Dark Souls Remastered - Recensione Switch

PC PS4 Switch Xbox One

Comprai Nintendo Switch più di un anno fa principalmente per The Legend of Zelda: Breath of the Wild. Da allora, mai mi sarei immaginata che un giorno avrei scambiato le rilassanti passeggiate nel plateau di Hyrule con quelle nella landa di morte e distruzione per antonomasia: Lordran. E invece eccomi qua a parlarvene, a poche ore dalla pubblicazione ufficiale di Dark Souls Remastered su quel piccolo capolavoro della grande N. Annunciato l’11 gennaio 2018 attraverso un Direct, il titolo si è fatto attendere per qualche mese più del dovuto dai possessori della console ibrida nipponica, andando invece ad allietare (o frustrare) gli utenti PC, PlayStation 4 e Xbox One già ai primi di maggio. Il motivo del ritardo non è chiaro, ma sarà almeno servito almeno a renderlo un prodotto ben oltre le aspettative?

HEAT AND COLD, LIFE AND DEATH

Pregi e difetti della versione rimasterizzata del capolavoro di Hidetaka Miyazaki sono già stati snocciolati a dovere mesi fa, anche qui su TGM. C’è chi ancora si chiede perché dovrebbe spendere i propri soldi su una versione ufficiale di DSfix e non su un remake con l’engine del terzo capitolo; c’è chi invece è super felice di poter finalmente morire in pace dentro Blighttown a un frame rate dignitoso. Per quanto mi riguarda, potete trovarmi esattamente al centro tra i due poli: certo è stata un’occasione un po’ sprecata, ma Dark Souls è sempre Dark Souls e ogni miglioria o port, da queste parti, è accolta a braccia aperte. Messo in chiaro questo, l’obiettivo è capire se sia il caso di puntare a una versione da vera Master Race, oppure cedere alla tentazione di scarrozzare il nostro Chosen Undead ovunque, dallo spogliatoio della palestra all’ufficio, dalla camera da letto al bagno. Perché le differenze ci sono, naturalmente, partendo da quelle più ovvie: risoluzione e frame rate. La versione Switch di Dark Souls Remastered propone i 1080p in modalità dock e i 720p se, invece, si gioca in handheld mode. Niente 4K dunque, come ovvio, ma nemmeno i 60 FPS decantati (e purtroppo non sempre raggiunti) dalla varia concorrenza. Sulla console Nintendo ci dobbiamo accontentare di un blocco a 30 fotogrammi al secondo, che purtroppo non è sempre stabilissimo ma che riesce, senza dubbio, a regalare un’esperienza di gioco tutto sommato fluida e senza drop eccessivamente vistosi, come successe invece al lancio di Breath of the Wild.

La remastered su Switch regala un’esperienza di gioco tutto sommato fluida e senza frame drop eccessivamente vistosi

Questo accade nella famigerata Città Infame, nella zona di Lost Izalith, poco prima della cava di Seath e persino nel Darkroot Garden. Quest’ultima zona, divenuta quasi il nuovo stress test per eccellenza di Dark Souls, ha dato i grattacapi maggiori alle altre console, arrivando a sfiorare i 30 frame durante la cutscene e il combattimento con il lupo Sif su PS4 e Xbox One. Questo, fortunatamente, non accade su Switch. O meglio, come detto in precedenza, i cali ci sono ma sono talmente ridotti che, tutto sommato, non ci si bada nemmeno poi tanto, presi come si è dall’enorme canide armato di spada pronto a farci a fettine.

AND OF COURSE, LIGHT AND DARK

Naturalmente, un possessore di Switch è più che pronto a sorvolare sulla mancanza del 4K quando si tratta di scambiarli per la portabilità. Un po’ meno, forse, a rinunciare del cloud backup, non supportato per i titoli con componente online. Il vero vantaggio di comprare Dark Souls Remastered (e non solo lui) sull’ultima creatura di Nintendo è quello di poterci giocare letteralmente ovunque e poi, all’occorrenza, di ripiegare sulla modalità “fissa” con il dock. La soddisfazione è estrema e il risultato finale sullo schermino fa decisamente la sua figura. L’autonomia della batteria è di circa 3 ore con la luminosità al massimo e questo permette una buona dose di sano divertimento (o di nevrosi) prima di essere costretti ad collegarci alla corrente.

Il vero vantaggio è quello di poterci giocare letteralmente ovunque e poi, all’occorrenza, di ripiegare sulla modalità dock

Per chi come me ha le mani incredibilmente piccole, poi, non si corre nemmeno il rischio di trovarsi le dita incriccate dopo combattimenti particolarmente impegnativi. L’unica pecca, in questo caso, è quella della luminosità. Ho iniziato a giocare collegata allo schermo del computer, impostandola, come consigliato, abbastanza bassa. Tuttavia, quando sono passata in portatile, le zone al chiuso erano fin troppo buie e ho dovuto aumentarla di quattro o cinque tacche per riuscire a capire per bene da che parte stessi andando. Tolti questi pochi inconvenienti, Switch è riuscita a viziarmi persino con la mappatura dei tasti, ufficialmente invertita per renderla omogenea a quella degli altri controller e non turbare la mia memoria muscolare. Se tutto questo, ancora, non vi ha convinti ad abbandonare la sicurezza del vostro desktop, che ne dite allora della possibilità di adottare un Amiibo di Solaire e di pregare il sole in qualunque momento, ovunque vi troviate?

Ho passato una manciata di giorni a caccia di non morti, Lord e grandi cavalieri. Ho rivisitato Oolacile dalla comodità del mio letto, ho perso migliaia di anime ad Anor Londo sotto il sole di mezzogiorno dal terrazzo di casa e ho sbattuto i pugni sulla scrivania mentre scivolavo nell’ennesimo burrone tentando qualche scorciatoia da speedrunner. Per quanto sia un peccato che gli FPS non siano perfettamente stabili, la possibilità di ingannare il tempo in coda alle poste togliendo Switch con Dark Souls dalla borsetta è riuscita a farmici chiudere un’occhio.

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Giocare ovunque è bello. Morire ovunque, ancora di più.
  • Buona durata della batteria.
  • Mappatura dei tasti "originale".

Contro

  • Qualche piccolo calo di FPS.
  • La luminosità ottimale in dock è troppo bassa per lo schermino portatile.
8.7

Più che buono

Voto medio utenti
6.2
2 voti
Voto
Invia
Il tuo voto
0

Password dimenticata