Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti - Pagina 4

Pagina 4 di 4 PrimaPrima ... 234
Risultati da 61 a 78 di 78

Discussione: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

  1. #61
     
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    4.163

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    "Ritrovato" il primo gioco commerciale per Amiga, molto istruttiva la discussione sul forum del secondo link. Il perché abbia postato ciò in questo thread risulterà presto evidente http://www.indieretronews.com/2018/1...ommercial.html
    http://eab.abime.net/showthread.php?...onkey+Business
    Noto solo ora che tra l'altro l'autore di quella porcata non è esattamente un signor nessuno, dato che è nientemeno che l'autore di Bruce Lee e della conversione di Zaxxon per gli Atari 8-bit.

    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati
    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no
    desolazioni - esplorazioni urbane

  2. #62
     
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    4.163

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Durante la "febbre dell'FPS" che ha contagiato tutto il mondo informatico dal '92 in poi si è visto veramente di tutto: ho la personale convinzione che i first person shooter abbiano rappresentato -almeno in quel periodo- il genere di videogioco più prono al trashume a pari merito coi i beat'em up. Ovviamente per quantità di fetenzie il PC la fa da padrone, ma nel tentativo di star dietro all'odiato rivale anche l'Amiga (aiutato da un hardware tragicamente inadatto all'uopo) ha regalato perle di rara bruttezza, di provenienza perlopiù polacca. Sugli FPS per Atari ST/TT/Falcon, che pure esistono, vi consiglio caldamente di non indagare; mentre vorrei giungere al termine di questo sproloquio regalandovi un filmato di una merce estremamente rara: un FPS per RiscPC, una cerchia di prodotti talmente ristretta che a quanto ne so -ma posso sbagliarmi- conta solo due esemplari. Uno è la conversione di Quake (che dopotutto è stato convertito per qualsiasi cosa). L'altro è Eternal Destiny, gioco del 1998 che resta l'unico shooter esclusivo per questa sfortunata macchina. Brutto da vedere e, pare, pure da giocare. Ci sarà di peggio, sì: probabilmente è meglio di Revenge of Dr. Chang 3D, ok, ma dopotutto non è questo gran risultato.


    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati
    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no
    desolazioni - esplorazioni urbane

  3. #63

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Non so se spicchi di più per i colori, stile vomito del mio gatto, o per l'AI dei nemici ai minimi storici (sto cercando di sforzarmi di ricordare quale gioco eccellesse in particolare sotto questo aspetto, tipo che l'AI si erano proprio dimenticati di metterla, credo fosse uno di quelli severamente perculati da PC Gamer durante la sua breve ma intensa esistenza cartacea in Italia).


    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  4. #64
     
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    4.163

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    sto cercando di sforzarmi di ricordare quale gioco eccellesse in particolare sotto questo aspetto, tipo che l'AI si erano proprio dimenticati di metterla
    Se non erro trattasi del superbo Extreme Paintbrawl.

    E TvTropes pare confermare i ricordi di entrambi:

    According to a letter to the editors of PC Gamer (which gave it 6%, the worst score up to that time), the original Extreme Paintbrawl was produced in two weeks on a rushed schedule. Among many other mistakes, it has one of the worst examples of <The Computer Is a Cheating Bastard> that one could ever find. What's funny about this is that it was originally shipped without any AI at all. If you wanted to play against any bots that would do anything more than run into a wall, then you had to download the patch when it came out a month later. As for the music, one YouTube commenter described it roughly as power metal for people with Attention Deficit Disorder.

    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati
    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no
    desolazioni - esplorazioni urbane

  5. #65

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    È lui!

    Ma come TRE seguiti .

    (Che poi in realtà sono due perché il quarto è il terzo ripubblicato... Me li vedo: "Uhm, Ultimate Paintbrawl 3 è orripilante, che cosa potremmo fare per farlo piacere alle genti? Ehi, ho un'idea, chiamiamolo Extreme Paintbrawl 4, nessuno si accorgerà che è lo stesso titolo!").
    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 09-01-19 alle 20:25


