Corsair MP600 Core 2 TB – Recensione

La nuova serie di drive interni MP600 Core di Corsair abbatte i prezzi degli SSD PCI Express 4.0 con l’uso di memorie QLC. Vediamo come si comporta il modello da 2 TB.

Corsair MP600 Core recensione

L’MP600 Core da 2 TB, noto ai magazzini di Corsair con il part number CSSD-F2000GBMP600COR, fa parte di una nuova linea di drive SSD nVME con collegamento PCI Express di quarta generazione, form factor da 22 x 80 mm e dissipatore in alluminio montato direttamente sull’unità. La novità della serie ‘Core’, rispetto ai precedenti MP600, è il passaggio dai chip di memoria NAND TLC a quelli di tipo QLC, in grado di memorizzare 4 bit per ogni cella. Questa tipologia di memorie flash è più recente ma anche meno “nobile”, in quanto più lenta e meno durevole della precedente.

DURATA RIDOTTA? MA NON SCHERZIAMO!

Non è una novità, tutte le volte che si aumenta la capacità delle celle aggiungendo un altro bit a quelli della generazione precedente, diciamo esattamente le stesse cose: costano meno, ma sono più lente e meno durature. Ma sarà poi vero? In realtà, il progresso tecnologico permette sempre di ovviare a questo genere di inconvenienti e i produttori di drive SSD hanno capito come fare per recuperare velocità e garantire ottime prestazioni. Ma parliamo della famosa ‘durata ridotta’. Il drive MP600 Core da 2 TB ha una durata “teorica” di 450 TBW (terabyte written), vale a dire che sarà necessario scrivere almeno 450 TB di dati prima che qualche cella cominci a rompersi.

SE È LA DURATA A PREOCCUPARVI, POTETE STARE TRANQUILLI: L’MP600 CORE NON VI ABBANDONERÀ TANTO PRESTO

Anche ipotizzando di scriverne 30 GB al giorno (e per un uso medio tipicamente ‘consumer’ sono già un’esagerazione), il drive ci impiegherebbe 15.000 giorni (più di 40 anni) prima di “morire”. Forse potrebbe avere più senso preoccuparsi per il MTBF (mean time between failure) specificato dal produttore: 1.800.000 ore che, però, una volta tradotte in giorni fanno ben 75.000, praticamente due secoli. E questo naturalmente al netto dei possibili guasti che possono sempre coinvolgere le apparecchiature elettroniche, oltre ai difetti – contro i quali il drive è coperto da cinque anni di garanzia. In ogni caso, le caratteristiche complete della serie MP600 Core, per tutti i modelli che la compongono, sono le seguenti:

Corsair MP600 Core recensione

Sono diverse le considerazioni che possiamo dedurre da questa tabella. La prima, è che il controller è un Phison E16, notoriamente il primo compatibile con la versione 4.0 del bus PCI Express. Si tratta di un controller a 8 canali che consente di superare le tipiche velocità di trasmissione del bus PCI Express 3.0 (intorno ai 3,5 GB/s) e che, in questo caso, può arrivare a una velocità di lettura che lambisce i 5 GB/s e una di scrittura di 3,7 GB/s, in ogni caso più veloce di quanto si possa fare con un drive PCI Express Gen3. La seconda, è che questo drive adotta due soluzioni ben precise per ottenere prestazioni elevate anche con le celle QLC: un buffer da 1 GB di memoria DRAM e una cache SLC di dimensioni variabili, grazie alle quali il drive può sostenere una velocità di scrittura maggiore di quella formalmente supportata dalle celle, salvo poi trasferire i dati dalle cache allo spazio di immagazzinamento vero e proprio. Un esempio pratico? Se proviamo a trasferire 100 GB – suddivisi in pochi grossi file – da questo SSD a una unità analoga ci vogliono meno di due minuti. Il nostro solito pacchetto eterogeneo da 8 GB, composto di migliaia di file di dimensioni variabili, ci impiega una manciata di secondi a essere scritto così come a essere letto.

DIMENSIONI, MONTAGGIO, ETC.

l’MP600 Core da 2 TB include un dissipatore passivo di metallo già montato “a guscio”. Sul lato superiore, le alette rigide raffreddano e proteggono il controller, un chip di memoria DRAM e due chip NAND flash. Sul lato inferiore, invece, la di chiusura metallica protegge un secondo chip di memoria DRAM e altri due chip NAND.

Continua nella prossima pagina…

Articolo precedente
ner replicant anteprima

NieR Replicant ver. 1.22 – Anteprima

Articolo successivo
Cyberpunk 2D77

Rivelato CYBERPUNK 2D77, metroidvania F2P a Night City

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata