Cyberpunk 2077 veicoli

Cyberpunk 2077

PC PS4 Xbox One

Uno sviluppatore di CD Projekt risponde a The Chinese Room

Ricorderete le accuse di sessismo lanciate da The Chinese Room nei confronti di CD Projekt: in quell’occasione gli sviluppatori di Everybody’s Gone to the Rapture affermarono che le donne della saga di The Witcher sono state raffigurate in maniera del tutto inappropriata.
Ebbene, di recente uno sviluppatore della software house polacca, tale Pawel Swierczynski, ha voluto fornire una sua personalissima risposta attraverso un post pubblicato sul forum di NeoGAF: “CD Projekt RED è una compagnia formata da 370 dipendenti, molti dei quali stranieri, diverse donne (brillanti e talentuose) ma anche minoranze: gay, transessuali (siamo una delle poche compagnie ad avere un transessuale in un ruolo dirigenziale), tutti trattati nello stesso identico modo, con rispetto e con il più ampio supporto. Tuttavia veniamo additati come sessisti se mostriamo un seno o delle mutande. Sul serio? Puntiamo sempre a raccontare storie che vedono per protagonisti delle persone. E ci sono persone con seni e persone che indossano mutande. A volte le due cose coincidono.
Il riferimento è ovviamente all’immagine promozione di Cyberpunk 2077, la stessa utilizzata da The Chinese Room per dare il via alla polemica.

The Chinese Room CD Projekt Cyberpunk 2077

Condividi con gli amici










Inviare

Rispondi

  1. "E ci sono persone con seni e persone che indossano mutande. A volte le due cose coincidono." un applauso!!! :):)

Password dimenticata