TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora - Pagina 657

Pagina 657 di 845 PrimaPrima ... 157557607647655656657658659667707757 ... UltimaUltima
Risultati da 13.121 a 13.140 di 16887

Discussione: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

  1. #13121
    Senior Member L'avatar di TeoN
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Amstelveen
    Messaggi
    4.625
    Gamer IDs

    Steam ID: teon72

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    curiosita'

    Legalmente non era vietato fotografare strutture militari ? E dato che la caserma in questione risulta domicilio del militare, non e' violazione della privacy ?



    Un Uomo non educato dal dolore rimane sempre bambino
    Thomas Mann

  2. #13122
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da TeoN Visualizza Messaggio
    E dato che la caserma in questione risulta domicilio del militare, non e' violazione della privacy ?
    la prima non so. la seconda mi pare l'abbiano già esaminata al tempo in cui col teleobiettivo fotografavano nel giardino delle ville berlusconiane le effusioni con le donnine, e la conclusione era stata che se da fuori si vede non è una violazione della privacy. credo di ricordare, almeno.
    peraltro mi par ridicolo parlare di privacy quando l'alato vessillo è appeso in una camerata in cui dormono PIU' persone. se vuoi la privacy lo appendi dentro al tuo armadietto.

    Citazione Originariamente Scritto da caesarx Visualizza Messaggio
    Quali sarebbero le balle e quali quelle a livello.


    i due bluff sono ovviamente il prestigio internazionale (ricordi le inique sanzioni? altro che prestigio, nel bluff erano caduti gli angloamericani, che speravano di usare l'italia per fare da contrappeso a hitler, ma il bluff del mussolini statista è durato lo spazio d'un battito d'ali nel 38 e crollato subito. già nel '40 prima ancora delle nostre prime figuracce ci si permetteva di dipingere napoloni il pallone gonfiato nel grande dittatore, e non certo solo lì) e la fine della mafia (che non era affatto finita, se pure è vero che mori le aveva assestato duri colpi, primo glieli aveva dati per iniziativa sua e non certo per volere fascista, non a caso quando i risultati si fecero eclatanti gli fu applicato il più classico dei promoveatur ut amoveatur).
    per quel che riguarda le opere pubbliche (e le pensioni, altro merito che spesso viene tirato in ballo in tema di "bilanciamento"), ti sembra che in italia non si facciano opere pubbliche (e non si eroghino pensioni)? e quanto alle infrastrutture, secondo me non si ha proprio idea di come erano, le infrastrutture nell'epoca fascista, con le strade in terra battuta, le linee ferroviarie qua e là, senza acquedotti nè rete elettrica nelle case. abbiamo costruito autostrade, reti elettriche, dell'acqua e del gas, ponti, strade, davvero si pensa che l'italia è poco infrastrutturata? è sotto la repubblica che c'è stato il boom industriale, al contrario tecnologicamente l'italia fascista era arretrata assai e fondamentalmente rurale (e anche lì quasi per nulla meccanizzata): con lo scoppio del conflitto lo si è visto fin troppo bene, visto che il nostro paese è l'unico tra i grandi contendenti a non aver avuto una produzione bellica con numeri degni di tal nome. non fu un caso.



    al di là dei giudizi ideologici che si possono dare, è proprio l'idea che in quei vent'anni gli italiani fossero improvvisamente stati qualcosa di diverso da quello che erano sempre e sono poi sempre stati, che è ridicola.
    per dire, dopo l'evacuazione della sicilia (terminata il 17 agosto del '43), ai reduci era stata assegnata un'apposita tessera annonaria che comprendeva una razione di pane maggiorata: i falsari lavorarono così in fretta che già il 4 settembre (NB: con l'italia ancora alleata), l'ambasciatore tedesco si chiedeva sarcasticamente dove gli alleati avessero trovato uno spazio libero per lo sbarco, con tutte le tessere da reduce che giravano a roma
    gli italiani erano quelli lì anche sotto il fascio, il quale stava sopra proprio perchè al riparo dai riflettori era ben diverso da come fingeva di essere in pubblico; e di episodi rivelatori ce ne sono di ben più tragici (il più tragico e rivelatore di tutti forse è quello delle divisioni autotrasportabili, 100mila morti per una parolina furbetta inventata da qualche burocrate del ministero della guerra).
    Ultima modifica di Ronin; 04-12-17 alle 13:17

