Everspace – Recensione PS4

PC PS4 Xbox One

Questa è una recensione di quelle facili facili, complice il fatto che tutte le migliorie apportate alla versione attuale di Everspace, la stessa che è finalmente approdata anche su PS4, cambiano poco il giudizio e ancor meno il senso e la struttura del gioco. Alcune variazioni sono arrivate sulla build di base, ad esempio un diverso e più definito finale, altre sono connesse all’espansione Encounters inserita nel pacchetto per la console Sony, capaci di rendere l’esperienza molto più densa di eventi e incontri nel cosmo. Per me si è quasi trattato di una malattia recidiva, quasi da maledire nel rispetto di altri titoli da giocare, perché una volta ripresa in mano la navicella ho fatto una fatica del diavolo a staccarmene, anche solo per scrivere queste righe.

ASSUEFAZIONE SPAZIALE

Per chi si fosse perso la recensione su PC, che comunque invito a visionare per una descrizione più dettagliata del gameplay, ricordo che il titolo di Rockfish è un notevolissimo ibrido che contempla vari generi, in particolare roguelite, vanilla ARPG (o, se volete, hack’n’slash à la Diablo) e space-combat-sim dal gusto arcade.

Everspace Recensione PS4

Alcune variazioni sono arrivate dalla build di base, la stessa che è stata aggiornata su PC, altre sono connesse all’espansione Encounters inserita direttamente nel pacchetto PS4

Ciò, essenzialmente, significa che dopo ogni morte torneremo all’inizio con alcuni vantaggi dalla run precedente, e che troveremo nel nostro vagare fra Settori dello spazio – ognuno composto da una rete di regioni più o meno ostiche – una serie di elementi da cui ricavare loot per armi e modifiche al sistema d’attacco e difensivo, in mezzo a strutture spaziali con precise mansioni, caccia alieni, droni escavativi e militari, campi di asteroidi e quant’altro.  Sempre in merito alla fusione tra generi, va ribadito che ogni scenario è composto da ottimi pezzi di level design messi insieme per via procedurale, ben architettati e mai eccessivamente casuali; fra una una morte e l’altra, poi, potremo metter mano a una ventina di parametri che riguardano le abilità del pilota (come i colpi critici e, in generale, le capacità di combattimento), le migliorie dirette all’astronave (maggior propellente per i salti nell’iperspazio, energia per il boost dei motori o per le relative armi, spessore della corazza e via dicendo) e le opportunità di miglioramento nel corso della partita (quantità e varietà di gingilli d’offesa, missili, consumabili o modifiche strategiche). È quasi lo stesso anche l’eccellente impatto grafico in prima o terza persona, con un’ottima comunicazione in entrambi i casi per armi e opzioni tattiche della nave; ciò non vuol dire che non esistano differenze tecniche rispetto al gioco su PC, ed è anzi da rilevare una resa estetica un filo meno impressionante sotto il profilo visivo. Pure il framerate non presenta la stessa e identica fluidità, per quanto l’adattamento sia comunque da considerare riuscito e offra un spettacolo eccelso nelle stesse caratteristiche, dall’evocativa esplorazione fino ai pirotecnici combattimenti.

Come accennato, le variazioni più rilevanti riguardano Encounters così come gli interventi arrivati a suo tempo sulla build di Steam: in quest’ultimo caso rientra un epilogo più definito ed efficace, ricamato con una serie di illustrazioni dinamiche, che comunque conferma le qualità di un impianto narrativo molto interessante nell’idea di base (i vari cloni di un pilota si succedono nelle run, per motivi tutti da scoprire) ma sviluppato con elementi non del tutto a fuoco; tra i difetti relativi posso confermare anche l’intelligenza artificiale dei nemici, che beneficia del numero di colleghi pronti all’assalto ma non della perizia d’attacco dei singoli avversari, colpevoli di esporsi fatalmente nelle fasi di avvicinamento.Everspace Recensione PS4

L’adattamento è da considerarsi ben riuscito, nonostante la prestanza visiva risulti un filo minore rispetto all’edizione PC

D’altra parte, i contenuti dell’espansione risultano parecchio migliorativi dell’esperienza complessiva, implementando nella stessa struttura un gran numero di caratteristiche e nuovi elementi: chiaramente non posso spoilerare personaggi o merito delle missioni opzionali, al solito implementate nelle partite in forma non lineare, ma è chiaro che anomalie da scannerizzare, PNG commercianti, inattesi alleati/nemici e quant’altro non possono che andare a comporre un quadro più gustoso e ricco, al netto del solito ed eccellente design in tutti gli aspetti, giocabili od estetici che siano. Alcune feature sono scritte per valorizzare l’introduzione della nuova Sentinella Coloniale – quarta nave da comprare con i crediti guadagnati in game – particolarmente veloce nelle operazioni di scanner, ben tornita negli slot delle modifiche e, per il resto, più vicina al preesistente Scout Coloniale piuttosto che alla coriacea Cannoniera, complici i potenti scudi e l’assenza di una corazza di base.

Direi che non c’è molto altro da dire, se non rimarcare agli occhi degli utenti PS4 il copioso divertimento offerto dalla struttura stessa di Everspace, mai frustrante in virtù dell’azione serrata, della densità di miglioramenti per la nave e degli incontri che arricchiscono l’impianto narrativo e funzionale di ogni run. Va da sé che i punti in più per il voto valgono anche per la somma di gioco base ed espansione su PC, dal momento che il prezzo sull’ammiraglia di Sony corrisponde quasi esattamente alle due componenti messe insieme nel negozio di Steam (il preordine su PS4, però, beneficia del 20% di sconto). In entrambi i casi rimane molto gradito lo strumento interno per la cattura delle immagini, così ben pensato e semplice da usare che viene da maledire il marchio che resta impresso in basso a destra. Toglietelo, diavoletti che non siete altro.

Everspace si conferma un gran bel gioco anche su Playstation 4, a maggior ragione per l’aggiunta nel pacchetto del DLC Encounters, capace di rendere il mix di roguelite e space-combat-sim ancora più vario e assuefacente. L’epilogo rimane un po’ deludente nonostante le migliorie, e così anche le intelligenze artificiali non esattamente eccelse, comunque non lesive della sfida alla media e massima opzione di difficoltà (a maggior ragione nella modalità hardcore, che fa a meno della gran parte dei vantaggi fra una run e l’altra). Ciò detto, l’ibrido di Rockfish mantiene tutte le sue qualità in termini di concezione del gameplay, spettacolo grafico e puro divertimento. Una partita e poi basta, si dice in questi casi, non riuscendo quasi mai a mantenere il proposito.

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • L'inclusione del DLC Encounter rende l'esperienza più densa, varia e vibrante.
  • Relativamente alla potenza hardware più contenuta, lo spettacolo visivo spicca anche su PS4.
  • Assuefacente come pochi altri giochi spaziali.

Contro

  • Framerate e dettaglio grafico inevitabilmente meno prestanti rispetto all'edizione PC.
  • Epilogo e IA avversarie rimangono punti deboli, seppur in modo non grave.
8.4

Più che buono

Marietto è così dentro alla sci-fi che non riesce a trovare la strada per uscirne. Per lui i videogiochi sono proprio questo, una porta per accedere a un pezzo di fantascienza che si realizza qui e ora, senza aspettare la fine del mondo.
Voto medio utenti
9.3
2 voti
Voto
Invia
Il tuo voto
0

Password dimenticata