    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  6. #66
     
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    4.163

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Non più tardi di 5 post fa parlavo dei trashissimi beat'em up dei primi '90 ed ecco: una rilettura senza costrutto di un vecchio TGM (oltretutto uno di quelli che rilevai dal sommo ABS, com'è contorto il mondo ) scatena un effetto domino di ricerche incrociate che mi porta a scoprire questo Mad Fighters II per macchine AGA.
    Amiga Games That Weren't è prodigo di informazioni su questo curioso soggetto, e il perché sia proprio quel sito a occuparsene è dovuto al fatto che MDII cercò nel '95 una destinazione commerciale col nome di X-Fighter, titolo che però non vide appunto mai la luce e forse sopravvive solo in copie di valutazione a suo tempo spedite alle riviste inglesi e oggi perdute in qualche cassetto. MDII (il cui predecessore pare scomparso nelle nebbie del tempo) è programmato in AMOS, e già partiamo male; va detto però che non sembra peggio delle varie tremende versioni Amiga di SFII, titolo [S]a cui si ispira[/S] che plagia apertamente, a partire dagli effetti sonori per finire con l'aspetto dei personaggi. The One e persino Amiga Power recensirono positivamente 'sto coso, e mentre per AP si può sempre supporre che ci sia dietro del grosso sarcasmo resta inspiegabile la positività di TO.

    [NB: il gioco non l'ho provato, quindi magari è bellissimo e ho preso una cantonata micidiale; ma da certi commenti intravisti in giro tendo a pensare di no]

    Vi lascio con un video di gameplay, ripieno di splendidi cromatismi fauves e foriero di altrettanto splendide perplessità

    Ultima modifica di Opossum; 13-01-19 alle 23:58

    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati
    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no
    desolazioni - esplorazioni urbane

  7. #67

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    #covertrash #cosacazzostovedendo #lafaammiocugginoconcinquemilalireèbravissimoguard a





    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  8. #68

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Humanoids per C64, gioco a più fasi (quelle avanzate complicate da raggiungere, vista la difficoltà estrema, soprattutto per il fatto che se un nemico ti arriva addosso ti drena quasi tutta l'energia e c'è poco da fare per evitare di trovarsi in tale situazione, dato anche il personaggio bello grosso che si controlla). Oggettivamente è orrendo, per quanto detto e per un certo grezzume, inaccettabile nel 1986/'87, ma lo trovavo abb. affascinante, sarà che lo scrolling è insolitamente verso sinistra e il personaggio, è appunto, insolitamente esteso, sarà per i colori un po' "alieni", sarà che amo gli arcade a più fasi, sarà soprattutto per la musica (grezza e discutibile anch'essa ma in grado di creare una certa atmosfera e di trasmettere tensione). Non saprei decifrare le sue, eventuali, sorti commerciali. Da una conversazione su Lemon l'ECP dovrebbe essere stata un'etichetta australiana poco rilevante, ma sui siti di riferimento (archiviati e poi rinati) non trovo immediate conferme, bisognerebbe sbattersi un po'... Forse è stato pubblicato su qualche compilation, o come budget, boh.

    Edit: su CSDb una percentuale insolitamente alta di release è opera di pirati australiani o neozelandesi, non ho voglia di scaricare per vedere che dicono nelle intro, però a naso sembrerebbe confermare quanto sopra.

    Ariedit: il caffè ancora non mi dev'essere entrato nelle vene, la compilation viene menzionata dal tizio che ha caricato il video, ed è questa https://mocagh.org/loadpage.php?getgame=aussiepak Peraltro su retrocollector ci sono soprattutto giochi della Epyx con su il marchio ECP (quindi immagino fossero su licenza, su HOL apprendo che poi sono stati rilevati dalla Electronic Arts), ma non ci sono i box dei singoli titoli della compilation. Eppure le istruzioni sulla compilation sembrerebbero riprodurre la cover di ognuno di essi, quindi ritengo probabile che siano stati pubblicati anche singolarmente, magari con basse tirature.