  3. #13123
    Senior Member
    Data Registrazione
    Mar 2016
    Messaggi
    706

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da MDG Visualizza Messaggio
    Che poi comunque è un nonsense tutto nostro... a maggior ragione con la legge lettorale che ci troviamo senza premi di maggioranza (... vero? mi sono un po' perso col rosatellum...): praticamente stando ai sondaggi l'inciucio è obbligatorio e l'incarico di formare un governo sarà affidato ad un profilo anonimo che accontenterà più o meno tutti...
    Anche questo è già stato anticipato... Tant'è che sia Salvini che la Meloni continuano a ripetere "No alleanze col PD o con Alfano". Come mai?
    Il fatto è che con questa legge elettorale e con i voti attuali l'inciucio è d'obbligo ed il panorama sarà sempre il solito degli ultimi 5 anni: M5S primo partito ma vincerà una coalizione di cdx o csx (probabilmente cdx ma non importa) che però non avrà i numeri per governare. Ecco che il cdx o il csx andrà a dar man forte al governo.
    Basta guardare i gruppi interni alle coalizioni: i sinistri si son cavati fuori dal PD per fare bella faccia nel momento in cui Berlusconi andrà a rimpolpare le fila del governo di csx. Allo stesso tempo Lega e FI hanno già detto di non accettare accordi col csx.
    Insomma, potrei scommetterci il centone che va a finire così, perchè l'M5S al governo da solo non ci andrà mai sia perchè gli mancano i voti sia perchè abdicherebbe istant perchè è un partito di protesta e non di governo...

  4. #13124
    Senior Member L'avatar di caesarx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Nel Villaggio dell'Emiro, con la speranza di scappare
    Messaggi
    3.900

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    la prima non so. la seconda mi pare l'abbiano già esaminata al tempo in cui col teleobiettivo fotografavano nel giardino delle ville berlusconiane le effusioni con le donnine, e la conclusione era stata che se da fuori si vede non è una violazione della privacy. credo di ricordare, almeno.
    peraltro mi par ridicolo parlare di privacy quando l'alato vessillo è appeso in una camerata in cui dormono PIU' persone. se vuoi la privacy lo appendi dentro al tuo armadietto.





    i due bluff sono ovviamente il prestigio internazionale (ricordi le inique sanzioni? altro che prestigio, nel bluff erano caduti gli angloamericani, che speravano di usare l'italia per fare da contrappeso a hitler, ma il bluff del mussolini statista è durato lo spazio d'un battito d'ali nel 38 e crollato subito. già nel '40 prima ancora delle nostre prime figuracce ci si permetteva di dipingere napoloni il pallone gonfiato nel grande dittatore, e non certo solo lì) e la fine della mafia (che non era affatto finita, se pure è vero che mori le aveva assestato duri colpi, primo glieli aveva dati per iniziativa sua e non certo per volere fascista, non a caso quando i risultati si fecero eclatanti gli fu applicato il più classico dei promoveatur ut amoveatur).
    per quel che riguarda le opere pubbliche (e le pensioni, altro merito che spesso viene tirato in ballo in tema di "bilanciamento"), ti sembra che in italia non si facciano opere pubbliche (e non si eroghino pensioni)? e quanto alle infrastrutture, secondo me non si ha proprio idea di come erano, le infrastrutture nell'epoca fascista, con le strade in terra battuta, le linee ferroviarie qua e là, senza acquedotti nè rete elettrica nelle case. abbiamo costruito autostrade, reti elettriche, dell'acqua e del gas, ponti, strade, davvero si pensa che l'italia è poco infrastrutturata? è sotto la repubblica che c'è stato il boom industriale, al contrario tecnologicamente l'italia fascista era arretrata assai e fondamentalmente rurale (e anche lì quasi per nulla meccanizzata): con lo scoppio del conflitto lo si è visto fin troppo bene, visto che il nostro paese è l'unico tra i grandi contendenti a non aver avuto una produzione bellica con numeri degni di tal nome. non fu un caso.



    al di là dei giudizi ideologici che si possono dare, è proprio l'idea che in quei vent'anni gli italiani fossero improvvisamente stati qualcosa di diverso da quello che erano sempre e sono poi sempre stati, che è ridicola.
    per dire, dopo l'evacuazione della sicilia (terminata il 17 agosto del '43), ai reduci era stata assegnata un'apposita tessera annonaria che comprendeva una razione di pane maggiorata: i falsari lavorarono così in fretta che già il 4 settembre (NB: con l'italia ancora alleata), l'ambasciatore tedesco si chiedeva sarcasticamente dove gli alleati avessero trovato uno spazio libero per lo sbarco, con tutte le tessere da reduce che giravano a roma
    gli italiani erano quelli lì anche sotto il fascio, il quale stava sopra proprio perchè al riparo dai riflettori era ben diverso da come fingeva di essere in pubblico; e di episodi rivelatori ce ne sono di ben più tragici (il più tragico e rivelatore di tutti forse è quello delle divisioni autotrasportabili, 100mila morti per una parolina furbetta inventata da qualche burocrate del ministero della guerra).
    E io che perdo tempo....

    ...non cambiare discorso come al solito, l'Italia fascista la devi mettere a confronto con quello che c'era prima, e non con quello che venne dopo (dovuto in grandissima parte, Fra l'altro, alla particolare congiuntura economico/politica post seconda guerra mondiale).
    Il fascismo prese un'accozzaglia di regioni e tentò di farne uno stato, con alterne fortune.

    Grazie ar cazzo che dopo il 40 Mussolini era vittima di satira, c'era la guerra.


    Io NON sto dicendo che la dittatura sia un bene, dico solo che capisco chi, nello stato attuale di incertezza, aneli al leader forte.
    ...there's no need to say thank you, the best way to say it is beeing here and fight with us. - Skip

  5. #13125
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da caesarx Visualizza Messaggio
    ..non cambiare discorso come al solito, l'Italia fascista la devi mettere a confronto con quello che c'era prima, e non con quello che venne dopo
    no, scusa, eh, chi cambia discorso non sono certo io. abbiamo iniziato dal chiederci perchè in questi ultimi anni c'è una recrudescenza dell'ideologia di estrema destra.
    è evidente che se uno in testa c'ha come idea che sarebbe meglio tornare al fascismo (anche solo per alcuni aspetti), è perchè pensa che fosse meglio di oggi, non certo meglio rispetto a crispi e giolitti
    è evidente che per capire perchè uno diventa neofascista oggi, il confronto va fatto con l'oggi, sennò nell'estrema sinistra dovrebbero esserci movimenti che sperano nel ritorno di kruscev, perchè in fondo rispetto a stalin era un bel passo in avanti
    PS: nel 1940 gli usa erano neutrali... e comunque già nel 39 perfino churchill (quello che nel bluff cadde più di tutti) aveva capito benissimo l'inconsistenza dell'italia a carte scoperte.

    Citazione Originariamente Scritto da caesarx Visualizza Messaggio
    dico solo che capisco chi, nello stato attuale di incertezza, aneli al leader forte.
    mi è perfettamente chiaro.
    quel che dico io è che il modello è fasullo, perchè non solo il sedicente leader (e a maggior ragione il sistema che lo sosteneva) non era affatto forte come fingeva d'essere, ma anzi all'ombra del profilo imperiale proliferavano faccendieri, corrotti e incapaci esattamente come adesso proliferano all'ombra del tricolore democratico.
    se lo si spiegasse, facendolo vedere con episodi reali e documentati, secondo me farebbe più effetto dei discorsi sulla shoah, sulla dittatura e sulla guerra, che al tempo d'oggi ormai quasi privo di testimoni viventi hanno poca presa.

  6. #13126
    Senior Member L'avatar di abaper
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Pavia, provincia di
    Messaggi
    4.191

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da TeoN Visualizza Messaggio
    curiosita'

    Legalmente non era vietato fotografare strutture militari ? E dato che la caserma in questione risulta domicilio del militare, non e' violazione della privacy ?
    Anche innalzare bandiere di altre nazioni una volta era vietato. Saranno cambiati i tempi.

    Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk

  7. #13127
    Master Control Program
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Firenze
    Messaggi
    5.576
    Gamer IDs

    Gamertag: Recidivo PSN ID: Recidivo Steam ID: Recidivo

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    metticela...
    (anche solo per sommi capi)
    Ma non ne ho nemmeno voglia.
    Di come il soldato del terzo Reich ha stupito il mondo e il bersagliere ha stupito il reich.
    Di come Churchill definì “i leoni della Folgore”.
    All’impresa della cavalleria in Russia, agli aerei Italiani nella battaglia d’Inghilterra, fino alla battaglia di Matapan.

    Non sopporto chi denigra i nostri soldati solo per strumentalizzazione politica.
    Ma proprio mi fa schifo.

  8. #13128
    Senior Member L'avatar di Pinhead81
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    1.764

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Il trasoprto su ferro lo han fatto, poco da dire

  9. #13129
    Senior Member L'avatar di caesarx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Nel Villaggio dell'Emiro, con la speranza di scappare
    Messaggi
    3.900

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    no, scusa, eh, chi cambia discorso non sono certo io. abbiamo iniziato dal chiederci perchè in questi ultimi anni c'è una recrudescenza dell'ideologia di estrema destra.
    è evidente che se uno in testa c'ha come idea che sarebbe meglio tornare al fascismo (anche solo per alcuni aspetti), è perchè pensa che fosse meglio di oggi, non certo meglio rispetto a crispi e giolitti
    è evidente che per capire perchè uno diventa neofascista oggi, il confronto va fatto con l'oggi, sennò nell'estrema sinistra dovrebbero esserci movimenti che sperano nel ritorno di kruscev, perchè in fondo rispetto a stalin era un bel passo in avanti
    PS: nel 1940 gli usa erano neutrali... e comunque già nel 39 perfino churchill (quello che nel bluff cadde più di tutti) aveva capito benissimo l'inconsistenza dell'italia a carte scoperte.



    mi è perfettamente chiaro.
    quel che dico io è che il modello è fasullo, perchè non solo il sedicente leader (e a maggior ragione il sistema che lo sosteneva) non era affatto forte come fingeva d'essere, ma anzi all'ombra del profilo imperiale proliferavano faccendieri, corrotti e incapaci esattamente come adesso proliferano all'ombra del tricolore democratico.
    se lo si spiegasse, facendolo vedere con episodi reali e documentati, secondo me farebbe più effetto dei discorsi sulla shoah, sulla dittatura e sulla guerra, che al tempo d'oggi ormai quasi privo di testimoni viventi hanno poca presa.
    Mi fai morire...


    Ma grazie ar ca... che uno non vuole tornare agli anni trenta Dio bono, non è che se i francesi pensano alla grandeur napoleonica pensano al pisciare sugli arazzi ed andare in giro con le carrozze.
    Si idealizzato il modello e lo si vorrebbe applicato all'età attuale, così come il fascismo rappresentò (sotto certi aspetti) un miglioramento per l'Italia di allora si spera che un nuovo ducetto possa portare ordine in questo bordello.

    Poi, che sia una falsa speranza, siamo d'accordo ma, ti ripeto, il modello uomo forte al comando ha un appeal intrinseco per la nostra cultura.
    Ultima modifica di caesarx; 04-12-17 alle 18:33
    ...there's no need to say thank you, the best way to say it is beeing here and fight with us. - Skip

  10. #13130
    Senior Member L'avatar di caesarx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Nel Villaggio dell'Emiro, con la speranza di scappare
    Messaggi
    3.900

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da abaper Visualizza Messaggio
    Anche innalzare bandiere di altre nazioni una volta era vietato. Saranno cambiati i tempi.

    Inviato dal mio ASUS_Z00AD utilizzando Tapatalk
    Non è una bandiera di un'altra nazione, è la bandiera da guerra della marina...
    ...there's no need to say thank you, the best way to say it is beeing here and fight with us. - Skip

  11. #13131
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Recidivo Visualizza Messaggio
    Non sopporto chi denigra i nostri soldati solo per strumentalizzazione politica.
    no, guarda, proprio no.
    a parte che essere schifato da te potrebbe costituire semmai un vanto; ma invece io ho di te grande compassione.
    a parte che per "strumentalizzare politicamente" qualcuno bisogna essere candidati a qualche ruolo politico, cosa che non sono.
    a parte che in quello che dici mischi episodi straordinari, atti singoli di eroismo insignificanti nell'economia generale delle operazioni, e veri e propri disastri che gridano vendetta, ce ne sarebbe materia per discussioni storiche. e potrei citare eventi e fatti anche più straordinari di quelli riportati.
    ma dov'è che avrei denigrato "i soldati italiani"? tra i nostri concittadini ci sono stati eroi, c'è stata gente che ha fatto il proprio dovere, e poi ci sono stati anche criminali e imboscati, e cialtroni doppiamente criminali, come quelli degli episodi che ho citato, in particolare tra gli ufficiali superiori (unanimente considerati non all'altezza dei loro sottoposti), ma non solo.
    e compatisco chi pensa che facendo emergere certi fatti si denigrano i soldati; semmai sono proprio loro, i primi traditi dal pelatone e dalla sua accolita di cialtroni medagliati, mandati a morire sui campi di battaglia di mezzo mondo con armi e mezzi inadeguati al loro coraggio. o no?

    questo approccio mitizzante per cui i "nostri ragazzi dal cuore grande grande" non si devono toccare è lo stesso identico approccio decerebrato (l'approccio, non le persone) che ha trasformato la resistenza da fondamento dei valori di una nazione a spettacolo di marionette, e che ha causato rigetto dell'idea di patria per tante persone per decenni (fino a ciampi, più o meno). invece no, responsabilità, colpe e meriti vanno distribuiti con cognizione di causa e capacità di distinzione (e ricerca storica rigorosa: ma di quella ce n'è a bizzeffe, basta volerla vedere).
    l'angolo WWII nel nuovo forum non esiste più, ma in centinaia di discussioni di quello vecchio ho dato prova di quanto siano approfondite le mie conoscenze storiche in merito; perciò rivendico il diritto di essere capace di distinguere i casi singoli.

    Citazione Originariamente Scritto da caesarx Visualizza Messaggio
    Poi, che sia una falsa speranza, siamo d'accordo ma, ti ripeto, ilmodellouomo forte al comando ha un appeal intrinseco per la nostra cultura.
    e penso che concordiamo.
    questo appeal non viene certo meno mostrando dove va a finire la barca guidata dall'uomo "forte", e quanta gente annega come conseguenza del suo e dei suoi scherani "comando", è un fatto.
    la mia opinione è che potrebbe venire meno se si facesse vedere che quella non solo non era forza, ma tantomeno comando, appunto.
    Ultima modifica di Ronin; 04-12-17 alle 18:43

  12. #13132
    Senior Member L'avatar di caesarx
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Nel Villaggio dell'Emiro, con la speranza di scappare
    Messaggi
    3.900

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    no, guarda, proprio no.
    a parte che essere schifato da te potrebbe costituire semmai un vanto.
    a parte che per "strumentalizzare politicamente" qualcuno bisogna essere candidati a qualche ruolo politico, cosa che non sono.
    a parte che in quello che dici mischi episodi straordinari, atti singoli di eroismo insignificanti nell'economia generale delle operazioni, e veri e propri disastri che gridano vendetta, ce ne sarebbe materia per discussioni storiche. e potrei citare eventi e fatti anche più straordinari di quelli riportati.
    ma dov'è che avrei denigrato "i soldati italiani"? tra i nostri concittadini ci sono stati eroi, c'è stata gente che ha fatto il proprio dovere, e poi ci sono stati anche criminali e imboscati, e cialtroni doppiamente criminali, come quelli degli episodi che ho citato, in particolare tra gli ufficiali (unanimente considerati non all'altezza dei loro sottoposti), ma non solo.

    questo approccio mitizzante per cui i "nostri ragazzi dal cuore grande grande" non si devono toccare è lo stesso identico approccio decerebrato (l'approccio, non le persone) che ha trasformato la resistenza da fondamento dei valori di una nazione a spettacolo di marionette.
    l'angolo WWII nel nuovo forum non esiste più, ma in centinaia di discussioni di quello vecchio ho dato prova di quanto siano approfondite le mie conoscenze in merito; perciò rivendico il diritto di essere capace di distinguere i casi singoli.
    Gli ufficiali superiori ronin, gli ufficiali superiori. Tra i subalterni ed i capitani stavamo messi al pari degli altri.
    Il problema era, ed è ancora, la selezione...
    ...there's no need to say thank you, the best way to say it is beeing here and fight with us. - Skip

  13. #13133
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da caesarx Visualizza Messaggio
    Gli ufficiali superiori ronin, gli ufficiali superiori. Tra i subalterni ed i capitani stavamo messi al pari degli altri.
    Il problema era, ed è ancora, la selezione...
    correzione accettata. e credo che sì, il problema di fondo rimanga proprio quello, che di dirigenti che mandano le divisioni autotrasportaBILI in pasto ai russi (=che pensa che basti addomesticare le parole per risolvere i problemi nella realtà) ne incontro a dozzine tutti i giorni.

  14. #13134
    Master Control Program
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Firenze
    Messaggi
    5.576
    Gamer IDs

    Gamertag: Recidivo PSN ID: Recidivo Steam ID: Recidivo

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    no, guarda, proprio no.
    a parte che essere schifato da te potrebbe costituire semmai un vanto; ma invece io ho di te grande compassione.

    No guarda caro, che la vuoi mettere su questo piano, a me fai proprio compassione, uno che non ha mai fatto un cazzo, salvo avere un lavoro statale e fare speculazione edilizia.
    Quindi muto.


    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    ...
    l'angolo WWII nel nuovo forum non esiste più, ma in centinaia di discussioni di quello vecchio ho dato prova di quanto siano approfondite le mie conoscenze storiche in merito; perciò rivendico il diritto di essere capace di distinguere i casi singoli.

    Ma manco per il cazzo.
    Hai dato prova che hai conoscenze scolastiche, che hai letto sui libri. Stop.
    Quindi rimuto anche qui.

    Anzi sai che, ti saluto io.
    Bona.

  15. #13135
    Senior Member L'avatar di Edward Green
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.839

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    no, guarda, proprio no.
    a parte che essere schifato da te potrebbe costituire semmai un vanto; ma invece io ho di te grande compassione.
    a parte che per "strumentalizzare politicamente" qualcuno bisogna essere candidati a qualche ruolo politico, cosa che non sono.
    a parte che in quello che dici mischi episodi straordinari, atti singoli di eroismo insignificanti nell'economia generale delle operazioni, e veri e propri disastri che gridano vendetta, ce ne sarebbe materia per discussioni storiche. e potrei citare eventi e fatti anche più straordinari di quelli riportati.
    ma dov'è che avrei denigrato "i soldati italiani"? tra i nostri concittadini ci sono stati eroi, c'è stata gente che ha fatto il proprio dovere, e poi ci sono stati anche criminali e imboscati, e cialtroni doppiamente criminali, come quelli degli episodi che ho citato, in particolare tra gli ufficiali superiori (unanimente considerati non all'altezza dei loro sottoposti), ma non solo.
    e compatisco chi pensa che facendo emergere certi fatti si denigrano i soldati; semmai sono proprio loro, i primi traditi dal pelatone e dalla sua accolita di cialtroni medagliati, mandati a morire sui campi di battaglia di mezzo mondo con armi e mezzi inadeguati al loro coraggio. o no?
    Qua do pienamente ragiona a Ronin. Gli ufficiali superiori, molto spesso, furono imbarazzanti se non degli autentici criminali.

    Poi anche nel regime c'erano figure molto capaci come Balbo e Beneduce, ma l'ottusità di una buona parte della dirigenza fascista, oltre che una genuflessione avvilente nei confronti dei tedeschi, condusse l'Italia dentro il suo periodo più disastroso della Storia.

    Per il resto il fascino dell'uomo forte esiste in tutte le culture, a seconda del periodo storico. Più le cose si complicano, più la gente cerca qualcuno che sbrogli la matassa.
    I neo-fascisti italiani sono ancora quatto gatti e sarebbero rimasti quattro gatti anonimi se:

    - i mass media italiani non li dipingessero come il nuovo terzo reich in ascesa

    - la sinistra facesse la sinistra, cioè badare e ascoltare le classi più umili

    Invece cosa fanno i mass media di sinistra? Li pompano. Così possono giocare la carta dell'antifascismo.

    Avvilente.
    In nome dell'Equilibrium...

  16. #13136
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Recidivo Visualizza Messaggio
    Hai dato prova che hai conoscenze scolastiche, che hai letto sui libri. Stop
    Ebbene sì lo devo ammettere: non ho partecipato in prima persona

  17. #13137
    Senior Member L'avatar di Edward Green
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.839

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Comunque fatemelo dire. Il fatto che nell'anno 2017 si stia ancora parlando di fascismo e anti-fascismo dimostra la piena decadenza culturale di questo Paese e forse dell'Occidente stesso.

