Battlefield 1 : In the Name of the Tsar - Recensione

PC PS4 Xbox One

Mettendo insieme la beta sulle Incursioni 5vs5 e questo secondo DLC, In the Name of the Tsar, non ho molti problemi ad attestare la grande attenzione di Electronic Arts e DICE sui contenuti post-lancio di Battlefield 1. Tuttavia, è anche vero che la vita naturale di questo genere di produzioni si confronta oggi con altri modelli, più liberamente esport nel caso di Overwatch o più longevi per i due Destiny (o anche The Division, che ha ormai buttato nel cestino un’ottima occasione), e la classica scansione dei DLC non sembra essere più sufficiente a mantenere alta l’attenzione, che si tratti di Battlefield o dell’eterno re degli FPS commerciali. In questo senso, sono curioso di verificare quelli che saranno i risultati del “quartier generale” di Call of Duty: WWII – un vero e proprio HUB nello stile della Torre, ma con consuetudini e terminologie militari – proprio per capire se anche gli sparatutto bellici, con i giusti aggiustamenti, possono aspirare a un miglior collante per le proprie stagioni multiplayer. In questo caso, ad esempio, perdersi la divagazione verso est della Grande Guerra sarebbe un vero peccato.

MADRE RUSSIA

L’anima del gioco è sempre la stessa, ben dettagliata nelle descrizioni storiche delle battaglie e quasi “dieselpunk” quando si tratta di combattere sul campo, con una frequenza di carri pesanti e mitragliatrici sperimentali che sfocia quasi nel fantascientifico, più che descrivere davvero la Prima Guerra Mondiale.In the Name of the Tsar

L’Operazione Marea Rossa inscena due passaggi salienti della lunga guerra civile russa, intorno a Tsaritsyn nel 1919

Tutte cose già metabolizzate nella recensione di Battlefield 1 (qui, invece, trovate la disamina del DLC), ma che hanno avuto il pregio di rendere spettacolare un conflitto altrimenti lento e drammaticamente tattico (come quello rappresentato dal piccolo Verdun, per intendersi, fra le poche alternative possibili), non per forza adatto ai ritmi di una sparatutto di massa. In the name of the Tzar pone ancora meno barriere sullo sguardo lontano dei giocatori, con una selezione di mappe che va dal pianeggiante alle dolci colline, un’unica mappa urbana e tantissima enfasi sulla fanteria e le postazioni da cecchino. Nel suo marasma di quaranta o sessantaquattro giocatori, di gas nelle trincee e picchiate aeree à la Sky Captain, emerge senza troppi danni anche la caratterizzazione un po’ fumettosa dello storico Battaglione Femminile dell’Armata Rossa, con snelle e impolverate soldatesse nel ruolo degli scout, ovviamente quando si sta dalla parte dell’esercito sovietico. A lato, poi, dell’immancabile infornata di armi e mezzi, troviamo anche una modalità di gioco inedita, Lancio di Rifornimenti, una sorta di variante dinamica di Dominio in cui, appunto, vanno difese o attaccate le aree di atterraggio delle casse di materiali.

In termini di mappe, non dovete pensare che quanto detto sopra sia una critica al disegno del livelli: non mancano le eccezioni più dense per strutture e conformazione del territorio (Tsaritsyn, Passo Lupkow), ma anche le ambientazioni più aperte (Fiume Volga, Albion, Galizia e Fortezza Brusilov) sono puntellate di rovine, canali, trincee ed edifici strategici che faranno la gioia delle squadre più tattiche, peraltro rinfrancate da una serie di nuove specializzazioni per le singole classi (abilità passive da sbloccare una dopo l’altra, un po’ come accadeva in Battlefield 4). In the Name of the Tsar

La prevalenza di mappe pianeggianti rende il DLC particolarmente gradito ai cecchini

Le sei mappe seguono altrettanti scenari di battaglia tra il 1916 e il 1919, ancora meglio contestualizzati dalle Operazioni inedite di In the Name of the Tsar: nel preciso ambito della Grande Guerra troviamo l’Offensiva Brusilov, con cui l’esercito imperiale russo, pur se allo stremo, tentò un attacco alle forze asburgiche sul fronte orientale; questi nuovi massacri, insieme agli effetti del lungo conflitto di logoramento, propiziarono in Russia il sopraggiungere della Rivoluzione d’Ottobre e, così, della guerra civile che insanguinò le sue città per quasi un lustro, tra guardia bianca imperiale e forze bolsceviche, di cui l’Operazione Marea Rossa di Battlefield 1 inscena due passaggi salienti nel 1919 (intorno alla città di Tsaritsyn, chiamata poi Stalingrado e infine Volgograd).

Il risultato generale è il solito, magnifico spettacolo visivo, unito a uno stile di gameplay che può anche far arricciare il naso, specie di questi tempi, agli appassionati di realismo negli sparatutto, ma riesce sempre a divertire con un pizzico di strategia di squadra e tatticismo in più, almeno se lo si confronta con Call of Duty. Manca una qualsivoglia novità per le Storie di Guerra, questo sì, quasi a corroborare il discorso fatto in apertura: in ottica futura, lavorare sulle caratteristiche della modalità a singolo giocatore (come le IA nemiche, fin troppo basilari nelle missioni di Battlefield 1) potrebbe aiutare a ridefinire l’offerta degli sparatutto lineari ad alto budget, ancora meglio con un’apertura al co-op. Ma questo, capirete bene, è tutto un altro discorso.

Come ho già detto altrove, l’elevata qualità dei DLC di Battlefield 1 o Call of Duty non toglie il fatto che le proposte risultino spesso troppo ovvie, con collezioni di mappe, magari una modalità inedita e poco altro. Almeno, però, In the name of the Tsar continua a fruttar bene l’idea centrale del titolo DICE, spostandosi nelle aree più recondite del fronte orientale per mostrare l’apporto della Russia e, subito dopo, la guerra civile che è seguita alla Rivoluzione d’Ottobre, con tanto di battaglione femminile della morte per l’Armata Rossa. La prevalenza di mappe pianeggianti rende il DLC particolarmente gradito ai cecchini, e non ci sono critiche particolari da muovere a nessuno dei contenuti introdotti, nella reintroduzione delle specializzazioni come nella più ovvia infornata di armi e mezzi. Manca qualcosa che sorprenda, però, e che qui poteva prendere la forma di una Storia a singolo giocatore, considerata la particolarità degli eventi.

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Grande atmosfera.
  • Lo scontro fra cecchini è emozionante e brutale.
  • Interessante scelta degli scenari di guerra.

Contro

  • In gran parte, si tratta di una “semplice” collezione di mappe.
  • A maggior ragione, visto l'argomento, sarebbe stata gradita una nuova Storia dal Fronte.
7.8

Buono

Marietto è così dentro alla sci-fi che non riesce a trovare la strada per uscirne. Per lui i videogiochi sono proprio questo, una porta per accedere a un pezzo di fantascienza che si realizza qui e ora, senza aspettare la fine del mondo.
Voto medio utenti
7.2
11 voti
Voto
Invia
Il tuo voto
0

Password dimenticata