Scott Pilgrim vs. the World: The Game - Complete Edition – Recensione

PC PS4 Switch Xbox One Xbox Series X

Scott Pilgrim vs. the World: The Game uscì nel 2010, ma quattro anni dopo venne rimosso da tutti gli store online a causa di una diatriba legale tra Ubisoft e Universal. Nel frattempo il film tratto dalla serie a fumetti divenne una sorta di Sacro Graal per il popolo nerd, che rimase però orfano dell’ottimo tie-in. Sono passati più di sei anni da allora ma finalmente questa grave lacuna è stata colmata con l’uscita dell’Edizione Completa, che al gioco originale aggiunge i DLC usciti successivamente. Un bel pacchetto che sprizza pixel-art e cazzottoni digitali da ogni poro e che non aspetta altro che essere giocato da tutti.

Sviluppatore / Publisher: Ubisoft / Ubisoft Prezzo: 14,99€ Localizzazione: Testi Multiplayer: Cooperativo Online e Locale PEGI: 12 Disponibile Su: PC (Epic Games Store, Uplay), PS4, Xbox One, Xbox Series X|S, Nintendo Switch

Una volta si chiamavano “picchiaduro a scorrimento”, ora appartengono al ben più generico genere dei giochi action, con o senza elementi RPG, con o senza sezioni platform, con o senza collezionabili. Ultimamente la vecchia scuola che ha dato vita a perle del calibro di Final Fight e Vendetta sta conoscendo un glorioso revival. Sono ancora ben udibili gli echi delle grida di giubilo degli ultra-trentenni all’uscita di Streets of Rage 4 ed è quindi un periodo pressoché perfetto per far uscire (di nuovo) Scott Pilgrim vs. the World: The Game.





Il suo destino è stato simile a quello del film con Michael Cera – che poteva tra l’altro contare su presenze di spicco come Chris “Cap” Evans e Brie “Marvel” Larson – uscito tra la quasi totale indifferenza del grande pubblico e divenuto poi pellicola nerd-cult. Il tie-in griffato Ubisoft iniziò a destare interesse proprio nel momento in cui venne ritirato dai negozi online, ma viene oggi riproposto in versione Completa.

UN FUMETTO GIOCABILE

Impossibile non rimanere incantati fin da subito dalla pixe-art di Scott Pilgrim vs. the World: The Game, che in questa versione remastered è stata riproposta senza alcuna modifica grafica. A molti giochi di questo tipo vengono aggiunti filtri che ammorbidiscono le spigolature dei pixel e arrotondano la palette di colori, ma visto quanto è invecchiata bene la grafica originale non ce n’era alcun bisogno. Ogni sprite sprizza stile e perdersi nella miriade di dettagli di ogni schermata è facilissimo… ma meglio non farlo perché non siete di fronte a un giochino propriamente rilassante.

scott pilgrim vs the world recensione

L’utilizzo degli oggetti che troverete in giro è FONDAMENTALE per uscire vivi dagli scontri più accesi.

Se le prime fasi servono più che altro per sgranchire le dita e prendere confidenza con il (semplice) sistema di controllo, già verso la fine del primo stage vi accorgerete di quanto Scott Pilgrim vs The World pretenda dal giocatore. Mettere insieme le combo più semplici vi tirerà fuori dai guai all’inizio, ma buttarvi a testa bassa nella mischia vi porterà solo ad un veloce esaurimento delle vite a disposizione… e all’obbligo di ricominciare il livello da capo. Sì, perché qui non esistono checkpoint. Potete arrivare ad un pugno dalla vittoria contro uno dei boss finali e vedervi costretti a ripetere tutto da capo.

SBAGLIANDO S’IMPARA, E GLI ERRORI SARANNO FONDAMENTALI PER MEGLIO APPROFONDIRE IL VARIEGATO COMBAT SYSTEM

Sbagliando s’impara, però, e gli errori vi serviranno a penetrare sempre di più nel variegato combat system del gioco. Ai colpi base, pugni e calci, si aggiungono le immancabili mosse speciali che consumano parte dell’energia, ma forse ancora più importante è l’utilizzo dei moltissimi oggetti sparsi per i livelli. Mazze da baseball, palle di vario genere (comprese quelle di neve), tubi di ferro ma anche scatole di cartone e via dicendo, possono essere sollevate e usate a mo’ di arma o lanciate. È anche possibile sfruttare una sorta di juggling che permette di mettere a segno più colpi quando gli avversari sono chiusi agli angoli della schermata… occhio però perché anche loro potranno fare lo stesso e non esiteranno un istante. Come dicevamo poco fa, il gioco è impegnativo quindi non stupitevi se fin dal primo livello vedrete spesso i nemici parare i vostri colpi o cercare di aggirarvi per colpire alle spalle.

Continua nella prossima pagina…

Condividi con gli amici










Inviare

Pro

  • Un gameplay semplice abbinato ad un combat system profondo / Trama e personaggi deliziosamente folli, pixel-art sublime.

Contro

  • Difficile, a tratti fin troppo... e questo potrebbe scoraggiarvi / I difetti del gioco originale sono rimasti.
8

Più che buono

Password dimenticata