotti fuori dalla scuola. Una visione insopportabile. Occorre sfoltire la ghenga. La difficoltà sta nel direzionare il mirino, che continua a "cadere", quindi è un po' come se il cecchino avesse il parkinson. Per ogni bimbo c'è un solo colpo a disposizione, gli headshot valgono 2,5x
    - Dispose corpse: classicissimo smanettamento dx-sx per maciullare un malcapitato.
    - At the harbour: il più difficile del lotto. L'assassino sta su una barca e deve sparare a vari tizi che riemergono dall'acqua in tre punti diversi. Occorre direzionare la leva del joy nel senso giusto (sx, dx o giù) al momento giusto e velocemente - è un po' come il Simon o come i giochi dove occorre colpire con un martello la talpa che spunta dal buco (Sam&Max, anyone?). Inclinare il joystick in su serve a far fare l'indifferente al nostro uomo qualora appaia un poliziotto. Il sottogioco termina quando il pulotto compare e non siamo abbastanza rapidi a premere su - e cioè sempre.
    - One on one fun: la mogliera spacca le palle? No problem: smanettamento per sfondare la parete che la protegge, smanettamento per camminare fino a lei, smanettamento per ACCOLTELLARLA RIPETUTAMENTE, smanettamento per DECAPITARLA A CALCI!

    Multiplayer fino a 8 giocatori (alternati), vince chi fa più punti (e cioè: dura di più nei giochi 1 e 4, ci mette di meno nei giochi 3 e 5, fa più vittime nel gioco 2).

    Una valida alternativa al Trivial Pursuit.

  13. #53
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    The Outfoxies è un assai eterodosso picchiaduro sviluppato dalla Namco nel '94 per macchine arcade. Non l'ho mai provato in prima persona, ma se ne parla un gran bene in giro e i video di gameplay sicuramente incuriosiscono.


  14. #54

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Kill the Attacking Aliens (titolo dal nome quantomai esplicito) è semplicemente il miglior homebrew mai realizzato – si parla dell'ormai lontano 2003, il tizio che lo ha fatto credo non si sia ancora ripreso dallo sforzo – per Odyssey 2. Almeno credo, non vedo come si possa superarlo dato che già questo, prima di provarlo, lo reputavo oltre le possibilità della macchina. Ci sono perfino i power-up, inseriti in dinamiche di gioco sorprendentemente ben oliate, e degli accenni di fondali, per quanto (graziosamente) minimalisti.

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 25-12-20 alle 20:37
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  15. #55

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Questo è l'undicesimo gioco più divertente di sempre, a detta della rivista Computer Gaming World che pubblicò una lista di questo tipo nel 1996.







    The text adventure game Spellcasting 101: Sorcerers Get All The Girls is the first installment of the Spellcasting series created by Steve Meretzky during his time at Legend Entertainment. All three games in the series tell the story of young Ernie Eaglebeak, a student at the prestigious Sorcerer University, as he progresses through his studies, learning the arcanes of magic, taking part in student life, and meeting beautiful women. [...]

    Sexual content
    Similar to the famous earlier risqué work of Meretzky, Leather Goddesses of Phobos, Spellcasting 101 offers two gameplay modes of differing levels of sexual content. In the default, "nice" mode the females Ernie encounters have to be satisfied by such means as entertaining them, performing chores and so on, whereas in the "naughty" mode, such situations are resolved by sexual intercourse; the latter also replaces some of the images displayed by the game with more graphic (albeit not pornographic) versions.

    Some of the sexual content is also present in "nice" mode and sometimes is important to gameplay. For example, at one point of the game, in preparation of a party, Ernie receives a spell from a fellow student whose purpose is to increase bust size, and promptly uses it to transform a stone bust into a makeshift ladder.
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  16. #56

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Riporto il commento che ho messo su Ready64.

