That Dragon, Cancer - Recensione

PC

That Dragon, Cancer è la storia di Ryan e Amy Green, genitori che hanno affrontato il peggiore degli incubi: veder morire il loro figlioletto colpito da una grave forma di cancro sin dai primi mesi di vita. Insieme al programmatore Josh Larson, e finanziati da una campagna Kickstarter di gran successo che ha permesso loro di raccogliere più di centomila dollari, i Green hanno deciso di raccontare la loro storia al mondo. La forma scelta da Larson è quella di un punta e clicca essenziale e la veste grafica quasi sempre allegorica, per un racconto che segue i pensieri di Amy di Ryan ma, sopratutto, del piccolo Joel.

VITE BREVI

That Dragon, Cancer ha la forma di una raccolta di racconti brevi, legati dal terribile percorso che segna l’aggravarsi della malattia di Joel. Ogni capitolo, da quelli più onirici a quelli più spietati e reali, ha a che fare con uno stadio diverso della malattia del bambino. Per mantenere il tutto il più tollerabile possibile nei momenti più difficili, That Dragon, Cancer fa ricorso a un linguaggio allegorico. La prima storia è una passeggiata in un parco dai colori tenui, dalle sfumature pastello, col male che penetra nell’idillio dei Green sotto forma di alberi neri che spuntano maligni tra i fusti colorati. Il Sole all’orizzonte tramonta e la risata di Joel si fa più distante. Il tentativo è confrontarsi nel modo più delicato possibile con questioni che altrimenti sarebbero davvero difficili da mandare giù. Anche la regia aiuta, da questo punto di vista, inquadrando con attenzione dettagli specifici e focalizzandosi su certi particolari che, da soli, raccontano ciò che succede in modo perfetto, persino più azzeccato delle parole messe in bocca ai personaggi.

That Dragon, Cancer

That Dragon, Cancer cerca costantemente, e con ogni mezzo, di arrivare al cuore del giocatore

I racconti si susseguono alternando sessioni da punta e clicca a momenti in cui That Dragon, Cancer propone dei minigiochi purtroppo poco riusciti, utili a staccare da una narrazione a volte troppo statica, ma decisamente goffi nell’esecuzione. Il ruolo attribuito al giocatore è quello di spettatore: le libertà lasciate a chi muove il mouse riguardano la possibilità di indugiare o meno nell’ascolto dei dialoghi tra i personaggi, ma senza permettere niente di più. Si assiste impotenti a quello che succede sullo schermo, a voler sottolineare con crudeltà l’impotenza dei Green davanti alla tragedia.

RACCONTO INTERATTIVO

Se dovessimo analizzarlo dal punto di vista ludico, That Dragon, Cancer ne uscirebbe con le ossa rotte. Parliamo di un concept ancora più essenziale di un walking simulator à la Stanley Parable: al giocatore è permesso solo di cliccare per spostarsi, e magari indugiare nell’esplorazione degli oggetti dello scenario; non c’è una sfida, non c’è un percorso, non c’è modo di vincere o perdere. Ogni tanto il gioco ci illude di dover risolvere un puzzle, eppure la narrazione prosegue lo stesso, passato un certo lasso temporale.

That Dragon, Cancer cerca costantemente, e con ogni mezzo, di arrivare al cuore del giocatore. Di certo l’argomento trattato dal titolo è spietato, capace di sconquassare lo stomaco di chiunque si approcci all’opera, ma si potrebbe allo stesso tempo giudicarlo con un po’ di malizia per il percorso diretto che imbocca praticamente subito verso la sensibilità e l’umanità del giocatore. L’esperienza, in questo caso si fa fortemente personale: ho trovato delle sessioni del gioco addirittura stucchevoli, anche e soprattutto per via della forte morale religiosa che cerca di inserire in modo strisciante nella lettura dell’opera. Nell’arco di qualche capitolo That Dragon, Cancer diventa una vera e propria parabola religiosa in cui la fede viene esaltata come unica vera consolazione possibile di fronte alla disperazione. Il processo mentale con cui si giudica un titolo come questo riguarda un’ulteriore scrematura: da ateo convinto sono stato infastidito dalla ingombrante presenza religiosa, ma per qualcun altro potrebbe essere assolutamente tollerabile e giustificabile. A seconda di come vi fa reagire la storia dei Green (che vi faccia venire la pelle d’oca o che non vi interessi affatto), il gioco sarà più o meno valido: d’altronde c’è davvero poca ciccia da spolpare attorno.

That Dragon, Cancer

Nell’arco di qualche capitolo That Dragon, Cancer diventa una vera e propria parabola religiosa

That Dragon, Cancer è stato salutato come una novità dolorosa ma necessaria per un medium che troppo spesso è cucito addosso all’intrattenimento becero, ma è davvero quello di cui abbiamo bisogno? Di un titolo incastrato in quel limbo indecifrabile e imprevedibile che è la sensibilità personale senza nient’altro attorno? Dal mio punto di vista c’è stato un momento esatto in cui ho perso la presa sulla storia dei Green e non sono più riuscito a riemergere. Credo che il Drago del titolo sia un mostro che ognuno combatte a modo suo, e non c’è davvero possibilità di confrontarsi con l’idea del lutto e della sofferenza altrui tracciando una linea comune. Se dovessi giudicare That Dragon, Cancer per l’esperienza che intende regalare al giocatore, allora sarebbe un titolo che riesce nel suo compito solo a metà: quando mantiene l’equilibrio è toccante ed estremamente umano; quando osa e alza l’asticella (come nei terribili minigame) spesso fallisce il salto. D’altronde, porsi come obiettivo il racconto di sentimenti così complessi, contrastanti e indecifrabili, è coraggioso ma davvero difficile da archiviare.

Un titolo quasi impossibile da valutare secondo canoni oggettivi: la struttura è, mai come in questo caso, ridotta all’osso e la storia si affida totalmente alla sensibilità personale. Per quanto la vicenda narrata sia toccante e capace di trasportarti in un incubo con grande efficacia nei momenti migliori, in altri l’entusiasmo si smorza per sezioni non proprio brillanti né dal punto di vista dell’interfaccia, che purtroppo spesso risulta poco leggibile, né dal punto di vista della scrittura.

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Originale e coraggioso.
  • Racconta una storia toccante e umana.

Contro

  • Non lo fa sempre in modo brillante.
  • A volte l’interfaccia è poco leggibile.
7.5

Buono

Avete presente quelle persone che sembrano un po’ ciula, ma poi non lo sono affatto? Ecco… non è il caso di Fabio, battezzato in tanti di quei modi da fare il giro (scegliete voi tra De Luigi, Stefano Accorsi o Stanis). Per lo meno ci mette l’anima, nonostante proprio non gli riesca di pronunciare “pala eolica” come a tutti i comuni mortali.

Password dimenticata