Mega Man 11 - Recensione

PC PS4 Switch Xbox One

Magari non si tratta di una cosa particolarmente sentita da questa parte dell’oceano, ma in Giappone il trentennale di Rockman è una cosa seria. Il robottino blu ha occupato uno spazio di tutto rispetto nel gargantuesco stand Capcom al Tokyo Game Show, tra postazioni di gioco e una sorta di museo dedicato alla sua carriera, con tanto di generosa mini enciclopedia data in omaggio ai visitatori. Nell’ottica dell’operazione nostalgia, Mega Man 11 svolge il suo lavoro discretamente, offrendo un inedito capitolo fedele alla tradizione senza però né strafare né stupire, muovendosi su sentieri noti evitando accuratamente di osare qualcosina di più.

BLUE BOMBER

Mega Man 11 è sostanzialmente quello che molti fan volevano: un capitolo originale realizzato con le tecnologie attuali, distante dunque dalla pixel art “commemorativa” usata nei due episodi precedenti, da consumarsi ubriachi di chiptune e allegria in occasione dei trent’anni del marchio. Non è però in grado di osare, restando prudentemente aderente alle meccaniche a cui la coppia Inafune & Kitamura ci ha abituato agli albori della saga in modo quasi preoccupante, incapace di offrire nuove idee tali da renderlo memorabile. Il gimmick che funge da collante alla trama è il Sistema Double Gear, invenzione di Wily risalente ai tempi in cui studiava robotica assieme all’esimo Thomas Light, rielaborato per potenziare e rendere potenzialmente invincibile una nuova generazione di Robot Master. Per combattere il fuoco col fuoco, Light dota Mega Man del medesimo sistema che, in soldoni, si traduce nella possibilità di usufruire durante un brevissimo periodo di un potenziamento all’attacco e della facoltà di rallentare il tempo. A conti fatti si tratta di un’opzione per lo più accessoria, quantomeno al livello di difficoltà standard, giacché, con la giusta abilità, è facile completare il gioco senza ricorrere alla coppia di ingranaggi se non in particolarissimi frangenti in cui prendere la mira con calma si rivela un requisito importantissimo.
Mega Man 11 Recensione PC PS4 Xbox One Switch

Mega Man 11 non è in grado di osare, restando prudentemente aderente alle meccaniche a cui la coppia Inafune & Kitamura ci ha abituato trent’anni fa.

D’altro canto, la presenza del Double Gear tra i circuiti degli otto Robot Master dona ai duelli un livello di tensione supplementare, specie in quei casi in cui la sua attivazione riesce brevemente a cambiare le carte in tavola, vedi il gigantesco “golem” in cui si trasforma l’altrimenti minuto Block Man. La mancanza di coraggio di Mega Man 11 appare principalmente in un level design generalmente banale, dove tutti i cliché incontrati nelle precedenti avventure (qualcuno si stupisce ancora della presenza di Yellow Devil e di un Boss Rush finale?) si danno appuntamento, schivando un’occasione speciale per sfoggiare qualche trovata destinata a far bella mostra di sé negli annali dei videogiochi. Forse l’unico livello genuinamente fresco è quello di Bounce Man con le sue mura rimbalzanti ma, complessivamente, anche alcuni mid-boss tendono a ripetersi, sebbene le condizioni per affrontarli diventino più ardue progredendo.

UNA FESTA DOVE SARANNO INVITATI TUTTI

Una cosa è certa: Mega Man 11 è un gioco che tutti possono godersi, nonostante la proverbiale difficoltà della serie possa scoraggiare sulle prime i meno abili. Merito principalmente dei quattro livelli di difficoltà, che offrono una sfida adatta a ogni palato, ma anche di una buona distribuzione dei checkpoint. A questi si aggiunge il garage di Auto dove investire i bulloni raccattati tra una piattaforma e l’altra in cambio di un gran numero di aiuti forse un po’ troppo generosi, dalle ricariche energetiche a super corazze in grado di dimezzare il danno ricevuto nel livello in corso, senza scordare un buon quantitativo di mod dagli effetti più disparati, vedi gli stivali chiodati con cui migliorare l’aderenza di Mega Man sul ghiaccio (presente in un solo livello, peraltro) o un sistema per ottimizzare la ricarica delle armi.
Mega Man 11 Recensione PC PS4 Xbox One Switch

Una volta finita la breve avventura, quello che resta è il menu Extra dove ci aspetta una vasta gamma di prove.

Il Sistema Double Gear, a conti fatti, può essere inquadrato come un’ulteriore aiuto per quei giocatori poco avvezzi ai salti nel vuoto che compariranno puntualmente verso la parte finale del gioco, tanto da non far rimpiangere la torre dell’orologio di un Akumajou qualsiasi: rallentare il tempo, si sa, rende le acrobazie su ingranaggi rotanti decisamente più miti. Anche sul versante tecnico, Mega Man 11 si presenta decisamente abbordabile, forte di una direzione artistica piacevole che, nella sua incarnazione su PC, si accontenta di architetture anche non all’avanguardia, offrendo per contropartita una gamma di opzioni di ottimizzazione assai risicata che non va oltre l’indispensabile triade composta da risoluzione, v-sync e antialiasing. Una volta finita la breve avventura, quello che resta è il menu Extra dove ci aspetta una vasta gamma di prove, dalle sfide a tempo (un campo in cui il Sistema Double Gear arriva veramente a brillare) a test un attimo più particolari, come corse a perdifiato verso la stanza del boss cercando di sparare il minor numero di colpi. Classifiche online e gloria sempiterna attendono i detentori dei record più prestigiosi.

Mega Man 11 batte Mighty No. 9 grazie a una realizzazione ispirata e a uno schema di gioco senza punti deboli, ma non verrà certo ricordato nei libri di storia come uno dei capitoli più brillanti della saga. Breve e senza particolari guizzi d’ingegno, si propone come una portata piuttosto inconsistente per festeggiare un avvenimento tanto importante come i trent’anni di Mega Man. Divertente per quel che dura, ma non sono affatto impressionato.

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Un buon nuovo capitolo di Mega Man...
  • Tante opzione per renderlo abbordabile anche ai giocatori più imbranati.

Contro

  • ...forse un po' troppo classico.
  • Sistema Double Gear non particolarmente incisivo.
  • Avventura principale troppo breve.
7.8

Buono

Il retrogamer della redazione, capace di balzare da un Game & Watch a un Neo Geo in un batter di ciglio, come se fosse una cosa del tutto normale. Questo non significa che non ami trastullarsi anche con giochi più moderni, ma è innegabile come le sue mani pacioccose vibrino più gaudenti toccando una croce digitale che una levetta analogica.
Voto medio utenti
0
0 voti
Voto
Invia
Il tuo voto
0

Password dimenticata