Death Stranding PC

Death Stranding

PS4

Death Stranding PC – Provato

Dopo aver provato cosa significa dover stare tappati dentro casa per la pandemia, quale periodo migliore per fare una bella scampagnata virtuale in un mondo che riesce a essere pure peggiore del nostro?

All’uscita su PS4, a novembre 2018, Death Stranding è riuscito senza dubbio a mostrare quanto possa essere soggettiva l’interpretazione di un gioco puramente autoriale, nato per innovare, raccontare e farsi ammirare piuttosto che semplicemente divertire. Il titolo ha immediatamente fatto breccia nel cuore di tantissimi critici ma ha subito un feroce e spietato review bombing da parte di altrettanti giocatori. A circa un anno di distanza, ora anche noi giocatori su PC avremo la possibilità di giudicare con i nostri occhi questa particolarissima opera e (in quanto Master Race) decidere una volta per tutte a chi dare ragione.

Death Stranding PC Provato

Noi di TGM abbiamo avuto la fortuna di poter provare in anticipo i primi capitoli e iniziare così ad analizzare non tanto i meriti artistici quanto le potenzialità tecniche del primo “strand game” di sempre.

INIZIO D’IMPATTO

Sinceramente, non è affatto difficile capire il motivo per cui Death Stranding sia un gioco tanto discusso. Il solo intro ci catapulta istantaneamente in un mondo al di fuori di ogni logica e ci richiede una buona dose di sospensione dell’incredulità. Da un punto di vista personale, ho trovato le prime ore un perfetto bilanciamento tra esposizione e azione, che lascia decisamente perplessi ma apre allo stesso tempo le porte a qualcosa di ben più grande.

All’uscita su PS4, Death Stranding è riuscito senza dubbio a mostrare quanto possa essere soggettiva l’interpretazione di un gioco puramente autorale

Fenomeni paranormali, letali mostri invisibili, persone in grado di utilizzare poteri incredibili, una tecnologia futuristica e un’umanità isolata e sull’orlo dell’estinzione sono tutti presenti sin dalle prime pennellate che la sapiente ma pesante mano dell’eminente autore Hideo Kojima dipinge su una tela che tenta in tutti i modi di diventare arte.

Death Stranding PC Provato

Nella storia ci viene richiesto di “riunire” l’America, camminando, scalando o guidando verso una serie di città e singoli individui per collegarli tra loro grazie a un’avveniristica rete di comunicazione. Si tratta di una serie di lunghe escursioni in una natura selvaggia, un’esperienza molto meno rilassante di quanto non si penserebbe.

Nonostante il gioco si basi su una serie di lunghe escursioni nella natura selvaggia, in realtà il livello di attenzione richiesto è sempre molto alto

Nelle circa 17 ore da me giocate finora i momenti di reale pace si possono contare sulle dita di una mano e, molto più spesso, è richiesto al giocatore un livello di partecipazione ben superiore alle mie aspettative. Tra aggiustare il peso portato sulle proprie spalle, schivare ostacoli, creare nuove strutture e combattere NPC ostili, a volte si desidererebbe, in realtà, un po’ più di tempo per rifiatare!

Death Stranding PC Provato

UN VERO E PROPRIO PORT

Andiamo ora al sodo. Dal punto di vista prettamente tecnico, per quanto visto finora, questo port di Death Strandingsi può definire parzialmente riuscito, per quanto sicuramente superiore sul piano visivo.

Continua nella prossima pagina…

Articolo precedente

Cooler Master MS110 – Recensione

Articolo successivo
Willy Morgan and the Curse of Bone Town anteprima provato

Willy Morgan and the Curse of Bone Town – Anteprima

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata