La lineup 2021 di NIS America

NIS America presenta la sua lineup 2021, tra novità e titoli che strizzano l’occhio al passato.

nis america 2021

“Virtual Press Tour”. Tre parole che ormai da un anno e mezzo sono entrate di prepotenza nel gergo del settore videoludico (e non solo). Per questo motivo, quando Mario mi ha girato l’invito a una presentazione online proveniente da NIS America, avevo ben chiaro in mente cosa attendermi. Lo avevo ben chiaro, ma sono rimasto comunque in parte sorpreso. Come mai? Semplice, perché l’evento a cui ho partecipato non si è limitato a trattare un singolo titolo, ma ha preso in esame l’intera line-up NIS per la primavera-autunno 2021. Tra astronavi, visual novel, platform e GDR, la carne al fuoco è veramente tanta…

R-Type Final 2

“No scusate non sto piangendo, è che mi è entrata un R-9 nell’occhio”. Da vecchio e rude appassionato di sparatutto, sto forse cercando una giustificazione a un improvviso momento di commozione? Forse sì. Anche perché, diciamo la verità, R-Type Final 2, in uscita il 30 aprile su PS4, Nintendo Switch, Xbox One, Xbox Series X|S e PC, già solo con il suo nome è destinato a fare breccia nel cuore di chi ha trascorso ore e ore scagliando missili, laser, bombe e ordigni di ogni genere contro ondate di alieni. Sviluppato da Granzella, R-Type Final 2 promette di trasportare le caratteristiche dell’originale in un contesto audio-video al passo con i tempi. Un look che strizza l’occhio alla tradizione aggiungendo tocchi originali, quali ad esempio la possibilità di personalizzare la componente estetica della propria astronave e di scegliere il proprio mezzo tra un “garage” che comprenderà modelli provenienti da tutti i precedenti episodi della serie.

PAD ALLA MANO, LA SENSAZIONE è QUELLA DI AVERE A CHE FARE CON UN TITOLO CONCEPITO NEL SOLCO DELLA TRADIZIONE

Pad alla mano, come peraltro conferma anche la breve demo scaricabile online (un unico livello, solo su PS4 e Nintendo Switch), c’è la sensazione di avere a che fare con un titolo concepito nel solco della tradizione. Ci sono i nemici, tanti nemici. Ci sono le esplosioni, tante esplosioni. Ci sono i proiettili, tanti proiettili. Ciò che non sono riuscito a capire è se ci sarà la stessa “cattiveria” di fondo, con la necessità di essere veloci, precisi e letali in ogni frangente. Un dubbio che non è stato fugato neanche durante la presentazione, in cui si è parlato di una gestione del livello di difficoltà che si avvale di un sistema che si adatta alle prestazioni dei giocatori senza però fornire dettagli precisi a riguardo. Una soluzione che ha del potenziale, ma che al contempo presenta evidenti rischi se non calibrata con estrema precisione e che andrà studiata a dovere in fase di recensione.





void tRrLM();++ //Void Terrarium++

È di fronte a titoli come void tRrLM();++ //Void Terrarium++ che qualunque giornalista (ma immagino anche qualunque addetto stampa) benedice il creatore del comando copia&incolla. Quello che da questo momento per noi sarà semplicemente “Void Terrarium”, è pronto ad approdare su PS5 (21 maggio solo in edizione digitale) in una versione che, rispetto all’originale Switch/PS4, proporrà una serie di contenuti extra di natura prettamente estetica. Il doppio ++ presente nel titolo sembra infatti essere legato solamente a migliorie al comparto grafico e arricchimento dell’inventario (emote, vestiti, pettinature, malattie…), mentre non dovrebbe subire variazioni di sorta la struttura di gioco. La creatura di Masayuki Furuya (già autore di A Rose in the Twilight e htoL#NiQ: The Firefly Diary) è un titolo dalle due facce, che contrappone un look particolarmente delicato e rilassante a una struttura dungeon crawler piuttosto impegnativa, che riprende tutti i gli elementi tipici del genere. Nemici su nemici in ambientazioni generate in maniera casuale, per un’esperienza di gioco che non brilla per originalità, ma che tutto sommato ha dimostrato di funzionare abbastanza bene.





Continua nella prossima pagina…

Articolo precedente
Returnal roguelike

Returnal: il nostro gameplay dell'esclusiva PS5 – Videoanteprima

Articolo successivo
god of war

God of War e l'arma come simbolo dell'eroe

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata