Alain Damasio - L'Orda del vento

Risultati da 1 a 8 di 8

Discussione: Alain Damasio - L'Orda del vento

  1. #1
    Tano
    Guest

    Alain Damasio - L'Orda del vento

    L'orda del vento
    Alain Damasio


    Titolo: L' orda del vento
    Titolo originale: la horde du contrevent
    Autore: Alain Damasio
    Traduttore: Lionetti C.
    Editore: TEA
    Collana: Teadue
    Data di Pubblicazione: Giugno 2011
    ISBN: 8850225237
    ISBN-13: 9788850225231
    Pagine: 624
    Formato: brossura
    Prezzo: €10




    Quarta di copertina
    L’Orda del Vento è un romanzo unico, imparagonabile a nessun altro. Racconta la storia di una terra circondata dai ghiacci e spazzata da un vento che cambia sempre forza, intensità e direzione. Ma non smette mai di soffiare. Costante e implacabile. Racconta la storia della 34a Orda, e dei suoi ventidue membri decisi a scoprire l’origine del vento. Un’impresa che dura da otto secoli (delle 33 Orde precedenti si è persa ogni traccia). Questa Orda però è diversa: ha già attraversato la città in cui scorre un fiume di vento; si è già sottratta alla morte superando vortici e cicloni; è arrivata più in là di qualsiasi altra Orda.
    L’Orda del Vento è un romanzo speciale, un «romanzo-mondo» che comincia a pagina 625 e finisce a pagina 0. Un romanzo che, come ha scritto Le Monde, «afferra il lettore alla prima pagina e non lo lascia più fino all’ultima. E poi rimane dentro per sempre. Un capolavoro».
    In origine ,il movimento fu , <vento- e>.
    Poi l'universo ,prese forma, sino ,
    alla vita, sino a voi.

    Alain Damasio pare sia una specie di eremita, uno che è tipo uscito da una delle più prestigiose scuole di economia del vecchio continente e ha deciso che voleva scrivere per guadagnarsi il pane.
    E ha scritto l'orda del vento, e ha preso un tale, Arno Alyven e gli ha fatto comporre la colonna sonora, che in originale era allegata al libro.
    E si è inventato un mondo strano in cui le leggi fisiche, la vita l'universo e tutto quanto sono plasmate, sono diretta e indiretta emanazione di un unica forza primigena: il vento.
    E ci ha piazzato 23 personaggi, ognuno contrassegnato da un glifo tatuato sulla scapola, ognuno voce narrante del Viaggio.
    E i 23 sono la 34°Orda del controvento, e contrano, sempre, e con tutto il corpo, e la traccia che seguono e la più diretta possibile, perchè sono i migliori, e perchè il tracciatore è Golgoth, nono del suo nome, e sulla sua schiena porta tatutato il mondo.
    L'orda parte da Aberlaas, che è il Fondo e risalgono il vento, per scoprire da dove Tutto origina.
    Sov Strochnis lo scriba, principale voce narrante, anima del gruppo, Caracollo il trovatore, il personaggio più folle, enigmatico e misterioso del libro, Erg Machaon, "macaco" il guerriero protettore dell'orda dalle capacità sovraumane, Oroshi, l'aeromastra figlia della leggendaria Matzukaze, il principe Pietro della Rocca e tanti altri compongono una coorte di uomini e donne votate a una missione, ormai quasi anacronistica, perchè la tecnologia li ha ormai superati, letteralmente.
    E il vento soffia, sempre, contrario e implacabile, e devono contrare, tutti insieme devono fendere il vento e andare avanti, giorno dopo giorno, sempre col vento in faccia.


    L'Orda del vento è un romanzo strano, non per tutte le stronzate che trovate scritte nelle quarte di copertina, non perchè ci sono i glifi o perchè l'autore si è inventato un sistema di notazione del vento tutto suo.
    E neanche perchè inizia a pagina 624 e finisce a pagina 0, in fondo anche survivor lo faceva.
    L'Orda del vento è un libro strano perchè dentro ha un mondo alieno, dominato da leggi fisiche diverse, un libro con tante anime, tanti "vivi".
    E non fa niente se il finale è quello che iniziate a sospettare da un terzo del libro e che trova praticamente conferma 200 pagine prima della fine.
    Perchè non è la meta finale, l'estrema vetta, ciò che importa, quel che importa è il viaggio, perchè qualsiasi aeroscivolante può arrivare a Norshka in pochi mesi, ma solo un'Orda con le palle, solo un'Orda con trent'anni di Vento contro la faccia e nelle ossa, può essere degna di scoprire le 9 forme del vento e ciò che c'è laggiù, alla fine.
    Si contra solo col corpo, il resto sono stronzate da obliqui, saltimbanchi freoli o rintanati.

    GIUDIZIO FINALE
    PRO:
    + ambientazione e background incredibilmente affascinanti, misteriosi, alieni
    + tanti personaggi ma tutti ben caratterizzati

    CONTRO:
    - alcuni passaggi un po' criptici
    - l'autore talvolta si lascia andare a momenti di :guardacomesonofigoguardacomescrivobene: , i risultati però non sono sempre all'altezza


    edizione/copertina: ***/5 bella copertina, niente cd (evvabbè), ma neanche niente segnalibro, per il resto il solito tea
    stile di scrittura: ***/5
    storia vera e propria: ****/5
    globale: ****/5


    cosa ci somiglia: non mi viene in mente niente
    dello stesso autore: bho, credo che sia il suo unico libro pubblicato in Italia
    configurazione minima: un minimo di amore per i romanzi di Avventura, di Formazione, per il Viaggio e per il Vento
    configurazione consigliata: Verne per assonanza







    compattate il vostro vivo, giù la testa e trattenete il respiro

    " ^ :"^ "^ ... !°... ; (...) '^ "^ ! ! !° !!!o!!!!....!-!? O O O

  2. #2
    Tano
    Guest
    una delle poche recensioni abbia mai scritto, vaffanculo me la porto con me

  3. #3
    Il filosofo dei giochini L'avatar di Nevade
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    953
    Bravo Tano.

    Il nostro :Vodcast - Le mie rece su ShelterNetwork -La mia musica come Ngf

  4. #4
    Kallor
    Guest
    Lo sto giusto rileggendo, gran libro

  5. #5
    Senior Member L'avatar di franksinasce
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    120

    Re: Alain Damasio - L'Orda del vento

    mi ha sempre incuriosito, lo cercherò presto

  6. #6
    Senior Member L'avatar di Triplete
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    149

    Re: Alain Damasio - L'Orda del vento

    un ottimo libro, come detto unico, è solo questo è un buon motivo per leggerlo.
    Da come lo ricordo un pò complesso all'inizio capire chi e di chi si stia parlando, con quell'utilizzo dei simboli al posto dei nomi, ma pian piano tutto diventa abitudine e diventa una particolarità che ti fa entrare ancor più in sintonia con l'orda.
    Da leggere assolutamente

  7. #7
    Cylon Spietato L'avatar di sava73
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Località
    Roma
    Messaggi
    450

    Re: Alain Damasio - L'Orda del vento

    tra l'altro una recensione scritta col format ufficiale
    sava73 ultimamente ha giocato a:

  8. #8
    14,545 L'avatar di Frigg
    Data Registrazione
    Jan 2016
    Messaggi
    4.729

    Re: Alain Damasio - L'Orda del vento

    capolavoro

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Chi Siamo
Forum ufficiale della rivista The Games Machine
Seguici su