I Kill Giants - Recensione

Barbara (Madison Wolfe) è una dodicenne alienata dal mondo: vive con i fratelli e le sorelle, e viene quotidianamente presa di mira dai bulli della scuola per la sua testa tra le nuvole. In realtà il suo essere svampita è solo la conseguenza di una doppia vita, dal momento che, di notte, la ragazza difende la città dalla minaccia di pericolosi e mortali giganti dei boschi, che aspettano la giusta occasione per radere al suolo la città. O, almeno, questo è quello a cui Barbara crede.

Approdato direttamente su Netflix, I Kill Giants, tratto dall’omonimo fumetto, aveva subito attirato la mia attenzione per il suo palese richiamo a una struttura narrativa più raffinata, tesa verso un racconto di formazione più che a una mera avventura fantasy; la visione del film, in effetti, ha confermato questa sensazione. Ancora una volta, come già successo con 7 minuti dopo la mezzanotte, l’elemento fantastico veicola una storia di dolore, di perdita, un gioco di scatole cinesi dove lo spettatore ha l’arduo compito di capire cosa sia vero e cosa no, in mezzo a un continuo rimbalzare tra la realtà che conosciamo e quella di Barbara, fatta di pozioni specifiche contro ogni tipo di gigante. Con sé ha un grande martello, sua arma personale per sconfiggere i temibili mostri.

i kill giants recensione

i kill giants assume forti connotati da favola moderna

Barbara ha rinchiuso in questo mondo un segreto che verrà svelato minuto dopo minuto, sminuendo il senso della sorpresa a favore di una storia non proprio originale. Il solo aver citato 7 minuti dopo la mezzanotte dovrebbe fra intendere la stesura di un racconto fatto di metafore e visioni da interpretare; la trama cerca il massimo grado di empatia con la bambina, missione che comunque riesce, forse abusando e peccando di un racconto prolisso sotto alcuni aspetti, complice la ripetitività di alcune scene già assimilate in precedenza.

I Kill Giants assume un aspetto maggiormente da favola moderna nel momento in cui ci perdiamo con gioia nella quotidiana routine di Barbara, nel suo annotare dati e debolezze di tutti i giganti su un quaderno, preparare trappole o indossare il suo cerchietto con le orecchie, simbolo delle guerriere a caccia di giganti. In modo molto prevedibile, il finale segnerà l’esplosione di sentimenti nel momento dello scontro decisivo. Le carte vengono scoperte e Barbara dovrà finalmente fare i conti con la realtà, entrando in una fase avanzata della sua adolescenza e, così, della vita stessa.

i kill giants recensione

Si tratta, purtroppo, di un tipo di produzione che difficilmente trova spettatori. Al cinema funzionerebbero poco, dato che sono ultimi barlumi di uno spettacolo per ragazzi che dalla fine degli anni ’90 è andato sempre più a scomparire, sostituito da trasposizioni cinematografiche di romanzi “young adult” o cinefumetti. Tuttavia, se conservate ancora un lato sensibile con nostalgia delle decadi passate, in I Kill Giants potreste persino trovare un piccolo tesoroo.

VOTO 7

i kill giants recensioneGenere: drammatico, fantastico
Publisher: Netflix
Regia: Anders Walter
Colonna Sonora: Laurent Perez Del Mar
Interpreti: Madison Wolfe, Zoe Saldana, Imogen Poots, Sydney Wade, Rory Jackson
Durata: 104 minuti

Articolo precedente
soggettiva

Cyberpunk 2077 – Anteprima

Articolo successivo
Resident Evil 2 deluxe edition

Resident Evil 2 e Devil May Cry V a Gamescom 2018 – Speciale Capcom

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata