Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti - Pagina 8

Pagina 8 di 9 PrimaPrima ... 6789 UltimaUltima
Risultati da 141 a 160 di 168

Discussione: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

  1. #141

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Alphatron (BBC Micro e Acorn Electron, devo vedere se è uscito pure per altre piattaforme). Penso sia una delle dinamiche più insulse mai viste in un gioco (specie considerando che è, credo, del 1986, non del 1886). Guidiamo un'astronave e dobbiamo inseguire UN singolo missile che ogni tanto passa per uno scenario fatto di schermate a sostituzione (credo cinque schermate). Il carburante finisce subito e bisogna tornare alla base a bestemmiare perché l'atterraggio va fatto al pixel. Tutto qui. Ah, il missile va semplicemente dritto. Così, credo, fino all'infinito. Gioco commerciale della Tynesoft, eh, sospetto pure venduto a prezzo pieno. Allucinante.

    Ah, la cosa è bella è che "conviene" farlo scappare un po' (il missile) nelle schermate più lontane, visto che abbatterlo lì frutta più punti. Con un po' di attenzione credo potrebbe venire seccato sempre in partenza evitandoci tutto il viaggio e facendo, lentissimamente, punti infiniti (così si eviterebbe la seccatura dell'atterraggio complicatissimo, che è l'unica cosa che sembra essere in grado di ucciderci, a meno che non andiamo a schiantarci appositamente come il tizio incapace del video).

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  2. #142
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Opossum Visualizza Messaggio
    Con vera nostalgia ho rispolverato questo goffissimo Pancake, seminale platform che mette il giocatore nei panni dell'eponimo alimento <cut> il commento che Ketil Jensen in persona lasciò dieci anni fa sul mio deceduto blog su Splinder, in un post in cui deridevo sarcasticamente la sua unica opera.<cut>
    Beccato oggi questo: https://spillhistorie.no/2017/09/09/...ikk-pannekaka/

    Selv om spillet ikke ble noen stor, økonomisk suksess, ble det naturligvis raskt spredd til Commodore 64-eiere via piratverdenen. Faktisk kan det hende piratene tjente mer penger på spillet enn utviklerne selv gjorde:

    – Jeg er usikker hvor mange kopier som ble solgt, men vet ut ifra en artikkel jeg kom over for noen år siden at det ble piratkopiert og solgt i Italia, forteller Ketil Jensen til Spillhistorie.no
    tradotto:

    Sebbene il gioco non sia stato un enorme successo finanziario, si è naturalmente diffuso rapidamente ai proprietari di Commodore 64 attraverso il mondo dei pirati. In effetti, i pirati potrebbero aver guadagnato più soldi con il gioco rispetto agli stessi sviluppatori:

    - Non sono sicuro di quante copie siano state vendute, ma so da un articolo in cui mi sono imbattuto alcuni anni fa che è stato piratato e venduto in Italia, racconta Ketil Jensen a Spillhistorie.no
    Chissà se c'entro qualcosa

  3. #143

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Pics del commento sul blog di Spinder (che avrai prontamente scrinsciottato per i posteri ).

    Comunque:

    - gioco per C64 che fa fare più soldi ai pirati che agli sviluppatori
    - soprattutto in Italia

    Ketil, dicci qualcosa che non sappiamo.
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  4. #144
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Pics del commento sul blog di Spinder (che avrai prontamente scrinsciottato per i posteri ).
    C'è tutto nel post #40 di questo topic, son troppo pigro per copincollare.

  5. #145

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Vabbè, lo screenshot sarebbe stato più carismatico . Secondo me aveva trovato qualcuno che nel frattempo gli ha tradotto il reale significato del testo (non quello "infiocchettato" che hai cercato di vendergli tu), o si è arrangiato con Translate o simili, per questo non ti ha risposto .

