Rainbow Six Extraction Nightmare Fog

Rainbow Six Extraction

PC PS4 PS5 Xbox One Xbox Series X

Rainbow Six Extraction: Nightmare Fog – Anteprima

È giunto il momento di tornare ad indossare i panni degli operatori REACT: Rainbow Six Extraction si aggiorna con il nuovo evento a tempo limitato Nightmare Fog, che sarà disponibile a partire da oggi e che abbiamo potuto provare in anteprima.

Sviluppatore / Publisher: Ubisoft Montreal / Ubisoft Prezzo: 39,99€ (gioco base; l’aggiornamento è gratuito) Localizzazione: Completa Multiplayer: Online Cooperativo PEGI: 18 Disponibile Su: PC (Epic Games Store, Ubisoft Connect), PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series X|S Data di Lancio: Già disponibile

Continua il supporto di Ubisoft al suo sparatutto cooperativo ambientato nell’universo di Rainbow Six. Qualche mese fa era toccato a Spillover, che aveva portato su Rainbow Six Extraction la nuova operatrice Zofia e una modalità orda ad alta intensità. Ora è invece giunto il turno di Nightmare Fog, che vede le mappe di gioco ricoprirsi di una mefitica nebbia viola, che toccherà a noi dissipare. Naturalmente, inspirare questi vapori non fa granché bene: preparatevi ad allucinazioni di vario tipo.

NIGHTMARE FOG, MA IL VERO INCUBO È CAPIRE COSA SUCCEDE

Così come Spillover, anche Nightmare Fog appartiene alla categoria degli Eventi Crisi, aggiornamenti speciali che introducono modalità a tempo limitato (tre settimane, per l’esattezza) il cui obiettivo è variare la classica formula di gioco di Rainbow Six Extraction. In questo caso, quella che ci troviamo di fronte è una missione divisa in tre sotto-obiettivi.

  • La prima zona ci chiederà di completare un obiettivo scelto a caso fra cinque (Tracciamento Nidi, Battuta di Caccia, Triangolazione, Esemplare Vivo, Blocco; se vi capita quest’ultimo, quasi mi viene da consigliarvi di riavviare subito la missione). Come nelle missioni tradizionali, il completamento di questo obiettivo non è obbligatorio, ma naturalmente ci perderemo una discreta somma di esperienza;
  • La seconda zona ci chiederà di completare una variante dell’obiettivo Decontaminazione, che per chi non se lo ricordasse è quello in cui dobbiamo distruggere una serie di nidi aberranti prima di poter prelevare un campione dal nodulo centrale. Fate in fretta, perché appena attaccate il primo gli altri inizieranno a sputare Archei a non finire. Completare questo obiettivo ridurrà del 50% la salute dell’obiettivo finale;
  • Nella terza zona, dovremo individuare e distruggere l’Albero Tossico. Questo obiettivo è una variazione del recupero degli operatori dispersi in azione, solo che questa volta non dovremo estrarre un operatore dall’albero ma semplicemente sparare ai punti d’ancoraggio e alle cellule fin quando la salute dell’albero non scende a zero. Nel frattempo, verremo continuamente attaccati da orde di Archei.

A rendere speciali questa missione ci pensa la nebbia che dà il nome all’evento. Oltre a limitare la visibilità – e già questo non vi renderà facile la vita – la nebbia è anche tossica, e mano a mano che trascorriamo tempo al suo interno il nostro operatore ne pagherà le conseguenze. I primi due gradi di “intossicazione” causeranno allucinazioni visive e sonore di vario tipo: per esempio, vedremo correrci incontro nemici che non sono reali e non possono causarci, ma che intanto fanno da efficace distrazione sopratutto nelle azioni più concitate. Al terzo e ultimo livello di intossicazione, inizieremo anche a subire danni.

Rainbow Six Extraction Nightmare Fog

I gadget REACT sono in grado di distinguere il vero dal falso, ma nelle situazioni concitate un proiettile funziona altrettanto bene…

Contrastare gli effetti psicotropi della nebbia è possibile, anzi, indispensabile vista la velocità con cui si riempie la barra. Nelle nuove Stanze di sicurezza, e nelle airlock che separano i sottolivelli, troveremo consumabili che ridurranno del 35% la barra: assicuratevi di non perderveli, se volete avere una speranza di giungere fino al termine della missione sani e salvi. Unico sollievo dalla nebbia sono le già citate Stanze di sicurezza, i punti d’estrazione e le airlock, ed è meglio approfittare di questi momenti di relativa tranquillità per dare un’occhiata in giro con i droni da ricognizione e non tuffarsi impreparati in mezzo al pericolo.

TROVARE UNA DIREZIONE

Qualche lettore forse ricorderà come Spillover avesse dato l’impressione di essere un discreto evento, sollevando però qualche dubbio su quanto potesse essere efficace nel tenere alto l’interesse del potenziale pubblico. Un discorso simile è valido anche per Nightmare Fog, anche se con qualche caveat; per esempio, se da un lato l’idea di allucinazioni visive e sonore mi intriga un sacco, dall’altro non credo che il modo in cui è stato eseguito l’evento, con la sua natura caotica e da corsa contro il tempo, si adatti bene a quello che è il gameplay di Rainbow Six Extraction e ai motivi per cui la creazione di Ubisoft Montreal mi aveva convinto in sede di recensione.

Rainbow Six Extraction Nightmare Fog

Nelle Zone di Sicurezza la nebbia non è presente. Gli Archei però possono entrare lo stesso, quindi state all’erta.

LA BUONA VOLONTÀ A UBISOFT MONTREAL NON MANCA E NEMMENO LE IDEE, MA ANCHE QUESTO EVENTO FATICA A CONVINCERE IN PIENO

Spillover, inoltre, poteva vantare su una nuova operatrice, Zofia, capace di aggiungere una nuova variabile al gameplay; qua invece le aggiunte di contenuto si limitano a un gadget capace di fornirci 15 secondi di invulnerabilità (che, per carità, non sembra mica male) e a un nuovo Proteano; stavolta gli Archei si sono messi a copiare Vigil. Anche qui, non posso fare a meno di provare un po’ di perplessità: i Proteani non sono certo stati una parte importante del tempo che ho trascorso su Rainbow Six Extraction, dato che nella sessantina di ore che ci ho trascorso li avrò incontrati al massimo una decina di volte, quindi l’apparizione di un nuovo elemento nelle loro schiere, se fa piacere per l’aggiunta varietà, non è esattamente causa di rapsodico entusiasmo. Contenuto legato al gameplay a parte, Ubisoft Montreal ha anche pensato di aggiungere nuovi oggetti cosmetici legati al tema di Nightmare Fog, e di introdurre dieci livelli di prestigio per gli operatori che hanno già raggiunto il decimo livello di esperienza, ottimi per dimostrare ai vostri amici quanto tempo spendiate a giocare con Ela e Hibana (“ma è perché mi piace il loro gameplay, mica per altro”). Insomma, nel complesso bene, ma non benissimo; speriamo Ubisoft Montreal alzi un po’ il tiro nei prossimi mesi.

Articolo precedente
top gun maverick recensione

Top Gun: Maverick – Recensione

Articolo successivo

Dead Space: la data di uscita del remake è prevista per gennaio 2023

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata