È forse Nintendo Switch la miglior console da affiancare a un PC?

nintendo switch spot tv giapponese

Sono passati ormai alcuni mesi dal lancio di Nintendo Switch e, in attesa dei botti autunnali, può già valere la pena di tirare qualche somma. La prima cosa che mi viene in mente a proposito di Switch, captando certi commenti che trovo in giro per la rete, riguarda il sentore che la casa di Kyoto sia riuscita a intercettare almeno una porzione di “insospettabili”, ovvero i videogiocatori che vivono le proprie pulsioni ludiche per lo più di fronte al monitor di un PC. Sempre più spesso, difatti, mi imbatto in post per lo più entusiasti di chi ha affiancato la console di Nintendo al proprio sistema Master Race, alla ricerca di qualcosa di sostanzialmente “diverso” dalle altre piattaforme (mi riferisco a PlayStation 4 e Xbox One, ovviamente), splendide quanto volete, ma in difetto tecnico rispetto a un sistema decorosamente assemblato e, sostanzialmente, foriere di una proposta piuttosto simile, al netto delle esclusive.

Da onnivoro, non posso fare altro che confermare questa tendenza, almeno nella mia esperienza privata: lo dice il monte ore che sto accumulando su Switch, ma soprattutto lo dice il fatto che la sua portabilità è chiaramente un argomento che non può non far gola a chi, con l’ago in vena come me, sta seduto per ore con in mano mouse e tastiera, ma vorrebbe poter continuare a giocare con soddisfazione anche fuori casa. Al di là della gioia di passare del tempo nella Hyrule di The Legend of Zelda: Breath of the Wild, nelle arene inchiostrate di Splatoon 2 o nei deliranti campi di battaglia di Mario + Rabbids: Kingdom Battle, è proprio la clamorosa fruibilità in movimento – unita a un’immediatezza unica – a rendere Switch un compagno di merende estremamente complementare a un PC. Perché diciamocelo, avere in mano qualcosa di più corposo dei giochini per smartphone e tablet, quando si è in fila dal dottore o in metropolitana, ha un gusto nuovo, a prescindere dal fatto che negli anni si siano già succedute sul mercato piattaforme abili alla causa, come gli altri handheld di Nintendo o la sfortunata coppia PSP/PS Vita. Switch, tuttavia, è una questione profondamente differente, perché dona un’esperienza molto simile a quella profusa da una console da salotto, ma anche fuori casa.

Sine Mora EX immagine PC PS4 Xbox One Switch Hub

Sempre più spesso mi imbatto in post per lo più entusiasti di chi ha affiancato la console di Nintendo al proprio sistema Master Race

Peraltro, sempre più spesso, accade che nella chat redazionale, tra possessori di Switch, si gioisca per la venuta di alcuni porting di titoli già presenti su Steam. Tutto ciò che non abbisogna del “graficone” rischia di essere maledettamente più accattivante sul device di Nintendo, tanto che l’annuncio di Sine Mora EX, pur presente su PC da un bel po’, è stato accolto con giubilo qui dalle parti di TGM; io stesso, in questi giorni, sto passando del gaudioso tempo su Rayman Legends (recensione in arrivo a breve, stay tuned!) e non nascondo di stare provando oggi un piacere financo maggiore rispetto a quando ho spolpato il gioco su Xbox 360 prima e PC poi, fosse anche solo per il fatto di poterci giocare serenamente nelle lunghe sedute in quel posto lì. Il recente annuncio di Okami HD (che – finalmente – giunge anche in formato Windows) è stato accompagnato nella chat di cui sopra da una serie tonante di “e per Switch? Io ci voglio giocare lì!”, a riprova che la console di Nintendo rischia di essere “la morte sua” per tutte quelle produzioni che non puntano una certa parte delle loro fiches sulla possanza tecnica.

Questo discorso pare sia stato effettivamente recepito almeno da una parte dei PCisti, un popolo che sta probabilmente trovando in Switch la quadratura del cerchio: qualcuno sta financo scoprendo, per la prima volta nella vita, quanto di buono sia in grado di produrre Nintendo a livello di first party. Il fatto che anche le terze parti si stiano muovendo bene rappresenta certamente un segnale positivo e lascia aperte molte porte per il futuro, anche se ho i miei dubbi che chi gioca su PC possa trovare altrettanto soddisfacente vivere esperienze come Skyrim, DOOM o Wolfenstein nel peculiare ambiente di Switch; a mio avviso, invece, si tratta di prodotti che possono invece rivelarsi un buon riempitivo per chi, al contrario, ha sempre dato la sua fiducia alla sola Nintendo.

Al netto di tutto, è indubbio come la casa di Kyoto stia riuscendo (magari involontariamente) a strizzare l’occhio a una community alla quale forse non aveva mai pensato. Già il fatto che se ne parli è il più grande successo di questi primi mesi di vita di Switch, non trovate anche voi?

Articolo precedente
valve campo santo Firewatch vendite

Game of words

Articolo successivo
snake-longevità

La longevità dei videogiochi è un concetto relativo, ma dipende solo da noi?

Condividi con gli amici










Inviare

Password dimenticata