    Comunque ormai il web è diventato un campo minato, non posso dire più niente. A parte quelli dispersi in battaglia, stanno tutti là, quindi se commenti da qualche parte probabile che l'interessato sbuchi fuori. "Maronna a pensarci però che grafica demmerda che aveva Legend of Kage sul sessantaquat... OH, SIMON BUTLER, CHE SORPRESA AVERTI QUI, HO SEMPRE ADORATO LA TUA ORIGINALE CURATISSIMA PIXEL ART". Oppure: "Scusate, come fate a dire che questo era un platform ingiocabile? Ma avete mai provato, chessò, quello scempio di Boing?" "Certo, l'ho fatto io." "OH, TU SEI DUNQUE MICHAEL J. BERRY? CHE EMOZIONE, SEI IL MIO IDOLO FIN DA QUANDO ERO BAMBINO. NO, DICEVO SOLO CHE, ECCO, MAGARI BOING LO POTEVI FARE UN PO' MENO DIFFICILE MA ANCHE COSI' VA PIU' CHE BENONISSIMO DOPOTUTTO, CHE TEMPI, EH EH".
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  6. #146
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Vabbè, lo screenshot sarebbe stato più carismatico .
    Certo, ma all'epoca vallo a sape' che un bel giorno Splinder avrebbe fatto *puff* già tanto che sia riuscito a salvarmi un file .xml coi conenuti.

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Secondo me aveva trovato qualcuno che nel frattempo gli ha tradotto il reale significato del testo (non quello "infiocchettato" che hai cercato di vendergli tu), o si è arrangiato con Translate o simili, per questo non ti ha risposto .
    ça va sans dire, ma l'ho scritto pure io nel post. Vedi che non leggi?

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Comunque ormai il web è diventato un campo minato, non posso dire più niente. A parte quelli dispersi in battaglia, stanno tutti là, quindi se commenti da qualche parte probabile che l'interessato sbuchi fuori.
    Vero, del resto questa vicenda ne è probabilmente un perfetto esempio: un norvegese sconosciuto rintraccia la rece del suo gioco sconosciuto sul blog sconosciuto di un fesso sconosciuto scritto in una lingua che nemmeno capisce, in anni in cui translate forse nemmeno c'era.

    (...anche se in realtà questo significa avere molti meno riscontri in una generica googlata e di conseguenza lo ha probabilmente avvantaggiato nel trovarmi. Va beh, storia vecchia comunque).

  7. #147

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Lo sappiamo. Ogni programmatore del passato aveva le sue ossessioni. Jeff Minter era fissato con gli animali pelosi, Chris Butler con le conversioni impossibili, Gary Partis (chi cazz'è costui, direte giustamente) con Uridium, che tentava goffamente di scopiazzare in ogni salsa, vedi Psycastria 1 e 2, per la gioia di Braybrook, che pure oggi su Twitter si lamenta della gente che mette i video coi suoi giochi piratati su YouTube, figuriamoci l'entusiasmo che poteva nutrire per le imitazioni all'epoca.



    Nell'87 Gary toccò vette difficilmente immaginabili con Syncron, un clone del summenzionato classico dotato delle seguenti caratteristiche: 1) lo scrolling era in verticale anziché in orizzontale 2) lo scrolling medesimo era inoltre velocissimo e non si poteva rallentare (il che unito ai classici edifici immediatamente mortali sul fondale azzerava istantaneamente ogni giocabilità e voglia di vivere e andare avanti)(naturalmente, date le risoluzioni dei sistemi casalinghi, la suddetta verticalità costituiva un bello svantaggio in questo tipo di giochi per ovvi motivi) 3) la palette di colori era particolarmente acida, per rendere ancora più piacevole l'esperienza e indistinguibili gli affari da raccogliere per proseguire 4) non c'è nemmeno il punteggio su schermo, così è più difficile capire se quello che stiamo facendo ha qualche senso per avanzare nel gioco (come detto, bisognerebbe raccattare qualcosa sul suolo e poi atterrare su una delle tante piste presenti... ma apparentemente questa cosa non produce risultati evidenti) 4) anche un neonato avrebbe capito immediatamente che questa orrida sbobba era impubblicabile, difatti la Superior Software ebbe un minimo di buonsenso facendo uscire il titolo inizialmente solo in una compilation, ma dopo qualche tempo pensò di non averci lucrato sopra abbastanza e lo ripubblicò in veste singola. La Blue Ribbon, infestante casa specializzata in budget, decise inoltre di infliggere un'ulteriore ripubblicazione ai poveri adolescenti poco informati dell'epoca.

