Cuffie JBL Quantum One – Recensione

I driver da 50mm forniscono un suono preciso e pulito, con un range di frequenze che va da 20 a 40.000 Hz

Se l’ascolto delle frequenze medie rimane più o meno lo stesso, l’impatto dei bassi e degli alti può variare sensibilmente in base al posizionamento delle cuffie. Occorre quindi trovare una posizione abituale con cui indossarle e attenersi a essa il più possibile, se si vuole un’esperienza di ascolto coerente tra un utilizzo e un altro. È vero, stiamo pur sempre parlando di un paio di cuffie da gamer, ma trattandosi di un prodotto di fascia molto alta, dal costo non indifferente di 250 euro, nulla può essere lasciato al caso.

LE QUANTUM ONE NON SI LASCIANO INTIMORIRE NEANCHE DAI GENERI MUSICALI Più ESTREMI

Le Quantum One, in ogni caso, non si lasciano intimorire neanche dai generi musicali più estremi, dando ottimi risultati con qualsiasi voce, strumento e brano musicale. Fra l’altro dispongono anche di un formidabile sistema di cancellazione del rumore esterno, che dà il meglio di sé con il brusio delle attività umane: una stanza piena di gente, un ufficio, una casa… insomma, i posti dove più probabilmente ci troveremmo a giocare con gli altri. Ottime anche la sensibilità e la fedeltà del microfono, a cui si può al massimo imputare una scarsa manovrabilità per via del braccino troppo corto.

SOFTWARE E COMODITÀ D’USO

Con un peso di circa 380 grammi e una pressione esercitata sulle orecchie di più di 600 grammi, le Quantum One non sono certo le cuffie più leggere che potremmo indossare, ma si rivelano comode e facili da sopportare, anche a lungo. Benché non si faccia riferimento da nessuna parte ad accorgimenti specifici per chi indossa gli occhiali, le Quantum One si comportano bene anche in questo caso, evitando di pesare sulla montatura.

I cavi di collegamento sono calzati e scivolano bene, sono piuttosto lunghi e non danno fastidio durante l’uso. In tutta sincerità, però, non ho trovato particolarmente piacevole la presenza del grosso pomello centrale sul cavo USB, la cui funzione è per altro poco incisiva: al suo posto, avrei preferito un’altra rotella sul corpo principale. La funzione di head tracking funziona molto bene ma può perdere il baricentro: in quel caso è previsto un pulsante che permette di centrare la posizione delle cuffie in qualsiasi momento. Il software è ben strutturato e copre tutte le funzioni del dispositivo, dall’equalizzatore all’illuminazione RGB, passando per l’aggiornamento del firmware e la calibrazione iniziale.

JBL Quantum One recensione

C’è da dire che dopo l’installazione iniziale del software, sebbene non fosse richiesto esplicitamente, ho dovuto riavviare il computer prima di riuscire a effettuare la calibrazione del prodotto. Ma sono davvero intoppi piccolissimi, per un’azienda al debutto nel nostro settore e per un prodotto che difficilmente sarebbe potuto essere migliore.

Voto 9.2

Torna alla prima pagina…

Articolo precedente
giochi brutti

Quei giochi brutti portati fino in fondo

Articolo successivo
geforce rtx 3080 recensione

Le scorte di RTX 3080 e 3090 potrebbero rimanere scarse fino al 2021

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata