Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate - Pagina 5

Pagina 5 di 5 PrimaPrima ... 345
Risultati da 81 a 87 di 87

Discussione: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

  1. #81

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Panorama Cotton (Mega Drive) è sostanzialmente uno Space Harrier con altra ambientazione realizzato da drogati. Forse non particolarmente divertente da giocare, ma sicuramente notevole come realizzazione tecnica e se preso come balzana e nipponica curiosità.

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 04-05-21 alle 20:20
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  2. #82
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Cauldron Harrier

  3. #83

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    O anche Burning Force .

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  4. #84

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Due homebrew recenti sorprendentemente validi per Amstrad CPC sono Magica e The Dawn of Kernel, entrambi realizzati da Juan J. Martínez. Magica è un platform a schermate fisse dalle dinamiche bubblebobbliane (ma senza bolle), forse il titolo di riferimento è più precisamente qualche altro coin-op ma dovrei fare mente locale. Molto giocabile, in ogni caso. L'altro è un Cybernoid davvero ben fatto con trama che viene snocciolata mentre si gioca. Difficilissimo, però.

    Possono essere gratuitamente scaricati da qui https://www.usebox.net/jjm/dawn-of-kernel/
    https://www.usebox.net/jjm/magica/



    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  5. #85

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    L'homebrew del giorno è Super Star Shooter Advance, versione per GBA del 2003 di un antico titolo (pubblicato in un paio di versioni diverse) per X68000. Probabilmente uno dei migliori spara e fuggi per GBA, ha il limite (o la caratteristica) saliente del gameplay limitato a due soli minuti, entro i quali dobbiamo tirare giù creativamente più roba che possiamo.

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  6. #86

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Alpharay è uno stupefacente spara e fuggi orizzontale uscito nel 2019 che per un attimo ci fa dimenticare le amarezze della vita moderna e i portentosi limiti del C16 (che va espanso per fruirne, oppure utilizzate un Plus/4).

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  7. #87

    Re: Perle del passato da (ri)scoprire, il thread raccoglitore che tutti attendevate

    Se amate gli shoot 'em up verticali stravaganti, Flower potrebbe fare al caso vostro. Si tratta di una produzione Sega/Alpha Denshi dell'86 che la Komax del Massachusetts tentò di importare negli USA senza grande successo (pare che ai giorni nostri da quelle parti addirittura sopravviva una sola macchina, inizialmente malmessa ma sottoposta a brillante restauro da Funspot... con l'eccezione del joystick a quattro vie montato, quando ne occorrerebbe uno da otto). Il look è vecchiotto se rapportato alla data di pubblicazione, così come il gameplay: sparacchiamento di base piuttosto primitivo con qualche semplice power-up da raccattare. Le dinamiche tuttavia sono abbastanza particolari: il laserone che troviamo è limitato come numero di colpi, quindi va utilizzato con attenzione, il pod da quanto ho capito è pensato per generare confusione visto che inizialmente si muove in direzione opposta alla navicella, c'è un "cutter" a tema floreale che si lancia in mezzo allo schermo e fa da scudo, i missili come arma secondaria poco utili normalmente ma che tirano giù in un battibaleno se mirate bene, ecc.

    Soprattutto, credo sia l'unico gioco spaziale del genere nel quale i nemici hanno (in parte) forme floreali, talvolta un po' enigmatiche/indecifrabili, quindi il tutto va a creare una dimensione e un'atmosfera inquietante. Il primo boss a metà livello è un megagirasole, per dire. A ciò contribuisce parecchio anche l'originale OST, con i suoi insistenti e alieni giri di basso. Andando avanti si vede quanto sia un titolo anticonvenzionale nella sua convenzionalità, visti certi schemi e fondali psichedelici. Una peculiarità del gameplay sono le navicelle che danno i power-up che escono anche quando affrontate i boss, così da rendere meno dura la prova se ci arrivate "a mani nude" (dai DIP switches comunque è selezionale la possibilità di non perdere i potenziamenti quando morite, anche se non è "default settings"). Insomma, probabilmente non un capolavoro, ma comunque interessante, soprattutto se andate alla ricerca di assurdità e buffezze videoludiche.

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); Oggi alle 09:37
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista
The Games Machine
Seguici su