    Gary, interpellato, ammise candidamente che si trattava più di un esercizio di programmazione che di un gioco (soprattutto sull'Acorn Electron, che non disponeva di scrolling hardware e la cui versione è praticamente indistinguibile da quella del fratello maggiore BBC Micro).
    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 28-02-21 alle 10:25
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  8. #148

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Sarò bre'. Hockey Pista (Amiga) dell'italiana Lindasoft, all'epoca pubblicizzato sulle riviste, mi sono a lungo chiesto come fosse, ora lo so, purtroppo faceva clamorosamente cacare. Sì, belli gli sport minori, ingiustamente oscurati dal calcio, bello il tentativo di produrre software originale in Italia tra mille difficoltà, bello il povero Franco Girardelli, campione indiscusso, che dà il nome alternativo a questo titolo, ma è una cosa che proprio non si può giocare (i livelli di difficoltà inferiori a "Professionale" potevano anche non metterceli dato che sembrano la moviola di Sassi). Fatto orgogliosamente con AMOS, peraltro. A volte anche in giochi bruttissimi si nasconde insospettabilmente una certa giocabilità, una scintilla, qualcosa, ma qui manca proprio l'anima, piccoli giocatori che improbabilmente si trascinano senza un perché sullo schermo, e perfino il più orrendo, malfatto e disgraziato gioco sportivo mai provato su C16 sprigiona quel minimo di carica vitale e trasmette voglia di fare un gol in più di 'sta roba.

    Ah, mi dicono che la versione Franco Girardelli è successiva e contiene qualche miglioria (tipo i livelli di difficoltà più moviolistici segati e l'innovativa introduzione del tempo di giuoco frazionato in due metà... ah, beh). Ah, è stato inflitto pure al povero ST. Voto su Lemon Amiga: un generoso 1,5, frutto della media di ben due contribuiti (non so che passasse nella testa a quello che ha dato uno scellerato 2).

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 10-03-21 alle 09:43
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  9. #149

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Great Escape ha fama di essere uno dei titoli meno brutti dell'asiatica Bomb per Atari VCS, ma insomma, all'atto pratico non è che ciò sia di grande consolazione. Impersoniamo un profilattico viola immerso, chissà perché, nello spazio profondo. Lo scorrimento è multidirezionale e possiamo spararacchiare col nostro risibile sparo in tutte e quattro le direzioni, quindi non necessariamente solo nel nostro senso di marcia. Inoltre, una grossissima astronave ci insegue perennemente. Detta così non sembra neanche male, viste le capacità del VCS pare un titolo originale. Peccato che i comandi siano la ridefinizione del termine "legnoso". Il gameplay poi nei fatti è orrendo: quando arriva l'astronave (ogni cinque secondi questa caca le palle, in pratica) bisogna scappare nella direzione opposta, andando puntualmente a sfracellarsi contro qualcosa, a causa dei suddetti controlli non proprio puntuali nel rispondere. A completare il quadro, l'eterna, molesta scenetta di morte col goldone che sfila psichedelicamente in parata davanti all'astronavona madre, con cambi di colore e lampeggiamenti vari.

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 18-03-21 alle 15:01
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  10. #150

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Cover forse non riuscitissima, diciamo.

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  11. #151
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Non so bene perché, ma mi ricorda la cover di una VHS di un porno brasiliano con ET.

  12. #152

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Probabilmente perché è presa da lì .
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  13. #153

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    La dibattuta (solo qui dentro) scena C64 australiana, con la famigerata ECP sugli scudi . Non so dove trovassero questi il coraggio per vendere come giochi singoli "scritti e prodotti in Australia" la solita rumenta fatta col SEUCK.

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  14. #154

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Harem, sconosciuto coin-op, non necessariamente o particolarmente brutto, ma dal tema, ehm... diciamo ricollegato al titolo. Lo metto come curiosità: col metro di oggi probabilmente gli ideatori verrebbero impalati in piazza .

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  15. #155

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Il gioco cosastracaz del giorno è indubbiamente Angelo (libera traduzione dal giapponese, magari il titolo originale era "Mino Raiola si strozza ingozzandosi di sego di bue") per MSX. Nel primo quadro il nostro angioletto deve toccare delle nuvolette di diversi colori in modo che il contenuto finisca in degli alambicchi (o il cazzo che sono) mentre sul pavimento una creatura infernale monocromatica passeggia. Le esatte dinamiche che portano a superare questo quadro mi sono oscure, ma sostanzialmente l'angioletto deve spingere (il più velocemente possibile, la difficoltà è data dal fatto che bisogna toccarle col pixel giusto del nostro personaggio, sennò non si spostano) 'ste nuvolette di merda sopra gli alambicchi giusti e darci un tocco da sopra, sperando che il programma a una certa dia l'ok per l'ascesa al secondo quadro. Nel quale ci sono delle indecifrabili creature piuttosto aggressive che, appunto, ci aggrediscono, e bisogna seccarle con un colpo ben assestato di aureola. Lo scopo qui è raccattare dei serpentelli deformi (o il cazzo che sono) e indirizzarli verso macchinari verdi e gialli, a seconda del colore, poi quando hanno fatto, e sono diventati di un giallino più smunto, raccattarli e lanciarli sul pavimento in modo che strisciando ammazzino gli affari monocromatici del primo quadro. A una certa anche qui in base a criteri misteriosi il computer ha pietà di noi e ci fa accedere a un altro quadro con tubature, monete alla Super Mario (?) e poi ho spento.

    Ultima modifica di Major Sludgebucket (ABS); 20-05-21 alle 10:04
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  16. #156

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    No, beh, questo Volley Fire sembra essere uno sparacchiatutto di una monotonia allucinante per Game Boy (non ci ho ancora giocato ma il filmato pare inequivocabile e un tizio francese che ne caca parecchio di GB dice che per lui è uno dei peggiori titoli usciti per questa piattaforma, se non il peggiore). L'idea di base pare audace quanto assurda: in pratica stai a sparacchiarti quasi tutto il tempo solo con un'altra astronavina, mentre in mezzo passano asteroidi e altre robe. Potrebbe pure sembrare uno spunto interessante, e c'è anche chi ha sviluppato bene idee del genere, ma basta guardare pochi secondi per capire quanto nella pratica il tutto faccia venire il latte alle ginocchia. E una partita va avanti almeno UNA VENTINA DI MINUTI (di pura sofferenza). A essere onesti ogni tanto c'è qualche timido cambiamento, invece dell'astronavina avversaria ci sono tre cannoni, o altri tre robi che si muovono, ma mi pare che ciò non sposti tantissimo. Non so, magari in due giocatori migliora (ma ne dubito). Ovviamente Japan only, solo loro possono cacciare fuori 'ste robe assurde. : D

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  17. #157
    o feio L'avatar di Opossum'
    Data Registrazione
    Nov 2020
    Località
    Manerba del Garda, Brescia
    Messaggi
    227

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    Sarò bre'. Hockey Pista (Amiga) dell'italiana Lindasoft <cut>

    Vado OT ma: che cazzo di squadra è "The mobys"? Che poi quello è chiaramente il Giovinazzo, cioè. Cos'è, non avevano i diritti? Avevano paura che Marzella li prendesse a bastonate e hanno optato per una squadra fake (ma con gli stessi colori)? Meglio che me ne vada a dormire?

  18. #158

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    L'immagine del tizio malfatto che schiatta in primo piano in Veteran, clonazzo di Operation Wolf senza arte né parte pubblicato per Amiga, Atari ST e PC DOS, ha turbato profondamente la mia adolescenza. E, checché ne diciate, anche la vostra (se eravate sufficientemente cresciuti per vivere tutto ciò).

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  19. #159

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Citazione Originariamente Scritto da Major Sludgebucket (ABS) Visualizza Messaggio
    L'immagine del tizio malfatto che schiatta in primo piano in Veteran, clonazzo di Operation Wolf senza arte né parte pubblicato per Amiga, Atari ST e PC DOS, ha turbato profondamente la mia adolescenza. E, checché ne diciate, anche la vostra (se eravate sufficientemente cresciuti per vivere tutto ciò).


    prowler0000 2011-11-04
    The digitised person in the game is the graphics designer, Alan Tompkins!

    I met him at an old CSE show in 1990 with my good friend Robert Chewter. Rob & i were part of Radical Systemz, creators of the famous demos of yore, & rob knew Alan as they were both graphics bods. I believe Alan went off to the USA in the early 90`s & i never saw him again: Robert, I`m stuck with!

    Of yeah! Veteran.... Or "yeah, we can do Op Wolf on 1 disk with no licence fees in 6 weeks!"

    Wait 6 weeks.

    "Umm, No we can`t !"
    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

  20. #160

    Re: Giochi vintage particolarmente brutti e goffamente malriusciti

    Funky Head Boxers (qui in versione arcade, ma lo appiopparono pure al povero Saturn). Ehm, sì, beh, diciamo che. FORSE con quella cosa del treddì a una certa qualcuno si fece prendere un po' troppo la mano.

    Non chiamarle scintille. Non chiamarle scintille. Chiamiamole com'è giusto che ci sia il termine.

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista
The Games Machine
Seguici su