Deep Rock Galactic Survivor

Deep Rock Galactic: Survivor

PC

Deep Rock Galactic: Survivor – Anteprima

I piani alti si sono chiesti una cosa: e se invece di mandare quattro nani a scavare nelle profondità, ne mandassimo uno solo ma con più armi? Il risultato di questo esperimento è Deep Rock Galactic: Survivor.

Sviluppatore / Publisher: Funday Games / Ghost Ship Publishing Prezzo: 9,99€ Localizzazione: Testi Multiplayer: Assente PEGI: ND Disponibile Su: PC (Steam) Data di Lancio: Già disponibile (Accesso Anticipato)

Quello dei “survivor-like” o “auto-shooter” o “reverse bullet hell”, o come accidenti lo volete chiamare, è un genere che, dopo quel Vampire Survivors che a inizio 2022 ci ha presi tutti di sorpresa, ha segnato un nuovo trend di mercato. Scorrete le pagine del negozio di Steam ed è tutt’altro che difficile trovarsi di fronte nuovi giochini che fanno del farci vedere numerini sempre più grandi, del riempire lo schermo di proiettili e di sessioni di gioco della durata di circa mezz’ora il loro credo.




Fra questi, da poco arrivato in Accesso Anticipato su Steam, c’è anche Deep Rock Galactic: Survivor, spinoff del gioco cooperativo con i nani di Ghost Ship Games (da non confondere con l’altro spinoff, cioè Rogue Core).

DEEP ROCK GALACTIC SURVIVOR È… SEMPLICE

Il concetto alla base di Deep Rock Galactic: Survivor è, come per praticamente tutti gli appartenenti a questo genere, molto semplice. Si scende in una caverna generata casualmente, si ammazzano nemici con armi che sparano per conto loro, si raccoglie l’esperienza, livellando sblocchiamo altre armi (ogni 5 livelli, massimo quattro in totale) e potenziamenti di vario tipo. L’obiettivo è scendere sempre più in profondità e arrivare a sconfiggere la Dreadnought, un insetto corazzato grande quanto una villetta a schiera. Ora, quello che hanno fatto più o meno tutti gli emuli di Vampire Survivors, in cui la formula era veramente essenziale – ma non per questo meno efficace – è stato aggiungere cose: per esempio, in 20 Minutes Till Dawn le armi non sparano per conto loro, siamo noi a dover mirare e sparare. Death Must Die aggiunge un layer di loot ed equipaggiamento preso dai più classici degli hack ‘n slash.

Deep Rock Galactic Survivor

Scava, nanetto, scava! Ne va della tua vita!

POSSIAMO SCAVARE ALL’INTERNO DEI LIVELLI, UTILE PER CREARSI VIE DI FUGA!

Deep Rock Galactic: Survivor, invece, non poteva fare altro che prendere ispirazione dal suo fratellone maggiore (anche se, a giudicare dal numero dei giocatori, paradossalmente il rapporto potrebbe invertirsi). E così, anche qui il nostro nano può scavare all’interno dei livelli, utile per raccogliere risorse preziose – Oro e Nitra da usare durante la missione, il resto al di fuori, per la progressione orizzontale – ma anche per scavarsi una via di fuga da una ondata di insetti non molto amichevoli. Una pratica a cui ci troveremo spesso a fare ricorso: se nei giochi di questo genere capita di arrivare a un punto in cui possiamo letteralmente stare fermi e lasciare che le armi facciano il loro lavoro, così non succede in Deep Rock Galactic: Survivor. Continuare a muoversi è una necessità costante, e a volte l’unica via di fuga è… attraverso una parete rocciosa!

GOT A PEBBLE IN MY BOOT!

Quello di Funday Games è, già in questa versione in Accesso Anticipato e dunque non completa di contenuto e soggetta a modifiche, un gioco che indiscutibilmente fa bene il suo mestiere; anzi, è se non altro l’ennesima riprova di quanto questo genere riesca davvero con in teoria così poco a farti passare ore incollato allo schermo. Qualche osservazione mi sento di muovergliela, però. Per esempio: mano a mano che otteniamo potenziamenti per le armi, queste saliranno di livello. Salire di livello di per sé non fa nulla, ma raggiunti certi traguardi (6, 12 e 18) potremo scegliere fra due “Overclock” per l’arma. Il problema è che prima di poter sbloccare gli Overclock dovremo portare una volta l’arma fino a livello 12; questo significa dover “sprecare” run a fare investimenti in maniera non ottimale, e non è neanche detto che nel corso di una run si riesca a portare più di un’arma fino al livello 12.

LA NECESSITÀ DI SBLOCCARE GLI OVERCLOCK OBBLIGA A RUN POCO OTTIMALI

Inoltre, questi Overclock sono spesso poco interessanti e identici fra le varie armi; per carità, aumentare del 25% rateo di fuoco e velocità di ricarica non è certo una brutta cosa, ma resta un semplice buff numerico piuttosto di una scelta intrigante. Anche una delle meccaniche di gioco non mi convince troppo, e cioè: alla fine di ognuno dei primi quattro sottolivelli della missione che stiamo affrontando, dovremo sconfiggere un miniboss (che è semplicemente un nemico normale ma più grande e con più vita). Il problema è che più tempo ci mettiamo a sconfiggere il miniboss, più forti diventeranno i nemici all’interno del sottolivello. Da un lato, scelta comprensibile per evitare che qualcuno si limiti a portarlo a spasso mentre nel frattempo ripulisce tutto il livello dalle risorse; dall’altro, è una decisione che finisce per penalizzare ulteriormente chi già non sta avendo una run particolarmente felice, rendendo ancora più remota la possibilità di recuperare.

Deep Rock Galactic Survivor

Prima di farci mandare il pod di support dovremo liberare la zona dalle rocce… ma a volte arriva in posizioni meno simpatiche di altre!

GIÀ IN ACCESSO ANTICIPATO, DEEP ROCK GALACTIC SURVIVOR VALE IL PREZZO DEL BIGLIETTO

Detto questo, comunque, Deep Rock Galactic: Survivor è sicuramente un buon gioco, tra l’altro per un prezzo tutt’altro che elevato (9,99€; plausibile che aumenti in vista del lancio, però). C’è una bella varietà di stili di gioco, garantita dalle quattro classi, e relative tre sottoclassi, a disposizione, e da un sistema di sblocco delle difficoltà più elevate nelle varie zone che richiede di completare obiettivi specifici: oltre al classico “finisci la missione”, c’è anche roba come “porta una certa arma a un certo livello” o “scava 1000 blocchi di pietra”. Si presenta anche bene, e (su PC; su Steam Deck un pochino sì) non soffre di rallentamenti nemmeno quando iniziano ad esserci centinaia di insettini e insettoni a schermo. Certo, è anche auspicabile che con il progredire dell’Accesso Anticipato vengano introdotte più varianti, come per esempio tipi diversi di boss e miniboss e altri livelli, ma già così non c’è poi molto di cui lamentarsi.

Articolo precedente
dune parte due recensione

Dune - Parte Due - Recensione

Articolo successivo

Il videogioco è un’esperienza non replicabile – Speciale

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata