Terminator: Resistance – Recensione

PC PS4 Xbox One

Con Terminator: Resistance sembra di tornare a cavallo tra gli anni ’90 e la prima decade del 2000, quando all’uscita al cinema di un determinato film si proponevano tanti e diversi tie-in ad accompagnare l’esperienza cinematografica. La storia ha voluto che gran parte di questi titoli finisse per avare un riscontro negativo, tranne qualche sporadica eccezione.

Considerata la presenza di Terminator: Destino Oscuro nelle sale, al di là del valore di quest’ultimo, il gioco ha scelto con cura la finestra d’uscita. Nonostante ciò, è bene togliersi subito il dente, scrivendo a chiare lettere che Terminator: Resistance è lontano dall’essere un ottimo gioco, anche se si tratta di un considerevole passo in avanti per i ragazzi di Teyon; esatto, proprio loro, gli sviluppatori del tanto discusso, e sostanzialmente tremendo, Rambo: The videogame.

IL GIORNO DEL GIUDIZIO

Produzioni come Terminator: Resistance sono ottimi esempi per case studies futuri: come è possibile spendere così tante risorse per ottenere le licenze di simili franchise, per poi mostrare un’inspiegabile pigrizia in fase di progettazione del gioco? Domande che difficilmente troveranno risposta, se non quella che potremmo trovare noi mouse alla mano, in sede di prova.terminator resistance recensione

Considerata la presenza di Destino Oscuro nelle sale, Terminator Resistence ha scelto con cura la finestra d’uscita

Terminator Resistence si presenta come un FPS old school, sostanzialmente nudo e crudo nella sua realizzazione, nonostante le aggiunte che vedremo; fucile in mano, siamo subito pronti a sparare ad ogni cosa che si muove, con un piccolo accenno di meccaniche stealth. La storia è quanto di più semplice si sia mai sentito fino ad ora – il nostro protagonista è braccato dalle macchine di Skynet – anche se va rivolto un plauso a Teyon per aver ambientato e affrontato una linea narrativa del futuro, nel pieno della guerra tra l’esercito robotico e la resistenza umana. Possiamo così vedere le città devastate dal Giorno del Giudizio e interagire con i diversi NPC che, tra scelte a risposte multiple, cambieranno di poco l’esito della nostra storia; gli stessi personaggi ci racconteranno il loro background, così da scoprire sempre più del dettaglio cosa nel punto più cruciale del passato, quando Skynet si è rivoltata contro la specie creatrice. Passato un tutorial dove apprenderemo le azioni chiave del nostro personaggio – il soldato Rivers – verremo immediatamente catapultati in guerriglie urbane contro i T-800 e altri robot da guerra, ovviamente determinati a farci la pelle. È possibile abbattere facilmente droni e similari, mentre per i celebri T-800 dovremo attendere il giusto equipaggiamento; nella fase precedente, il sistema di gioco ci costringe a basilari azioni stealth in cui è bene studiare e memorizzare il percorso di pattuglia dei cyborg, così da riuscire ad aggirarli. Un segnale di localizzazione indicherà quando verremo scoperti, in modo da riorganizzare le nostre azioni e prepararci al peggio.

Va detto, per iniziare a motivare le critiche, che il level design si rivela praticamente inesistente, con i diversi scenari composti di aree esplorabili piuttosto grandi ma anche terribilmente vuote, accanto alla solita manciata di nemici. Ci sono poi fabbriche, ospedali, basi militari e altri edifici da percorrere da cima a fondo, nei quali saremo costretti ad assistere a continui ricicli di asset, dando la sensazione costante di essere sempre nello stesso luogo, per quanto i capitoli narrativi continuino a progredire numericamente. Arrivati a una manciata di ore, quando avremo appreso ogni meccanica, compreso un abbozzato sistema di crafting con le cianfrusaglie trovate in giro, Terminator: Resistance si lascia andare in una strada in discesa, senza veri ostacoli, riproponendo all’infinito una sequela di azioni che non si discostano dal semplicistico obiettivo di muoversi da un punto A a un punto B, abbattendo nel mezzo ogni sorta di nemico.

I’LL BE BACK

Preso nel suo pacchetto completo, Terminator: Resistance riesce comunque riesce a restituire qualche buona sensazione, in particolare con il gunplay; niente di originale o sofisticato, si tratta di un sistema basilare che infonde soddisfazione quando abbattiamo un nemico, magari armati di fucili speciali con cui distruggere finalmente i famigerati T-800, per poi depredare le loro carcasse in cerca di materiali.terminator resistance recensione

Gli scenari riciclano continuamente asset, mentre caratteristiche come crafting e sistema di crescita sono appena abbozzate

Come già accennato, il sistema di crafting è inspiegabilmente povero: potremo creare medikit, munizioni, granate e grimaldelli nei tanti banchi di lavoro disseminati nel gioco, raccogliendo diverse risorse che avranno comunque tutte le stesse caratteristiche, presenti nella mappa in quantità massicce. In questo verso, un’accennata vena da survival viene a mancare quando, dopo un paio di ore di gioco, avremo già creato centinaia di medikit, anche selezionando una difficoltà maggiore a quella standard. È presente anche un sistema di progressione con tanto di skill tree e relative abilità, purtroppo costruito su valori a dir poco approssimati, non restituendo mai la possibilità di creare una vera e propria build su cui specializzarsi, ad esempio se essere un soldato dedito all’attacco frontale o all’approccio stealth e silenzioso.

Accanto a meccaniche di gioco fin troppo banali e scontate, troviamo un comparto grafico che sembra provenire dal passato, vecchio almeno di una generazione. Certo, se mettiamo Terminator Resistence a confronto con altri titoli dello studio, Rambo: The Videogame ma anche i due terribili Heavy Fire, il passo in avanti è ben evidente, ma non abbastanza per giustificare l’acquisto del gioco o esprimere una lode al lavoro fatto.

Terminator: Resistance è un titolo complessivamente mediocre, farcito di tante meccaniche sempre puntellate e mai approfondite, che lo catapultano in quel limbo di giochi che procedono su binari automatizzati, non restituendo mai una sfida appagante o sussulti emozionali. Il prezzo da tripla A, inoltre, rende l’operazione meno accessibile anche solo per soddisfare un naturale senso di curiosità verso il titolo e il franchise a cui fa riferimento.

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • T-800 a gogo.
  • Gunplay non così male.
  • Ambientazione post apocalittica suggestiva.

Contro

  • Comparto tecnico obsoleto.
  • Tante meccaniche, tutte abbozzate.
  • Troppe aree di gioco praticamente vuote.
  • - Frequenti ricicli di asset grafici.
5.7

Insufficiente

Tra un tunnel carpale e l'altro, amo Dwayne "The Rock" Johnson, Independence Day, Destiny e il DC Extended Universe, tutti buoni motivi per farmi odiare.
Voto medio utenti
6.8
2 voti
Voto
Invia
Il tuo voto
0

Password dimenticata