Perché molti terroristi sono laureati in ingegneria??

Risultati da 1 a 5 di 5

Discussione: Perché molti terroristi sono laureati in ingegneria??

  1. #1
    Senior Member L'avatar di Cesarino
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    2.491

    Perché molti terroristi sono laureati in ingegneria??

    http://www.ilpost.it/2016/04/05/terroristi-ingegneri/

    tutto l'articolo




    «Perché qualcuno decide di diventare un terrorista?». È una domanda che tutti ci siamo posti almeno una volta e su cui si interrogano ogni giorno accademici, giornalisti, politici e operatori dei servizi di sicurezza. Siamo ancora lontani dall’aver trovato una risposta certa, ma non siamo nemmeno al punto di partenza, senza un’idea di dove cominciare a cercare. Sappiamo, per esempio, che non esiste una correlazione tra povertà e terrorismo. Sembra esserci invece un legame tra terrorismo ed esclusione sociale, che è una cosa diversa e più difficile da individuare dalla povertà in senso stretto. Sappiamo inoltre che l’instabilità politica aiuta la formazione di gruppi terroristici in una certa zona, così come la presenza di ideologie radicali, siano esse religiose oppure politiche.

    È difficile trovare una risposta chiara, anche perché i percorsi personali che portano una persona ad abbracciare un’ideologia radicale e compiere atti violenti per metterla in pratica sono spesso molto diversi gli uni dagli altri. Sono diventati terroristi gli eredi di grandi famiglie industriali, piccoli criminali delle periferie europee e disadattati alla ricerca di un posto nella società. Ma per quanto diversi gli uni dagli altri, questi percorsi non sono del tutto unici. I terroristi, per esempio, sono quasi sempre maschi e sono quasi sempre giovani. Nel libro “Engineers of Jihad“, appena uscito negli Stati Uniti, due ricercatori, Diego Gambetta, professore all’Università Europea di Firenze, e Steffen Hertog, professore alla London School of Economics, hanno cercato una possibile spiegazione a un’altra caratteristica che molti terroristi hanno in comune: una laurea in ingegneria. Del libro ha parlato in un lungo articolo questa settimana il sito The Chronicle of Higher Education.

    Che molti terroristi avessero un background da ingegneri era un fatto già noto a livello aneddotico. Mohamed Atta, il capo dei dirottatori dell’11 settembre, era un ingegnere. Lo erano Faisal Shahzad e Umar Farouk Abdulmutallab, che tentarono di compiere due attentati, rispettivamente a New York e sul volo Amsterdam-Detroit, tra la fine del 2009 e il 2010. Era un ingegnere Mohammad Youssef Abdulazeez, che nel luglio del 2015 attaccò due installazioni militari nel Tennessee, uccidendo cinque persone. Gambetta e Hertog sono stati primi a mettere insieme dei dati più sostanziosi. Il primo set di dati con cui hanno lavorato riguarda circa 500 estremisti islamici, quasi tutti maschi, che hanno utilizzato mezzi violenti per promuovere la loro ideologia politica dagli anni Settanta ad oggi.

    Dal gruppo, i due ricercatori hanno estratto una lista di 207 laureati: 93, quasi il 45 per cento del totale, aveva studiato ingegneria. Si tratta di un numero molto superiore a quello che ci si aspetterebbe se i terroristi rispecchiassero la distribuzione degli studi superiori nel resto della popolazione. Soltanto il 12 per cento dei laureati nei 19 paesi da cui provenivano i terroristi della lista avevano studiato ingegneria. Non solo: dei 40 terroristi della lista che avevano studiato all’estero, ben 27 erano ingegneri. Esaminando un altro set di dati, che comprende 71 estremisti nati o cresciuti in paesi occidentali, i due ricercatori hanno scoperto che 32 erano ingegneri: di nuovo, quasi la metà. La loro scoperta non è valida soltanto per i gruppi di estremisti islamici: gruppi di neo-nazisti e neo-stalinisti russi, così come quelli di suprematisti bianchi negli Stati Uniti, mostrano tutti un numero sproporzionato di laureati in ingegneria.

    Appurata la prevalenza degli ingegneri tra i terroristi, Gambetta ed Hertog hanno cercato di spiegarne la ragione. La prima cosa che hanno fatto è stata escludere la causa più ovvia: ossia che gli ingegneri vengano reclutati per le loro capacità tecniche, per esempio nella costruzione di detonatori ed esplosivi. I due ricercatori hanno scoperto per esempio che gran parte degli ingegneri nelle liste che hanno analizzato non è stata “reclutata” in un gruppo terroristico, ma si è arruolata volontariamente. Esaminando un’altra lista che comprendeva 228 piani terroristici che coinvolgevano ingegneri, i ricercatori hanno scoperto che soltanto nel 15 per cento dei casi i laureati in ingegneria si sono occupati effettivamente dell’aspetto tecnico della costruzione delle bombe. In gran parte dei casi erano i leader o addirittura i fondatori del gruppo.

    Eliminata la causa più ovvia, restano principalmente altre due possibilità. La prima spiegazione è di natura sociologica. Chi si laurea in ingegneria tendenzialmente ha buone aspettative sulla sua carriera futura: se queste aspettative non dovessero realizzarsi c’è il rischio che la persona in questione subisca un contraccolpo psicologico molto più duro di chi, per esempio, si trova in una condizione economica peggiore ma non ha mai nutrito particolari speranza di migliorarla. Questo meccanismo è noto come “deprivazione relativa”: il fenomeno per cui un desiderio di rivalsa nei confronti della società non nasce dal livello assoluto di difficoltà economica, ma dalla percezione di quanto pensiamo che ci spetti rispetto a quanto effettivamente riceviamo dalla società.

    Questo meccanismo è particolarmente evidente nei paesi in via di sviluppo, soprattutto quelli con economie inefficienti e clientelari, dove le aspettative degli ingegneri vengono tradite da un sistema che privilegia i “raccomandati” di turno e gli alleati del regime. È una teoria già confermata da alcuni studi. Nel libro “Great Expectations and Hard Times“, pubblicato nel 2014, la ricercatrice Sarah Brockhoff sostiene che l’istruzione superiore riduce la propensione al terrorismo nei paesi con istituzioni solide ed economie dinamiche, ma dove la situazione è stagnante e le istituzioni sono oppressive le università possono diventare fabbriche di radicali.

    Per quanto affascinante, però, secondo Gambetta ed Hertog la spiegazione sociologica non è sufficiente. Gli studenti di medicina hanno in genere aspettative alte quanto quelli che studiano ingegneria e, nei paesi in via di sviluppo, le loro speranze vengono altrettanto spesso deluse. Eppure il numero dei medici nei gruppi terroristi è appena superiore a quello che ci si aspetterebbe: non tre o quattro volte più alto come nel caso degli ingegneri. Senza contare che sono diventati terroristi anche ingegneri provenienti da famiglie benestanti e con carriere piene di opportunità, oppure quelli che provengono da paesi con economie relativamente funzionali, come India, Indonesia e Malesia.

    C’è bisogno di un’altra spiegazione, questa volta di natura psicologica. L’ingegneria è una disciplina che attira persone con un certo tipo di mentalità. Secondo Gambetta ed Hertog è possibile che sia la “forma mentis” degli ingegneri a renderli più vulnerabili alla radicalizzazione. Quello che sappiamo di sicuro è che i radicali islamici, come gran parte delle persone con tendenze conservatrici, mostrano spesso la prevalenza di alcuni specifici tratti psicologici: la tendenza ad accettare le strutture gerarchiche, la preferenza per ordine e certezze rispetto ad ambiguità e sfumature, un atteggiamento istintivo di disgusto nei confronti delle esperienze poco familiari. I due ricercatori si sono domandati se questi non siano tratti prevalenti anche tra gli ingegneri.

    La risposta sembra essere sì, anche se la loro ricerca su questo punto è ancora in una fase embrionale (e naturalmente questo non fa di ogni ingegnere un potenziale terrorista). Per scoprire “che tipi sono” gli ingegneri, i due ricercatori hanno utilizzato lo European Social Survey, un serie di sondaggi di opinione su un ampio numero di temi che a partire dal 2001 vengono realizzati in Europa ogni due anni. Studiando le risposte dei laureati su temi come immigrazione, diseguaglianze economiche e atteggiamento nei confronti degli omosessuali, i due ricercatori hanno cercato di capire quanto ogni gruppo di laureati avesse tratti psicologici simili a quelli dei radicali. Gli ingegneri sono risultati i più “conservatori”, seguiti dai laureati in economia. In altre parole, da questo primo studio i due ricercatori concludono che gli ingegneri, mediamente, sembrano il gruppo di laureati che mostra più propensione ad accettare le gerarchie e a interpretare il mondo attraverso categorie nette che mettono le sfumature in secondo piano. E queste sono le stesse caratteristiche che risultano prevalenti anche tra i terroristi.

    Non c’è una risposta sola al perché così tanti ingegneri diventano terroristi, così come non c’è un’unica risposta al perché alcune persone diventano terroristi. Il fenomeno della radicalizzazione violenta è estremamente complesso e multicausale, come gran parte dei processi psicologici. Lo studio di Gambetta ed Hertog aiuta a spiegare quello che è un fenomeno innegabile: l’alto numero di ingegneri che decidono di entrare a far parte di gruppo terroristici. È una scoperta che serve a qualcosa al momento? Probabilmente no. Come ha spiegato Jeffrey I. Victoroff, professore di neurologia e psichiatria alla University of Southern California, ci sono almeno un miliardo di persone al mondo che corrispondono al ritratto disegnato da Hertog e Gambetta: eppure solo una percentuale insignificante di loro diventa un terrorista. Sottoporre a controlli più accurati i laureati in ingegneria o iniziare a sorvegliare le loro facoltà sarebbe sciocco e inutile. Ma lo studio serve comunque ad aggiungere un tassello al complesso quadro della comprensione del terrorismo: e se non altro ci ricorda ancora una volta quanto sia sfaccettato questo fenomeno, e quanto sia lontano dalla realtà chi pensa che per spiegarlo basti individuare un’unica causa, sia essa la povertà, la religione o gli interessi delle grandi potenze.



    la parte ciccia


    C’è bisogno di un’altra spiegazione, questa volta di natura psicologica. L’ingegneria è una disciplina che attira persone con un certo tipo di mentalità. Secondo Gambetta ed Hertog è possibile che sia la “forma mentis” degli ingegneri a renderli più vulnerabili alla radicalizzazione. Quello che sappiamo di sicuro è che i radicali islamici, come gran parte delle persone con tendenze conservatrici, mostrano spesso la prevalenza di alcuni specifici tratti psicologici: la tendenza ad accettare le strutture gerarchiche, la preferenza per ordine e certezze rispetto ad ambiguità e sfumature, un atteggiamento istintivo di disgusto nei confronti delle esperienze poco familiari. I due ricercatori si sono domandati se questi non siano tratti prevalenti anche tra gli ingegneri.

    La risposta sembra essere sì, anche se la loro ricerca su questo punto è ancora in una fase embrionale (e naturalmente questo non fa di ogni ingegnere un potenziale terrorista). Per scoprire “che tipi sono” gli ingegneri, i due ricercatori hanno utilizzato lo European Social Survey, un serie di sondaggi di opinione su un ampio numero di temi che a partire dal 2001 vengono realizzati in Europa ogni due anni. Studiando le risposte dei laureati su temi come immigrazione, diseguaglianze economiche e atteggiamento nei confronti degli omosessuali, i due ricercatori hanno cercato di capire quanto ogni gruppo di laureati avesse tratti psicologici simili a quelli dei radicali. Gli ingegneri sono risultati i più “conservatori”, seguiti dai laureati in economia. In altre parole, da questo primo studio i due ricercatori concludono che gli ingegneri, mediamente, sembrano il gruppo di laureati che mostra più propensione ad accettare le gerarchie e a interpretare il mondo attraverso categorie nette che mettono le sfumature in secondo piano. E queste sono le stesse caratteristiche che risultano prevalenti anche tra i terroristi.

  2. #2
    B1-66ER ¥€$ L'avatar di KymyA
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    7.160
    Gamer IDs

    Gamertag: KymyA PSN ID: KymyA Steam ID: KymyA

    Re: Perché molti terroristi sono laureati in ingegneria??

    Semplicemente perché facendo ingegneria si sbrocca.
    Gli ingegneri che conosco io sono tutti sbroccati di brutto.
    DISCLAIMER: Questo post non invita a commettere reati ne tantomeno ad infrangere la legge. Quanto scritto può essere parzialmente o totalmente falso o frutto della fantasia (malata) dell'autore. L'autore non si assume responsabilità per quanto scritto o sottointeso da questo post.



  3. #3
    B1-66ER ¥€$ L'avatar di KymyA
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    7.160
    Gamer IDs

    Gamertag: KymyA PSN ID: KymyA Steam ID: KymyA

    Re: Perché molti terroristi sono laureati in ingegneria??

    cmq l'altro thread è di 4 minuti prima. vado dillà
    DISCLAIMER: Questo post non invita a commettere reati ne tantomeno ad infrangere la legge. Quanto scritto può essere parzialmente o totalmente falso o frutto della fantasia (malata) dell'autore. L'autore non si assume responsabilità per quanto scritto o sottointeso da questo post.



  4. #4
    INFJ
    Data Registrazione
    Apr 2016
    Località
    Provincia di Napoli
    Messaggi
    572

    Re: Perché molti terroristi sono laureati in ingegneria??

    Citazione Originariamente Scritto da KymyA Visualizza Messaggio
    Semplicemente perché facendo ingegneria si sbrocca.
    Gli ingegneri che conosco io sono tutti sbroccati di brutto.
    ^this.

  5. #5
    B1-66ER ¥€$ L'avatar di KymyA
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    7.160
    Gamer IDs

    Gamertag: KymyA PSN ID: KymyA Steam ID: KymyA

    Re: Perché molti terroristi sono laureati in ingegneria??

    Quanti ingegneri ci sono qui? EH?
    DISCLAIMER: Questo post non invita a commettere reati ne tantomeno ad infrangere la legge. Quanto scritto può essere parzialmente o totalmente falso o frutto della fantasia (malata) dell'autore. L'autore non si assume responsabilità per quanto scritto o sottointeso da questo post.



Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su