Elite - Prima stagione - Recensione

Un morbo attanaglia gran parte delle produzioni seriali dedicate al mondo dei teenager, ovvero la necessità costante di avvicinarsi sempre più a quello che viene considerato il metro di giudizio universale, in termini produttivi, ovvero quello della serialità americana.
Se c’è da trovare un unico grande difetto che poi si espande a macchia d’olio è proprio questo: Elite, seconda serie tv originale di Netflix Spagna, cerca in tutti i modi di essere più americana possibile, risultando palesemente un prodotto derivato da altrettanti successi, quali Tredici o The O.C., ma prima un accenno di trama proprio a giustificare questo accostamento.

Las Encinas è la scuola più prestigiosa ed esclusiva della Spagna, la classica scuola per giovani, ricchi e viziati rampolli delle più facoltose famiglie. Alla base dello show c’è l’incontro-scontro tra questi ragazzi facoltosi e tre giovani nuove entrate che, a differenza di tutti, sono ragazzi provenienti da famiglie medio-basse che si sono aggiudicati delle borse di studio per studiare in questa struttura a seguito di un incidente.
Oltre i soliti temi cari a show di questo genere, si presenta il twist definitivo: un omicidio. Tutti pensano che il colpevole sia uno dei tre ragazzi, ma le indagini metteranno in luce vizi, perversioni e lati oscuri di ognuno degli studenti di questa scuola.

elite netflix recensione

La casa di carta, primo vero successo di Netflix Spagna è stato salutato dal pubblico con due distinte etichette: bellissimo per alcuni, trash per altri. Elite si pone in mezzo, tendendo lo sguardo sempre più a quel trash che mette comunque sempre tutti d’accordo nel momento in cui si usufruisce di un prodotto del genere, e come detto in apertura, il problema mediamente è sempre lì, ovvero cercare costantemente di essere altro. Se dovessimo vedere questa serie tv doppiata nella nostra lingua, non ci sarà mai quel momento in cui fermarsi e cercare di capire se stiamo vedendo l’ennesimo serial statunitense o qualcosa di strettamente europeo.

Elite cade proprio nella semplicistica ricerca di una propria identità

Di cadaveri tra ragazzi adolescenti ne siamo assuefatti (Tredici) e le stesse battutine tra chi si pavoneggia con il portafoglio gonfio e chi no, non è certo un tema inedito, assieme alle continue scazzottate fuori e dentro le mura scolastiche (The O.C.), ma quindi tolto tutto questo, cosa resta di Elite? Nulla, o almeno, l’unico aspetto su cui sembra davvero premere fortemente lo show, è quello di mettere in scena una sequela di vizi e/o perversioni per cercare di farci amare o odiare nel minor tempo possibile, ogni personaggio presentato: chi è gay, chi si droga, chi beve troppo, chi fa sesso di gruppo, chi è sieropositivo. Insomma, un minestrone dai mille sapori. Ogni cosa narrativamente possibile in questa cornice è stata inserita a forza senza nessun limite, quasi a cercare forzatamente di catturare più pubblico possibile, ma al netto di tutto o delle parole, la serie si lascia guardare.

elite netflix recensionePresa senza impegno, serietà o ricerca qualitativa, Elite è uno show frivolo, in alcuni momenti anche anestetizzante per le assurdità che propone. Da prendere con le pinze, a cervello spento e senza pensieri, unico modo per divertirsi con uno show che aveva tutt’altre ambizioni.

VOTO 5.5

elite netflix recensioneGenere: thriller, drammatico
Publisher: Netflix
Regia: Ramon Salazar, Dani de la Orden
Colonna Sonora: Lucas Vidal
Intepreti: Omar Ayuso, Miguel Bernardeau, Mina El Hammani, Itzan Escamilla, Ester Exposito
Durata:
8 episodi

Articolo precedente
daredevil

Daredevil: un nuovo trailer dal NYCC per la terza stagione

Articolo successivo
Monster Hunter diventerà ufficialmente un film, lo conferma Capcom

Monster Hunter diventerà ufficialmente un film, arriva la conferma da Capcom

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata