Legend of Keepers: Career of a Dungeon Master – Recensione

PC Switch

Non vedo l’ora che arrivi venerdì sera perché tra paladini da impalare e chierici da friggere, al lavoro mi han fatto diventare matto. In Legend of Keepers si lavora duramente.

Sviluppatore / Publisher: Goblinz Studio / Goblinz Publishing Prezzo: 17,99€ Localizzazione: Testi Multiplayer: Assente PEGI: 16 Disponibile Su: PC (Steam, Epic Games Store, GOG), Nintendo Switch, Google Stadia

“Per posizione di Dungeon Manager, valutiamo Centauro con esperienza, catapultamunito, buon esercito di non morti al seguito. Richiesta padronanza di ascia bipenne e tamburo da guerra.”





Questo l’ipotetico annuncio di lavoro a cui rispondere in Legend of Keepers: Career of a Dungeon Manager, roguelike a turni con anima manageriale sviluppato da Goblinz Studio e distribuito da Goblinz Publishing. Lo spirito di Dungeon Keeper è tornato, prepariamoci a smembrare qualche incauto eroe.

“NON CIELO DICONO” (sic)

Non ho mai creduto alla leggenda metropolitana secondo la quale gli eroi espugnerebbero i dungeon per salvare l’umanità. Come sempre accade, l’informazione mainstream è tutt’altro che imparziale e confonde il nostro pensiero critico. Così ho studiato per anni su Twitter e YouTube, e alla fine la verità è venuta a galla. Quelli che noi chiamiamo “mostri”, in realtà sono creature pacifiche e molto benestanti, invidiate dall’uomo, vera bestia malefica senza scrupoli. Pensateci: chi vive in un ampio sotterraneo di oltre cinquanta piani? I mostri. Chi possiede forzieri disseminati in ogni dove colmi di lingotti d’oro e pietre preziose? I mostri. Chi è così magnanimo e cultore del fair play al punto da lasciare in giro per le varie stanze armi e pozioni, dando agli invasori una possibilità in più? Esatto, i mostri. E allora chiamiamo una volta per tutte i vari Paladini, Bardi e Chierici con il loro vero nome: Tombaroli!

YOU SHALL NOT PASS!

Per cercare di porre freno alle scorribande umane, nascono agenzie specializzate nella difesa dei dungeon. E qui entriamo in gioco noi, guardie giurate in salsa RPG incaricate di respingere gli attacchi dei ladroni. Nei panni di uno Schiavista, un’Incantatrice o un Ingegnere, questi ultimi sbloccabili dopo alcuni livelli, dobbiamo dissuadere le orde di avventurieri a caccia di tesori.

legend of keepers recensione

Gli attacchi a disposizione non sono molti, ci si legna e basta.

A nostra disposizione, una ciurma sgangherata da allenare e potenziare missione dopo missione, più una serie di trappole da piazzare in punti strategici. E se l’incauta armata dovesse avere la meglio sui nostri fedeli soldati, saremo costretti a intervenire di persona, in qualità di ultimo baluardo tra i razziatori e le ricchezze.

UNA SETTIMANA PESANTE

In Legend of Keepers, il nostro lavoro è scandito dal passare delle settimane, ognuna delle quali ci propone scelte multiple sulle attività da svolgere. A periodi tranquilli durante i quali l’unica preoccupazione è addestrare le nostre truppe o inviarle in missioni secondarie, si avvicendano mesi di fuoco dovuti a tentativi di incursione in qualche tempio o sotterraneo, e qui entra in gioco la sezione roguelike. Il gruppetto di cosiddetti eroi pronti a far razzia è generato casualmente, e studiandone le caratteristiche bisogna organizzare la peggior festa di benvenuto possibile. Prima dell’azione vera e propria, c’è la fase di pianificazione in cui disporre le creature a difesa e preparare le trappole.

Continua nella prossima pagina…

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Impersonare i cattivi ha sempre il suo fascino / Immediato / Un bel comparto artistico.

Contro

  • Un po’ carente sul piano strategico / La parte dei combattimenti è di gran lunga più divertente di quella manageriale.
8.2

Più che buono

Password dimenticata