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 08-03-19 alle 18:31


    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  9. #69

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Noto che in quella compilation c'è Black Knight di Kyle Hodgetts (autore di altri titoli qui ricompresi come gli spara e fuggi in verticale Ollo). Lo segnalo per la sua indubbia particolarità/assurdità. Inoltre, non ricordo se se ne sia parlato, nel caso chiedo venia, Kyle è autore di altri titoli piuttosto brutti come Caverns of Pallè, un clone di Black Dragon per Amiga. Ma soprattutto, è ancora in circolazione, e si segnala per questa storia assurda https://www.lemon64.com/forum/viewto...83f2407ca63a5b

    Ha denunciato una testata australiana chiedendo risarcimenti da capogiro per aver parlato male di questo coso che ha fatto https://www.youtube.com/watch?v=z1z53HbF6NA



    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  10. #70
     
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    4.163

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Eppure le istruzioni sulla compilation sembrerebbero riprodurre la cover di ognuno di essi, quindi ritengo probabile che siano stati pubblicati anche singolarmente, magari con basse tirature.
    È roba estremamente oscura, difficile trovare materiale; in teoria potrebbero essere anche disegni fatti appositamente o rubati qua e là (la qualità non eccelsa di almeno alcune cover non farebbe escludere questa ipotesi), ma guardando un po' in giro ho trovato la cover di Drak su Lemon, quindi almeno quello pare abbia avuto pubblicazione autonoma. Black Knight e un altro titolo che ora non ricordo (e sì che sono passati solo 5 minuti ) addirittura sono stati ripubblicati da ECP (l'editore originale era tale Interdisc).

    PS: guardando Drak e African Safari si direbbe che questo Hodgetts sia un grande estimatore di Grand Larceny della Melbourne House

    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati
    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no
    desolazioni - esplorazioni urbane

  11. #71

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Comunque da questo thread sul forum di Lemon con interventi di gente del posto esce fuori il quadro di un mercato australiano quasi più improvvisato del nostro (almeno relativamente a questa specifica nicchia). https://www.lemon64.com/forum/viewto...=57181&start=0 Anche le riviste del posto, tipo Australian Commodore Review, SoftGold e Micro-80, alle quali ho dato una veloce occhiata, danno l'idea di essere più abbozzate di quelle che si trovavano altrove. Si vede che, sì erano facilitati dall'inglese e dall'appartenenza al Commonwealth, ma alla fine per certe cose la distanza fisica da posti tipo l'Inghilterra in qualche modo incideva più di quanto si possa pensare (si parla di decenni fa ormai, dopotutto) e peraltro, a proposito di isolamento, credo fossero abb. popolari macchine che qua veramente non si sono mai sentite.


    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  12. #72
     
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    4.163

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Comunque da questo thread sul forum di Lemon con interventi di gente del posto esce fuori il quadro di un mercato australiano quasi più improvvisato del nostro (almeno relativamente a questa specifica nicchia). https://www.lemon64.com/forum/viewto...=57181&start=0 Anche le riviste del posto, tipo Australian Commodore Review, SoftGold e Micro-80, alle quali ho dato una veloce occhiata, danno l'idea di essere più abbozzate di quelle che si trovavano altrove.
    Interessante, poi lo spulcio.

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Si vede che, sì erano facilitati dall'inglese e dall'appartenenza al Commonwealth, ma alla fine per certe cose la distanza fisica da posti tipo l'Inghilterra in qualche modo incideva più di quanto si possa pensare (si parla di decenni fa ormai, dopotutto)
    Sì, concordo. Geograficamente l'Australia è una nazione del sud-est asiatico mancata tant'è che in quelle lande sono fioriti bootlegger di pregio così come successe in Taiwan, HK e Corea.

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    e peraltro, a proposito di isolamento, credo fossero abb. popolari macchine che qua veramente non si sono mai sentite.
    ...tipo il MicroBee, che ha avuto recentemente (oddio, son già passati quasi 4 anni) anche un brevissimo istante di gloria in Kung Fury.

    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati
    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no
    desolazioni - esplorazioni urbane

  13. #73

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Per la serie "giochi dai nomi e dalle schermate di caricamento improbabili" (non l'ho ancora provato ma essendo della CRL lo metto sulla fidugia in questo thread). Notare che, guardando all'interno della cassetta, il gioco sembrerebbe chiamarsi solo "AHHH!!!", per la gioia tra l'altro dei grammar-nazi inglesi che forse avranno da ridire sui tre punti esclamativi e sul resto .





