Crucible cessa lo sviluppo, i server chiuderanno a novembre

Sembra proprio che dopo il travagliato lancio e il ritorno alla fase beta, il team di sviluppo di Crucible non sia riuscito a recuperare l’interesse del pubblico. La conseguenza diretta di questo è stata la decisione di Amazon Games di tagliare del tutto lo sviluppo del gioco, e di chiudere i server il 9 novembre 2020. “Abbiamo apprezzato molto come i fan abbiano sostenuto i nostri sforzi, e ci ha fatto piacere vedere le vostre risposte ai cambiamenti fatti negli ultimi mesi. Alla prova dei fatti, però, non siamo riusciti a vedere un futuro sostenibile per Crucible. Il nostro team si sposterà per lavorare a New World e ad altri progetti di Amazon Games”, ha dichiarato il team di sviluppo nel suo ultimo post.

Nonostante il non brillante successo del gioco, è comunque sorprendente vedere un’interruzione così drastica dei lavori, ad appena pochi mesi dal lancio. Difficile sapere se sia stato lo stesso team di sviluppo a perdere completamente la fiducia nel suo progetto o se piuttosto si sia trattata di una decisione calata dall’alto. Di certo è che i titoli di Amazon Games sembrano avere una vita molto travagliata: nel 2018, era stato Breakaway a interrompere di colpo i lavori, mentre l’MMO New World è stato rimandato al 2021.

crucible chiude

Articolo precedente
Nier Replicant trailer live action

Nier Replicant: rivelati nuovi screenshot della remaster

Articolo successivo
Indivisible

Indivisible: 505 Games conferma che i lavori saranno sospesi

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata