Going Under – Recensione

PC PS4 Switch Xbox One

È uno sporco lavoro quello di Going Under, ma qualcuno deve pur farlo; quelle startup fallite non si leveranno di torno da sole. Chiamate una stagista.

Sviluppatore / Publisher: Aggro Crab / Team17 Digital Prezzo: 19,99€ Localizzazione: Testi Multiplayer: Assente PEGI: ND Disponibile Su: PC (Steam), PlayStation 4, Xbox One, Nintendo Switch

“Ciao mamma, sono appena uscita dal nuovo lavoro di cui ti parlavo: i colleghi sono fantastici! No, ancora non mi occupo di marketing, però ho sgozzato due magazzineri con una matita e fracassato il monitor in testa a tutti i programmatori”.





Così racconterebbe la sua prima giornata lavorativa Jackie Fiasco, protagonista di Going Under, sarcastico roguelite di Aggro Crab distribuito da Team17 Digital.

FANTOZZI 2.0

Il celebre personaggio inventato da Paolo Villaggio – Bambocci, se non ricordo male – oggigiorno non sarebbe più lo sfortunato ragioniere che tutti conosciamo, bensì uno stagista pluri laureato e iper qualificato assunto senza alcun compenso dalla Megaditta e relegato alle mansioni più inutili, svolte comunque con grande impegno e dedizione nella speranza di un posto fisso che non otterrà mai. Le tragiche avventure di Betty Fianco iniziano proprio con un tirocinio alla Fizzle, enorme multinazionale che produce la bibita più famosa del mondo e gestisce moltissimi altri brand affermati, così tanti che gli stessi manager non sanno quanti siano.

going under recensione

Racchetta da ping pong contro vaso di fiori. Chi avrà la meglio?

Mary Bianco è un’esperta di marketing, ma il suo superiore le assegna “momentaneamente” un altro compito: scendere nei sotterranei dell’azienda, dove sono state confinate startup e sussidiarie che non hanno ottenuto il successo sperato – anzi dovuto, la Fizzle non ammette fallimenti! – per eliminare fisicamente tutti i dipendenti. La nostra superstagista, dopo un momento di incertezza, accetta l’incarico: sappiamo tutti che bisogna essere versatili. E poi, anche se non rientra nelle sue competenze, è solo “momentaneamente”.

SCENDI, SIGNORINA, SCENDI LEI

Katy Basco scende quindi ai piani inferiori, e comincia la frenetica azione di Going Under, che si rivela molto di più di un semplice dungeon crawler reskinnato. La progressione nel gioco è la classica del genere: i sotterranei sono divisi in più piani composti da stanze generate proceduralmente, le cui porte si chiudono ermeticamente una volta entrati, per poi riaprirsi solo quando avremo eliminato tutti i nemici. Ogni oggetto che incontreremo può essere usato per offendere, quindi prepariamoci a malmenare gli sfaccendati brandendo portatili, monitor, risme di carta, sedie, sgabelli, piante e pezzi vari dell’arredamento che andrà via via distrutto nel corso dello scontro.

going under recensione

Il caffeinomane, l’uomo che non dorme mai.

SEDIE, PIANTE DECORATIVE, TAVOLI, MATITE: TUTTO Ciò CHE VEDIAMO PUò ESSERE USATO COME ARMA

Non c’è curva di apprendimento: senza bisogno di consultare finestre colme di statistiche, capiremo subito che ogni arma ha diverse caratteristiche quali resistenza, raggio d’azione, velocità d’attacco e potenza: un archivio colmo di scartoffie infligge danni pesanti ma ci rende molto lenti, al contrario una matita appuntita permette di scaricare raffiche di colpi velocissimi ma non certo devastanti. Possiamo portare fino a tre oggetti per volta, quindi una sapiente gestione dell’inventario è fondamentale per la nostra sopravvivenza dato che i nemici, decisamente vari, hanno tutti un proprio stile di attacco e difesa, oltre a un insieme di abilità e punti deboli che ci costringeranno a cambiare stile di combattimento in continuazione.

Continua nella prossima pagina…

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Botte da orbi dal primo minuto. Niente tutorial! / Storia sarcastica e fuori di testa / Difficoltà ben calibrata e meccaniche di gioco robuste,

Contro

  • Alcuni perk e qualche skill sono quasi ininfluenti.
8.5

Più che buono

Password dimenticata