    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  14. #74

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Sempre in tema CRL, e sempre sulla fiducia, ho scoperto che nel 1991 un polacco ha realizzato un porting ufficioso di Road Warrior (osceno clone di Spy Hunter, ma condito da dei bei motivetti del mio mito personale, che poi è la ragione per la quale sto scrivendo) per C16. Come cazzo gli sarà venuto in mente non lo so, visto che praticamente era stroncato da chiunque. Cioè, qualsiasi immonda monnezza sia stata sfornata all'epoca uno fuori dal coro che vedeva la maronna e diceva che il gioco invece era un sacco bello di solito lo trovavi. Road Warrior invece no. (Ok, una rivista tedesca gli ha regalato un 65... però è stato stroncato pure dal CVG inglese che pure se un gioco era stato programmato da un gatto che vomitava sulla tastiera un 7 almeno glielo dava)(o forse mi sto confondendo... a un certo punto c'era stata una svolta ed erano diventati più severi? boh, devo ripassare). Cioè, pensate questo polacco (dal nome come sempre impronunciabile... ma un polacco dal nome umano esisterà?). Che faccio oggi? Bricolage? Modellismo? Pallamano con gli amici? Esco? Tocco le femmine? Idea! Convertirò un vecchio gioco del cazzo che non interessa a nessuno per il mio amato C16!1!1 (che nel 1991 non interessava più a nessuno da tempo pure lui, ammesso che del C16 sia mai fottuto qualcosa a qualcuno). Il bello è che dagli screenshot sembra essere uscito pure molto bene, in movimento chissà. Comunque penso che sia stato spinto dalla struttura ipersemplificistica del gioco (come dice qualcuno su YouTube, dal gameplay pare quasi un titolo misteriosamente sfuggito alla discografia dell'Atari VCS), che quindi ben si adattava a fare la sua porca figura su di una macchina così avara di risorse.



    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 21-05-19 alle 18:12


    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  15. #75
     
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    4.163

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Una ripassatina alla Worst List su LemonAmiga è sempre un discreto diversivo in una domenica pomeriggio altrimenti vuota e noiosa. Tra bidonate più o meno celebri e screenshot che mi toglieranno il sonno per tutto il resto della stagione (#chiècausadelsuomalpiangasestesso, era un rischio calcolato comunque) l'occhio mi ricade su Luxor, coso pregevole per molti e validi motivi. In particolare per uno che non ho mai dimenticato: la schermata con la "ricompensa" finale, di natura chiaramente carnale (!), in grado di essere contemporaneamente a) non troppo esplicita b) nonostante questo grossolanamente volgare c) inequivocabilmente antisesso. Risultato magistrale.


    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati
    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no
    desolazioni - esplorazioni urbane

  16. #76

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    E pensare che qualche goccia di sperma sugli screenshot delle riviste dell'epoca ce la versai, dava l'idea di essere un clonazzo passabile di Xain'd Sleena, e più o meno qualsiasi cosa passasse sui 16-bit per un attimo pareva promettere mari e monti. Almeno da ferma.


    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  17. #77

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Vi siete mai chiesti quale sia stato il percorso evolutivo che portò l'autore di Robobolt a concepire la sua più nota creatura? Io, oggi pomeriggio, sì. Gary Leach si fece le ossa su questo convenzionale Asteroid Lander, probabilmente tutto in BASIC, data l'oscena lentezza, pubblicato su Your Computer a inizio '84. Insomma, un po' deludente, non c'è quella lasciva, criminale creatività che contraddistingue il suo capolavoro, per partorire il quale lo voglio immaginare lì chino a sgobbare (inde)fesso per due anni giorno e notte.



    «This wasn’t just writing the tunes, but also writing the code to drive the SID to get those Rob Hubbard squeaks, wails and farts».

  18. #78
     
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    4.163

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Vi siete mai chiesti quale sia stato il percorso evolutivo che portò l'autore di Robobolt a concepire la sua più nota creatura?
    Ovviamente sì, però non ho mai trovato niente, come se Leach fosse stato generato dal nulla col solo scopo di donare al mondo Robobolt, per poi nel nulla dissolversi non appena terminato di compilare il listato (dopo sette o otto minuti a occhio e croce).
    Ma ammetto di non essermi mai sbattuto troppo nella ricerca.
    Condivido la delusione per questo strano ibrido di Frog e Thrust, soprattutto perché di Robobolt -come già ho vergognosamente detto altrove- apprezzo moderatamente la musica e avrei voluto sentire qualche altra composizione da parte del nostro, mentre qui sento solo scoregge :(

    le.distorte.conseguenze.della.saggezza - scritti minimi di scapestrati
    la.vita.l.universo.e.il.colour.clash - cinematografò e videoludi che anche no
    desolazioni - esplorazioni urbane

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su