    A prima vista Mr. Cool dice poco. Il tema è quello (abusato, all'epoca) di Q*bert, per giunta in totale e spartano 2D ultraminimalista. Niente presentazioni, effetti speciali, grafica o sonoro (composto quest'ultimo da una serie di molesti beep messi a sottolineare gli eventi di gioco più essenziali), d'altronde siamo nel 1983 che volete. La media voto bassa su Lemon e l'assenza di commenti qui sono indizi che fanno pensare che questo distillato di pura giocabilità d'altri tempi sia ormai andato definitivamente dimenticato e le possibilità che venga riscoperto e propagandato dalle truppe di archeologi infaticabilmente in azione su social e dintorni sono basse. D'altronde anche all'epoca il recensore di Electronic Fun with C & G vi vide superficialmente solo un Q*bert dal look di gioco fatto in BASIC, tanto valeva aspettare le conversioni ufficiali. Incaponendosi a giocare apparentemente contro ogni evidenza e apparenza si capisce che Oliphant scelte di design in realtà ne ha azzeccate diverse. Ogni quadro introduce qualche elemento diverso: piattaforme dall'esito "random" (possiamo colorarle giuste al primo passaggio oppure no), piattaforme invisibili, ecc. Cruciale è la scelta del momento in cui usare la pillola/asterisco a nostra disposizione, che ci permette pacmanianamente per un po' di mangiare le trasformate comete di passaggio. La versione Atari 8-bit (c'è anche per Apple II e PC) è forse un pelo più giocabile e meno frustrante per via del campo visivo credo un po' più largo. Quindi più chance di evitare le robe che arrivano senza preavviso ai bordi senza bisogno di doparsi col pillolone. Mi sono innamorato di questo minuscolo gioco, dalle dinamiche semplicissime ma del tutto irresistibili, al punto che apprezzo esteticamente anche alcune cose, tipo le molle (o quello che sono) che scendono dall'alto. Fatevi un favore e giocateci, magari sopprimendo i moti di disgusto iniziali.
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  17. #57

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate



    Out of Gas è un oscuro ma assai ben fatto titolo per Game Boy nel quale maneggiate un trabiccolo futuristico e dovete raggiungere dei punti disseminati chissà perché lungo gli scenari, scenari che ovviamente si complicano strada facendo con l'aggiunta di ogni genere di amenità, come la storia dei videogiochi ci ha ampiamente insegnato.
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  18. #58

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    M'ispira abbastanza questo Blocky Skies per Amiga, homebrew mnemonico di cinque anni fa ma con un proprio sito (dal quale scaricarlo aggratis nelle varie forme) ancora incredibilmente in vita. Peraltro mi accorgo ora che l'autore è italiano, Simone Bernacchia (magari se n'era parlato? mbof).

    http://blockyskies.com/

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 19-01-21 alle 00:40
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  19. #59
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Peraltro mi accorgo ora che l'autore è italiano, Simone Bernacchia (magari se n'era parlato? mbof).
    Il suo nome è saltato fuori più volte*, ma non per questo gioco.


    * la curiosità inutilmente insulsa della giornata: la recensione del suo Powder apparve su TGM 111 (sett. '98.), il primo TGM che abbia mai comprato di tasca mia! Sorbole!

  20. #60

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Vuoi dire che fino ad allora l'hai letto a scrocco da qualcuno? Allora aveva ragione il Silvestri a incazzarsi coi lettori poco riconoscenti, a suo dire, ogni due per tre...

    Ancora curiosità dal magico mondo homebrew per i più disparati sistemi. 1775, come il titolo lascia intuire, è la guerra d'indipendenza americana come può sempliciottisticamente rappresentarla il VCS (cioè tizi agghindati in costume d'epoca che scendono e gli spari). Giunti a un certo anno (arbitrariamente scelto, terminò ufficialmente nel 1783 ma negli ultimi due anni è successo poco, e quindi) finisce. Gradevole per qualche partita, soprattutto per via della sfiziosa ambientazione.



    Upmonsters per Intellivision è una variazione sul tema "vai in alto zompando incessantemente sulle piattaforme (sbrigati) e se caschi dove non ce ne sono muori". Per qualche motivo, mi ha perfino preso di più del blasonato e ottimo Doodle Jump su Android (forse perché muovere lo sgorbio inclinando il cellulare è un metodo di controllo che non sono mai riuscito ad accettare pienamente, anche per via del polso dolorante dopo un po').

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 20-01-21 alle 12:14
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista
The Games Machine
Seguici su