    Ripiegato su se stesso...
    In nome dell'Equilibrium...

  18. #13138
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    francamente la decadenza culturale attuale è trascurabile rispetto a quella che c'è stata quando quei movimenti erano al potere (salvo casi singoli come sempre); a meno che non si intenda "decadenza" nel senso in cui i fascismi stessi lo intendevano, salvo essere smentiti dai fatti (essendo in ultima analisi, stati fatti a pezzi sotto le bombe dei presunti decadenti e subumani, che hanno saputo dimostrare che alla brutta sapevano tener duro tanto quanto la razza eletta ed anzi di più).
    per certi versi l'occidente moderno assomiglia parecchio all'uk dell'appeasement e agli usa dell'isolazionismo, ma penso che se messo alle strette avrebbe identica capacità di reazione.

    d'altro canto quello della dittatura e delle libertà civili è un tema dal quale non credo alcuna società umana potrà mai liberarsi del tutto, perchè le libertà implicano responsabilità di gestione che non tutte le menti sono in grado di assumersi, e pertanto ci sarà sempre (penso) una certa quota di menti che vadano cercando pensatori sostitutivi, oltre che un'altra quota di menti che pensi di pensare già abbastanza loro per tutti quanti. la democrazia (quella moderna, intendo, non la dittatura della maggioranza) è una conquista relativamente recente, e tutt'altro che stabilizzata, comunque.

    infine, per quanto mi riguarda la WWII è stata un'esperienza così estrema che finchè non sarà temporalmente MOLTO più remota di adesso (o finchè non ne seguiranno di più estreme), continuerà a essere paradigmatica dell'essere umano, singolo e aggregato in nazioni, in un senso e nell'altro, perciò continuerà a essere non solo presente, ma anche orientativa nel dibattito culturale (orientativa nel senso di dirimente: recidivo a capo matapan vede eroici marinai che si sacrificano per la patria caduti nel vile agguato del nemico dotato di radar, mentre io invece ci vedo un ammiraglio che manda allo sbaraglio gli incrociatori dove sarebbero bastati cacciatorpediniere, e non paga le conseguenze del suo errore non venendo non dico degradato e mandato sotto corte marziale, ma neppure sbarcato: come si vede dopo settant'anni l'episodio è ancora potentemente attuale, e la sua potente attualità viene dalla carne e sangue dei nostri concittadini).
    Ultima modifica di Ronin; 04-12-17 alle 22:54

  19. #13139
    Senior Member L'avatar di anton47
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    6.139

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da Ronin Visualizza Messaggio
    francamente la decadenza culturale attuale è trascurabile rispetto a quella che c'è stata quando quei movimenti erano al potere (salvo casi singoli come sempre)....
    no
    (N.B.: io sono certamente più antifascista di te)

  20. #13140
    Senior Member
    Data Registrazione
    Feb 2017
    Messaggi
    1.814

    Re: TITANIC II - Il Transatlantico vive ancora

    Citazione Originariamente Scritto da anton47 Visualizza Messaggio
    io sono certamente più antifascista di te
    com'è umano lei

    (e comunque hai una bella voglia a dire che non è vero: oggi abbiamo a disposizione TUTTI i prodotti culturali realizzati in quegli anni, compresi i più controversi e censurati, PIU' i prodotti culturali realizzati nei 70 anni successivi, e con un'INCOMPARABILMENTE maggiore facilità di accesso sia ai secondi che soprattutto ai primi. e ne escono continuamente di nuovi. per tacere dei progressi "puramente" scientifici e delle possibilità espressive rese possibili dalla tecnologia, ad es. in architettura, ovviamente. decadenza culturale quella di oggi dove con un click hai un miliardo di opere letterarie e cento milioni musicali e figurative a tua disposizione a prezzi di saldo, rispetto a un'epoca in cui i libri e i quadri li bruciavano nei roghi, e per il 90%+ della popolazione l'unica cultura disponibile era strettamente controllata e censurata attraverso radio e giornali di partito? non è accettabile neanche come barzelletta)
    Ultima modifica di Ronin; 04-12-17 alle 22:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su