Sega celebra i sessant'anni con un bellissimo Game Gear Micro Sega celebra i sessant'anni con un bellissimo Game Gear Micro

Risultati da 1 a 2 di 2

Discussione: Sega celebra i sessant'anni con un bellissimo Game Gear Micro

  1. #1

    Sega celebra i sessant'anni con un bellissimo Game Gear Micro

    https://www.wired.it/gadget/videogio...me-gear-micro/

    Lo ruberete?


    (Ho messo un articolo nazionalpopolare risibile qualunque).
    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 03-06-20 alle 13:02
    «Il football, appena promosso calcio, era farneticazione di individui che, una volta in campo, dimenticando l'esistenza di tutto, meno di quel pallone ingobbito e incitrullito dalle pedatone, dribblavano fino all'esaurimento di ogni energia; Luigi Cevenini, nonché dribblare, parimenti fumava. [Skoglund] I dirigenti nerazzurri disperati che bevesse troppo mandarono a chiamare il padre, arrivò in sede un vecchietto che camminava a zig zag, era lui. Beveva più del figlio». (Vladimiro Caminiti)

  2. #2
    Senior Member L'avatar di Strider
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    797

    Re: Sega celebra i sessant'anni con un bellissimo Game Gear Micro

    Ho già passato sul Mega Drive Mini (anche se ho intenzione di prenderlo prima o poi), ma questo non lo prendo nemmeno in lontana considerazione. Un portachiavi con 4 giochi a 40-50€? Anche no. Anzi, assolutamente no.
    Ma poi quattro giochi??? Fossero stati inclusi una ventina di giochi... Tutta la libreria del Game Gear (e quando dico tutta, intendo compresa di versioni europee, americane e giapponesi di tutti i giochi) occuperà si e no 300MB, mi sembra davvero una presa in giro. Ora, capisco le varie restrizioni dovute a copyright e diritti, ma quattro giochi?!?!?! E' da ridere.
    Ultima modifica di Strider; 03-06-20 alle 14:56

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista
The Games Machine
Seguici su